Contro il Genoa granata obbligati a vincere!

Contro il Genoa granata obbligati a vincere!

L’editoriale di Gino Strippoli / Tornare alla vittoria per non sprofondare nella classifica che non conta

6 commenti
ventura

Stasera il Toro ha l’obbligo di vincere, primo perché manca da molto tempo alla conquista dei tre punti, esattamente dal 27 settembre contro il Palermo (un punto solo in questo ottobre è davvero poca roba); secondo perché la difesa deve dimostrare di essere tornata invalicabile anche perché, alla prova dei fatti, con i 12 gol subiti in campionato sembra che il reparto arretrato granata non dia più le sicurezze dello scorso anno: troppe le disattenzioni e gli errori. La difesa del Toro è sempre stato il cardine della squadra di Ventura e lo scorso anno alla nona giornata aveva subito solo 9 reti ed il -3 non è di certo un bel segnale; terzo l’attacco si deve sbloccare ma soprattutto deve essere più incisivo negli ultimi 15 metri. I gol rispetto allo scorso campionato sono a + 6: Quagliarella e soci infatti  quest’anno hanno un saldo di 13 reti fatte mentre lo scorso anno erano fermi a sole sette segnature.

 Il carattere questa squadra c’è l’ha eccome ed i risultati più volte ribaltati quest’anno lo dimostrano, il gioco c’è anche e contro la Lazio la partita l’ha fatta il Toro ma i gol ahimé li hanno fatti i biancocelesti. Manca ancora quel cinismo accomunato ad una maggior consapevolezza da parte della squadra dei propri mezzi tecnici. Il Toro oggi è una squadra che se entra in campo con il giusto piglio e concentrazione se la può giocare con chiunque. Fosse stato più incisivo in attacco a Roma il Toro sarebbe quanto meno uscito con un punto, invece il reparto d’attacco ha trovato da tre partite un Quagliarella troppo statico (stanco?) e forse l’accoppiata Maxi Lopez-Belotti in questo momento potrebbe dare più soddisfazioni.

SS Lazio v Torino FC - Serie A
Quagliarella in azione contro la Lazio: il bomber granata è apparso stanco nelle ultime giornate, stasera potrebbe riposare

Contro il Genoa i granata hanno un solo risultato: vincere e scacciare così le nuvole nere che si potrebbero addensare e far scoppiare un temporale. La difesa sarà sicuramente imperniata sui tre oggi titolari Bovo-Glik-Moretti mentre a centrocampo un’ ipotesi potrebbe essere quella di veder al posto dello stanco Vives  l’Under 21 Marco Benassi (in quel ruolo ci ha già giocato a Livorno) oppure il giovane Prcic, sempre che il mister Ventura non voglia ancora rispondere in cabina di regia con  “il Peppe”. Di sicuro si avverte l’assenza dello scudo davanti alla difesa che ha il nome di Gazzi e forse la dinamicità di Benassi o Prcic rispetto a Vives potrebbe sopperire meglio al problema.

Detto che i due esterni dovrebbero essere gli stessi visti contro la Lazio in attacco il turno di riposo a Quagliarella in vista del derby  ci potrebbe stare con conseguente conferma di Belotti a fianco di Maxi Lopez o perché no di Martinez che non vede più il campo da tempo immemore.

Vincere stasera per i granata vuol dire confermare i progressi visti nelle prime giornate di campionato ma soprattutto rimanere attaccati alla classifica che conta, perché se è vero che ad oggi la classifica non è così importante è altrettanto importante rilevare che un pareggio o ancor peggio una sconfitta vorrebbe dire andar a finire in posizioni del campionato che non contano!

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pimpa - 2 anni fa

    Forse lotteremo per entrare in Europa League ma,come dice leojunior,magari ce la giochiamo con chiunque,ma con chiunque delle altre pretendenti alla Europa League perdiamo con tutta tranquillità.
    D’altra parte,dico,se stiamo interrogandoci se Ventura farà o meno giocare Martinez,ci siamo già dati una risposta:egli ha già dato prova di essere totalmente inadeguato a giocare in questo campionato,e finiamola col dire che è giovane,che è l’ultima chance,che sarà la partita giusta.
    E’ un broccolo e basta.
    Stasera magari vinciamo visto che giochiamo col Genoa (se ripenso alla enorme vergogna di Carpi..),ma abbiamo niente più che una squadra discretina qualitativamente,ma del tutto priva di nerbo,convinzione e cattiveria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 2 anni fa

    DAI GRANATA !!! …e DAI MARTINEZ…che questa è la tua partita…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …minkia lottare per retrocedere ? …siamo a 4 punti dalla champions…se per caso si vince stasera potremmo già essere in zona champions…invece di piangere vediamo di dare una mano a questa squadra che è piena di giovani e deve solo giocare e sbagliare…a partire da Martinez che se giocherà andrà sostenuto fino all’ ultimo minuto e non smerdato come Benassi l’ hanno scorso al primo o secondo errore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 2 anni fa

      la mia non era una critica o una valutazione sulla squadra. Solamente un timore dovuto al fatto che nessuno sa per cosa vogliamo lottare. Diciamo CL? allora perdere a Carpi deve essere considerato folle. Ma stabiliamo cosa siamo per darci il giusto atteggiamento in campo e fuori. Il rischio altrimenti è di continuare a dire che siamo potenzialmente una bella squadra (e lo siamo!!) ma che possiamo vincere o perdere con chiunque

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Papa Urbano I - 2 anni fa

        …a carpi ha pareggiato il super napoli e hanno vinto inter e fiorentina immeritatamente…quindi perdere a carpi non è folle…ma è il calcio…soprattutto se ti mancano 7 titolari…e che titolari…l obiettivo è migliorare lo scorso anno….quindi primi 6 posti = EL…come + volte detto anche dalla società…chiaro che prima però sarà meglio raggiungere la quota salvezza…perchè come detto prima…il calcio non è matematica…e il carpi e il frosinone potranno fare altri punti…anche con squadre + forti di loro…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. LeoJunior - 2 anni fa

    Ribadisco quanto già scritto in precedenza. Ho il timore che non avendo definito un vero obiettivo possano anche mancare le motivazioni. Non vorrei che “il potersela giocare con chiunque” diventi un finto obiettivo pericoloso e sterile. Anche perché fa il paio con “la possiamo perdere con chiunque”. E l’atteggiamento visto in campo sembra proprio quello. Non vedo arrabbiature, disperazione, urla (nemmeno del capitano!) se prendiamo 2 goals (!!) dal Carpi o da polli come con Chievo e Lazio. Sembra quasi che: “tanto poi ce la giochiamo con chiunque”. Se l’obiettivo è la salvezza allora con alcune squadre dobbiamo portare via un punto a tutti i costi. Se l’obiettivo è andare in EL non possiamo permetterci di scherzare con non squadre come il Carpi. Se non abbiamo obiettivi va bene ogni risultato ….. attenzione che poi riattaccare la spina per lottare per non retrocedere poi è dura

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy