Toro, sfruttate al meglio le palle inattive

Toro, sfruttate al meglio le palle inattive

Torino – Napoli, la Lavagna Tattica di Lello Vernacchia: “Queste situazioni ti permettono di sbloccare partite che altrimenti sarebbero da X. Bisognava bloccare i rifornimenti a Higuain e il compito è riuscito molto bene”.

Come dopo ogni partita del Torino abbiamo contattato Lello Vernacchia per la nostra consueta Lavagna Tattica.

L’ex tecnico del Sassuolo ha le idee chiare sulla vittoria dei granata contro il Napoli arrivata ieri sera allo stadio Olimpico: “Il Toro veniva da una difficile trasferta a Bilbao e, dal punto di vista fisico, non è facile giocare il giovedì notte, poi ritornare in Italia ed essere pronti per la domenica. Anche il Napoli ha giocato giovedì sera, ma in casa, e una partita contro il Trabzonspor già assolutamente decisa all’andata con lo 0-4 esterno della squadra di Benitez. E’ quindi normale che, negli ultimi venti minuti, il Torino fosse un po’ stanco. Nonostante questo i ragazzi di Ventura hanno dimostrato di essere in un momento strepitoso, e hanno portato a casa una vittoria importantissima, che fa fare loro un ulteriore passo avanti in classifica. Ora bisogna mantenersi su questi livelli”.

Ancora una volta sono state sfruttate alla grande le palle inattive, con il gol di Glik di testa: “Quest’anno sono una vera risorsa per il Torino: come a San Siro contro l’Inter con il gol di Moretti diventano un valore aggiunto, e ti consentono di sbloccare partite che altrimenti sarebbero da X”.

Anche dal punto di vista tattico, per il Torino, tutto ha funzionato a meraviglia: “Era importantissimo bloccare i rifornimenti a Higuain, cosa che è stata fatta egregiamente, con l’argentino che ha calciato solo un paio di volte verso la porta di Padelli, entrambe dalla distanza. Gli esterni Darmian e Peres, oltre ai tre centrali Bovo, Glik e Moretti, hanno fatto davvero un gran lavoro, con tanta sicurezza. Anche i tre centrocampisti Farnerud, Gazzi ed El Kadouri hanno aggredito molto bene i dirimpettai del Napoli, facendo i movimenti giusti, concedendo poco e facendo sì che il 3-5-2 granata avesse la meglio sul 4-2-3-1 partenopeo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy