Toro: eppure, io non sono contento…

Toro: eppure, io non sono contento…

Lavata di Capo / Torna sulle colonne di TN il Direttore Mario Giordano

24 commenti
Mario Giordano

TN ha il piacere di riaccogliere sulle sue colonne la rubrica del Direttore Mario Giordano, per il quale non servono presentazioni. Buona lettura!

Eppure io non sono contento. L’orgoglio, i giovani, Barreca, Aramu, l’eroismo dei 9, il rientro di Belotti, la sfiga tutta granata del palo: figuriamoci se non mi immergo fino in fondo nei motivi di soddisfazione. E figuriamoci se non comprendo tutti gli alibi degli infortuni, le assenze importanti, i tradimenti (Maksimovic) e gli inserimenti difficili (Valdifiori). Ma insomma: ci aspettavamo un Toro arrembante e giocante, con ardore e schemi, e questo non si è visto ancora. Al massimo, si è visto a tratti solo con il Bologna. Troppo poco, davvero. A volte ho l’impressione che con la palla nei piedi non sappiamo bene che farne: l’anno scorso la passavamo al nostro portiere, adesso la passiamo al portiere avversario. Non so se è un vero progresso.

Ve la dico tutta: non ne potevo più di Ventura, sono un entusiasta di Mihajlovic, ma adesso è ora che quest’ultimo cominci a far seguire alle belle parole qualche fatto concreto. A me i suoi toni duri piacciono, quel parlare chiaro dopo anni di frullati giampiereschi mi fa  godere. Ma forse, con la stessa chiarezza, deve cominciare a spiegare qualcosa. Per esempio: come sono possibili tanti infortuni? A che serve uno staff così nutrito se poi le gambe non reggono e i muscoli si sfasciano? Anche il caso Maxi Lopez è esemplare: d’accordo lui deve dimagrire, d’accordo deve togliersi il frigorifero dalle spalle. Ma sono insieme in ritiro da luglio, santo Dio: possibile che il tecnico con i suoi collaboratori si accorgano di questo solo dopo che sono costretti a farlo giocare per gli infortuni altrui? Non potevano cominciare a metterlo sotto tiro un po’ prima? Che ci stanno a fare, altrimenti?

24 commenti

24 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 mesi fa

    Anche l’anno scorso Maxi Lopez aveva evidenti problemi di peso; forse non riesce più a fare i sacrifici che sono richiesti ad un atleta professionista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 2 mesi fa

      Allora lo si doveva vendere subito……se fosse così sarebbero colpevoli alla pari sia società che il mister.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sysma_558 - 3 mesi fa

    D’accordo su tutto meno che su due cose:
    1) non si deve confondere toni duri con scorrettezza in pubblico verso i tuoi giocatori (vedi dichiarazioni ai media su Baselli e Maxi)
    2) Mihajlovic non mi piaceva prima e non mi piace manco adesso, fa sempre il duro ma la sua parte di responsabilità fa sempre troppa fatica a riconoscerla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mav - 3 mesi fa

    Pensare che magari non è solo una questione di peso ?? No ?? Mi stupisci Giordano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tenente Sheridan - 3 mesi fa

    In effetti, Sinisa, prima di dire agli altri di “tirare fuori le palle”, dovresti essere tu il primo a dare il buon esempio.
    E te lo dico con la massima sincerità e franchezza, anche perchè, se la squadra dovesse continuare su questa strada, credo proprio che quest’anno non arriverai a mangiare il panettone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 3 mesi fa

      Concordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Sanguegranata - 3 mesi fa

    Lo dico da mesi, la società non sa fare programmazione! quando si punta tanto sulle scommesse significa che non si ha un’idea neanche vaga sulle basi necessarie per raggiungere un obiettivo, figurarsi elaborare strategie serie. Ma scusate, si parlava di EL avendo in mano cosa? un buon Tecnico? la convinzione che Baselli si autoconvinca di essere un campione nell’attesa che Martinez tiri fuori gli attributi che non ha e Ljiaic venuto controvoglia smentisca tutti quelli che dicono che è incostante? o forse si scommetteva molto sui giovani che Miha ha poi di fatto bocciato? ma sono scommesse anche Castan, Ajieti, Gustafson, Lukic e forse anche Aramu e Valdifiori per vari motivi, mentre Rossettini, Obi, Falque e Acquah sono dei mediocri, poche luci e molte ombre e Moretti e Vives ancora a tirare la carretta a 35/36 anni? Ciliegina sulla torta, a Ventura che contestato va ad allenare la nazionale si risponde con un allenatore che non ha dimostrato nulla (questa è la più grande scommessa) rivoluzionando peraltro la squadra e ricominciando tutto daccapo come 5 anni fa.. ma dalla seria A e con uno che da Ventura ha tanto da imparare, ma proprio tanto!
    Questa è la sintesi della programmazione di cui sono capaci in società! Ah però avremo un tesoretto di oltre 40 mln a luglio, dobbiamo essere felici!
    FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 2 mesi fa

      Siiiiiiii ma vieni!!!!! Tranne le ultime due righe sono prorpio d’accordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. luciano - 3 mesi fa

    Con l’impegno e con la dieta dall’inizio del ritiro la lavatrice sarebbe già scaricata. Per il resto condivido al 101% il contenuto dell’articolo di Giordano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. The Mtrxx - 3 mesi fa

    Lopez ha giocato col frigorifero una partita e poi niente, forse ha convinto Miha che ce la poteva fare col frigo in spalla e invece no.
    Son due anni che si porta il frigo in spalla, son kili duri da smaltire.
    Miha ha I suoi limiti ma la squadra, i giocatori ne anno altri.
    Ma veramente si pensava che facendo giocare gli stessi interpreti dell’anno scorso qualcosa sarebbe cambiato?
    Obi Baselli Vives Bovo Acquah Martinez Molinaro Benassi son sempre gli stessi a tirare nel bene e nel male la carretta.
    Mi pare anche che Miha azzecchi la seconda formazione ogni domenica, coi cambi tutto gira meglio, osare prima?
    Se giocavano Obi e Benassi dall’inizio non finiva così. Ne sono convinto. Non che obi sia un mago ma é al meglio da quando é arrivato mentre Baselli é il solito di sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Gianni - 3 mesi fa

    Infatti chi conosce Miha sa che non è un genio della tattica, ma solo un allenatore normale che ha il pregio di credere nei giovani e motivare la squadra… e pensandoci bene non è poco per le società che investono poco sul mercato o puntano sulle scommesse o sul recupero di validi giocatori scartati da altre squadre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Leo - 3 mesi fa

    Gentile Direttore, le sue speranze su Mihajlovic sono destinate ad essere deluse. Il giudizio su Mihailovic lo ha dato Mario Sconcerti in diretta televisiva domenica scorsa alle ore 23. Ad un tifoso del Toro che gli chiedeva di esprimersi appunto sul tecnico serbo, il giornalista del Corriere della Sera, unanimemente ritenuto tra i massimi esperti di calcio in Italia, ha risposto così: “Una brava persona….ma NON un buon tattico. Ogni tanto riesce a trovare la quadratura…un allenatore “normale”. Traduciamo noi : Mihajilovic è un MEDIOCRE allenatore. E mediocre lo è stato anche ieri, dimostrando che tutto il suo sapere calcistico non va, evidentemente, oltre a qualche insulto, a coloriti inviti a tirare fuori gli attributi ed a recriminazioni ripetute sulle assenze di Belotti e Ljajic. Gli aveva risposto Cairo in persona già un paio di giorni addietro : “Tutte le squadre hanno delle assenze…”. Ma, evidentemente, il serbo non aveva niente di meglio in serbo (e scusate il gioco di parole). La cosa è ben strana: ci siamo lamentati con Ventura per una sua presunta rigidità tattica, Mihajlovic è stato acclamato come profeta del pragmatismo, e adesso ? Beh adesso è successo che non sappiamo rinunciare al 4-3-3 anche quando mancano per intero tutti e 3 gli avanti titolari. Mi chiedo quindi e vi chiedo : un buon tattico non avrebbe dovuto spolverare per l’emergenza – se di vera emergenza si tratta, come afferma Mihajlovic ad ogni piè sospinto – un più opportuno 4-3-1-2 ? O un ancelottiano albero di natale? O magari un 4-1-4-1 ? Insomma una soluzione da ALLENATORE ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torissimo - 3 mesi fa

      Condivido completamente, tranne un passaggio di Sconcerti: “una brava persona”… avrei qualche riserva

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cazzaniga - 3 mesi fa

      “Secondo me Mihajlovic non è adatto a questo Milan, pur essendo un ottimo allenatore. Ma è uno di pratica virile mentre il Milan è abituato ad essere una società fine” (Mario Sconcerti 7.1.2016)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Cazzaniga - 3 mesi fa

      “…io credo che il bello di questo Milan sia altro: questa continuità e questa crescita che hanno fatto passare il Milan dall’essere una squadra allo sbando ad una squadra estremamente completa, rendono migliorabile questo gruppo e lo fanno proiettare con positività sulla prossima stagione. In questo una nota di merito va a Mihajlovic che ha un grande merito: ha reso rigovernabile il cantiere Milan rendendolo adatto ad un grande progetto per il futuro” (Mario Sconcerti 28.2.2016)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Cazzaniga - 3 mesi fa

      “Mario Sconcerti è sicuro: Sinisa Mihajlovi sarà il Mourinho del Milan” (4.6.2015)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 3 mesi fa

        Insomma, con tutto il rispetto per ogni opinione, il calcio è una disciplina dove vale tutto ed il contrario di tutto.
        Poi non so se il signor Sconcerti abbia mai messo gli scarpini o meno, personalmente penso ( magari sbagliando) che se non hai mai giocato anche solo a livello dilettantistico, forse è meglio limitarsi a fare il tifo, invece che sentenziare.
        Chiunque tu sia, e qualunque sia la tua visibilità pubblica.
        FVCG sempre, sia con Ventura prima che con Mihailovic adesso !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Cazzaniga - 3 mesi fa

          Concordo sempre Forza Toro, però Ventura – a parte la questione estetica: un settantenne sempre abbronzato dal passo ciondolante con la camicia sbottonata sino all’ombelico non si può proprio vedere – era l’anticalcio, da Glick a Moretti, poi Bovo, quindi Vives e, di nuovo, Glick e Moretti. Sono arrivati discreti risultati (anche gli avversari, a volte, finivano narcotizzati), bisogna riconoscerlo, ma il calcio è emozione, è scontro agonistico, è tensione, ritmo ecc. ecc.. Se il campionato italiano è soporifero, gli stadi sono vuoti e quando guardi la premier league ti sembra di assistere ad un altro sport è anche colpa di quelli come Ventura. Quindi, addio Giampiero, grazie di tutto (come spesso hai ricordato, senza di te saremmo ancora a Cittadella) e a non rivederci mai più.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Leo - 3 mesi fa

            Mi siano consentite alcune considerazioni :
            (1) Il calcio E’ ANCHE CERVELLO e non solo muscoli. Ventura sarà stato esteticamente poco apprezzabile ma nel calcio, quello che conta, è l’estetica del GIOCO e non quella dei giocatori. E tantomeno quella degli allenatori. Il gioco di Mihajlovic – lo ripeto per l’ennesima volta – semplicemente non si capisce quale sia.
            (2) Le dichiarazioni di Mario Sconcerti su Mihailovic sono coerenti e, direi, costanti: basta avere voglia di leggerle, con buona pace di Cazzaniga. Sconcerti non ha mai dato a Mihajlovic del deficiente. Semplicemente ha sempre ripetuto che si tratta di un allenatore che privilegia un certo tipo di agonismo, che può essere anche utile in particolari contesti di spogliatoio, che crede che la selezione dei giocatori possa supplire alla deficienza tattica, ecc.
            (3) La citazione che Cazzaniga fa di Sconcerti su Mourinho è parziale (e quindi sbagliata).Interrogato lo scorso anno a SKYSPORT 24, da Fabio Caressa, sull’evenienza che Mihajlovic fosse per il Milan un nuovo Mourinho, Sconcerti ha così risposto: “Io credo che sia un paragone appropriato ma NON POSSIAMO CONSIDERARE Mihajlovic come il Mourinho del Milan, anche perché l’allenatore del Chelsea è molto ma molto più fondamentalista. Sinisa è serbo, ed è un fatalista che si attiene al corso degli eventi, mentre Mourinho vorrebbe determinare ogni cosa della partita….”. Sconcerti intendeva cioè dire che, come Mourinho, Mihailovic privilegia un certo tipo di rapporto con i giocatori (cosa che lo rende simile a Mourinho) ma mentre Mourinho cerca TATTICAMENTE E IN MODO MANIACALE di determinare ogni movimento del gioco, Mihajlovic è dell’idea che il gioco non sia così governabile e tende ad essere “fatalista”, cioè a non pretendere troppo dal lato tattico ai suoi.
            (3) Faccio infine notare che oggi, quello che viene riconosciuto al calcio italiano come suo elemento caratterizzante, è appunto l’aspetto TATTICO. E i nostri allenatori sono apprezzati all’estero, e pagati fior di quattrini, proprio per questo motivo.

            Comunque – SIA CHIARO – FVCG SEMPRE E COMUNQUE !!!!

            Mi piace Non mi piace
          2. sysma_558 - 2 mesi fa

            Cazzaniga sei incontentabile, una cosa sola ti voglio ricordare……BILBAO……per il resto sto zitto solo per educazione.

            Mi piace Non mi piace
    5. sysma_558 - 3 mesi fa

      Leo mi hai tolto le parole di bocca……!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leo - 3 mesi fa

        Grazie, mi fa piacere 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Gianni - 3 mesi fa

    Il problema dei chili di Maxi è un problema dell’uomo, mi pare evidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. daunavitagranata51 - 3 mesi fa

    io inkaxxato

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy