Genoa-Torino: sfida cruciale per due!

Genoa-Torino: sfida cruciale per due!

L’editoriale di Gino Strippoli / Una vittoria granata caricherebbe tutto l’ambiente in vista derby

3 commenti

La sfida contro il Genoa arriva in un momento cruciale della stagione, infatti la domenica successiva ci sarà all’Olimpico di Torino la stracittadina, tant’è che un risultato positivo o negativo  per i granata di Giampiero Ventura potrebbe essere condizionante per affrontare la Juventus. Una vittoria o un buon pareggio sarebbe salutare per affrontare la prima del campionato ma soprattutto perché, oltre all’entusiasmo di una comune vittoria, caricherebbe ancor  di più Glik e compagni.

Già, capitan Glik: rischia grosso il polacco contro i rossoblù. Infatti su di lui pende una diffida e in caso di altra ammonizione salterebbe il derby facendo saltare anche gli schemi difensivi venturiani e la sicurezza che il pacchetto difensivo sta riacquisendo nelle ultime giornate.

Ecco che Genoa-Torino assume le sembianze di partita assai difficile da decifrare perché, se è vero che a Marassi il Toro deve e può giocarsela alla pari, cercando il risultato, è altrettanto vero che è inevitabile che ci sia nelle teste dei giocatori il pensiero allo scontro con la Juventus, visto che si tratterebbe di una partita salva-stagione in caso di vittoria.

Senza ombra di dubbio oggi i giocatori granata dovranno mettercela tutta per vincere, così da mettersi anche al sicuro da eventuali capitomboli in classifica  anche perché da oggi in poi il Toro dovrà affrontare successivamente i bianconeri e a San Siro l’Inter di Mancini.

Un trittico che si inaugura oggi pomeriggio e che dirà se il Toro ha pienamente recuperato sotto il profilo psico-fisico e soprattutto se non lo si vedrà coinvolto nella lotta per la salvezza. In questo momento del campionato non si può più scherzare : un capitombolo di tre sconfitte consecutive porterebbe la squadra a vivere scenari tutt’altro che tranquilli e sereni, quindi l’occhio deve andare sull’immediatezza dell’oggi, ovvero sul campo ligure.

Recuperato Vives il centrocampo dovrebbe ancora vedere a sinistra Benassi e a destra Acquah. I due portano grinta e potenza fisica rispetto a Daniele Baselli per cui difficilmente l’ex atalantino vedrà il campo dal primo minuto. Il ragazzo è un talento puro e va salvaguardato al meglio, ma da troppo tempo appare fuori condizione per cui pare giusto dargli il tempo necessario a recuperare al pieno energie fisiche e mentali.

A completare il centrocampo granata, detto che Vives dovrebbe essere al suo posto in cabina di regia, dovrebbero esserci ancora Peres a destra e Molinaro a sinistra, a meno che  Ventura non decida di dare fiducia a Zappacosta, dando una pausa al brasiliano proprio in vista del derby.

In difesa Moretti e Maksimovic saranno ancora una volta i baluardi  della difesa comandata da Glik. Difficilmente mister Ventura (come annunciato in conferenza) si priverà del suo capitano (ricordiamolo, in diffida e quindi rischio squalifica derby) anche perché Bovo non è stato convocato, mentre Jansson non è al meglio della condizione. L’attacco sarà ancora una volta disegnato sulla velocità di Ciro Immobile e sulla prepotenza di Belotti.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Achille - 10 mesi fa

    Scommetto qualunque cosa che Glik oggi verrà ammonito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 10 mesi fa

    Quando arrivera quel giorno in cui questo toro schierera le tre punte dall’inizio, quando?????
    Pensiamo sempre a non prenderle, non se né può più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Emanuele886 - 10 mesi fa

    Purtroppo in queste 3 partite sarà già un’impresa fare 1 punto!!!la salvezza è ancora moooolto lontana e si deciderà all’ultima giornata dove, speriamo, l’Empoli sia già salvo e ci lasci i 3 punti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy