Il Toro fa viola i fiorentini

Il Toro fa viola i fiorentini

L’ editoriale di Gino Strippoli / Granata vincenti in rimonta per la terza volta consecutiva

9 commenti

Partiamo dal presupposto che il Toro, oggi come oggi , nei primi venti minuti vacilla sempre con tanta sofferenza: é successo contro il Pescara, il Frosinone e la Fiorentina ieri sera.  Però poi i ragazzi di Giampiero Ventura hanno la capacità di reagire con una reazione che parrebbe incredibile se non si conoscesse il modo, al limite della perfezione, di preparare le partire da parte di mister Ventura.

Era dal marzo del 2002 che il Torino non batteva la Fiorentina e da allora si son contate sette vittorie toscane e cinque pareggi. Una vittoria meritata condita dalla solita sofferenza iniziale, con la sberla a freddo di Alonso che ha cercato con un gesto al limite della vergogna di “matare” il Toro. Già: ma il Toro non é così semplice da “matare” ed infatti i granata hanno incornato il torero e ha mandato a casa malconcia una Fiorentina forte di un organico di primo piano ma forse ancora troppo immatura per entrare nel novero delle squadre di primissima fascia.

I granata dopo la sbandata iniziale che ha condizionato tutto il primo tempo – dove Glik e compagni apparivano molli e incapaci di arginare il possesso palla viola spesso estenuante – hanno iniziato a macinare gioco nei secondi 45 minuti e a giocare da Toro, con più vivacità sulle fasce ma sopratutto con più aggressività e voglia di vincere. Tant’é che nel giro di un minuto e poco più il Toro ha prima pareggiato con l’eterno Moretti e poi é passato in vantaggio con Quagliarella grazie ad un prezioso assist di Peres.

Una reazione che ha visto in primo piano il ghanese Acquah mettere più fosforo al centrocampo e dare più impulso sulla fascia destra; il resto lo ha fatto Daniele Baselli con un gol da cineteca quanto la costruzione che lo ha portato al tiro (finta di corpo che ha spiazzato Borja Valero) ha fatto esplodere l’ Olimpico di Torino e ha, di fatto, chiuso la partita.

Cosa non é piaciuto di questo Toro in questa partita dove ha dimostrato, comunque, una grande maturità? Diciamo un Peres che nel primo tempo é sembrato troppo svogliato (vedi il gol realizzato dai Viola) e un Glik che ancora non ha raggiunto la perfetta condizione. Nonostante ciò il capitano ha fatto a sportellate rude e dure con un brutto cliente come Kalinic e ne é uscito vincitore. A parte, appunto, il momento di sbandamento sul primo gol dove si é fatto anticipare dal croato.

Ma é chiaro che alla seconda giornata di campionato non tutto può essere perfetto e questo Toro ha dimostrato di essere sulla strada giusta per raggiungere grandi risultati. La campagna acquisti fatta si sta dimostrando eccellente, come é stata del resto la prestazione di Danilo Avelar. BravoPadelli sia nelle uscite alte sia nel respingere l’incornata di Kalinic nell’occasione del vantaggio della squadra di Sousa.

La Fiorentina ha tenuto in scacco il Toro per tutto il primo tempo ma poi é stata incornata nel momento in cui si é forse sentita troppo sicura di sé.

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

    Ieri sono andato a visitare Viola news e sono rimasto piuttosto deluso dai commenti di molti tifosi viola, per cui secondo molti di loro hanno perso “a causa” del gemellaggio! A loro dire troppo buoni con noi non hanno voluto chiudere con cattiveria la partita.
    Allucinante. Per non dire della difesa nei confronti di Alonso.
    Un atteggiamento che non mi aspettavo da parte dell’unica squadra italiana con la quale siamo gemellati da tanti anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. jon1_425 - 2 anni fa

    3 rimonte su 3 partite dicono tutto al di là del risultato..la facilità poi con cui si ribalta è allucinante.
    questo quagliarella poi è davvero un giocatore fenomenale…peccato non fare le coppe quest’anno ci saremmo tolti delle belle soddisfazioni pure lì.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alberto Fava - 2 anni fa

    Questa della Fiorentina è una pratica chiusa, almeno per questo girone, non serve più parlarne.
    Sotto con la prossima adesso!
    Forza sempre e solo Toro !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. gian.ca_953 - 2 anni fa

    E’ normale che dopo un simile avvio di stagione l’euforia prenda il sopravvento e, nel calcio come in tutti gli sport, l’entusiasmo è la miglior condizione psicologica per affrontare i prossimi eventi.
    Nessuno si illude di essere il Barcellona o il Real Madrid, però il modo in cui sono maturate queste 2 vittorie (cui si aggiunge l’altra rimonta in Coppa Italia) dice che la squadra c’è, è matura il giusto in taluni elementi e può avere quel qualcosa in più dai suoi giovani.
    In porta mi tengo volentieri Padelli; Bruno Peres ed Avelar sulle fasce garantiscono velocità, classe ed imprevedibilità; il blocco centrale titolare (Maksi – Glik – Moretti) era già una garanzia; in avanti Quaglia e Maxi vanno benissimo insieme e sono convinto che Belotti saprà ritagliarsi a poco a poco il suo spazio; il centrocampo è quello che deve ancora assumere una connotazione precisa: Baselli è un mostro, ha fatto più lui in 3 partite che Elka in due stagioni; Benassi non è ancora entrato in forma, può solo migliorare (e se non lo facesse c’è Acquah pronto a sostituirlo; al centro uno tra Gazzi e Vives per garantire interdizione ed esperienza). Anche i sostituti quest’anno sembrano all’altezza, sebbene in queste due partite Ventura abbia impiegato solo 14 elementi della rosa.
    Effettivamente mai come adesso bisogna fare i complimenti a Cairo e Petrachi per aver mantenuto l’impianto di squadra, investito i soldi dell’unica cessione illustre (seppur dolorosa) in giovani italiani di grandissimo avvenire ma, soprattutto, per aver dato modo a Ventura di disporre delle rosa intera (tranne Belotti) fin dai primi giorni del ritiro, in modo da preparare a dovere la stagione e l’avvio della medesima (tutti ricordiamo il disastro delle prime partite dello scorso anno).
    Ora come ora nessuno può dire dove potrà arrivare il Toro, a me basta che giochi da Toro e sono convinto che potremo toglierci tantissime soddisfazioni, sicuramente tutte le squadre che ci affronteranno dovranno sudarsela fino in fondo…e in un campionato che non sembra avere padroni assoluti come lo scorso anno tutto può succedere…sogniamo sì ma con i piedi ben piantati a terra!!
    Forza Toro!!!!

    Giantoro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sergio Rossi - 2 anni fa

      Complimenti, non c’e’ una virgola fuori posto. Analisi totalmente condivisibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Brawler Demon - 2 anni fa

        Infatti, d’ora in avanti, preparerò ogni mio intervento su un foglio di Word. Quanto è utile Disqus, questi della Gazzetta, non l’hanno ancora provato?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Puliciclone - 2 anni fa

    Calma popolo! Serpeggia il virus dell’euforia. Non dimentichiamo che l’uomo più importante non lo abbiamo. Ci manca chi esce dalla fase difensiva e consegna il pallone al centrocampo. Corriamo pericoli folli in quella fase.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Sergio Rossi - 2 anni fa

    Caro Gino Strippoli, perche’ andare alla ricerca dei “colpevoli” nel Toro del primo tempo? Tutta la squadra e’ apparsa molle ed inconcludente. Non poteva essere quello il Toro vero, troppo sonnacchioso e poco reattivo. Quando la squadra si e’ svegliata, si sono visti i risultati, abbiamo piallato la Fiorentina, troppo leziosa e fragile. La colpa del Toro dai due volti? Siamo appena alla seconda di campionato e non vedo all’orizzonte formazioni stellari. Diamo tempo a Ventura di rodare al meglio la sua creatura, di oleare certi meccanismi, e noteremo che certe sbavature cesseranno d’incanto. Il materiale e’ buono, con qualche pezzo pregiato, un po’ di pazienza, per cortesia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. PaoloSWE - 2 anni fa

    “il Toro non é così semplice da matare ed infatti il Toro ha incornato il torero” bellissimo passaggio dell´articolo.. specie dopo quanto successo con m.alonso! dei nuovi Avelar e Baselli stellari!! e anche Acquah mi piace tanto (ma li prendiamo tutti noi i giocatori che si fanno cazziare dalle mogli???)vedrete che alla distanza prenderá sempre piu minuti in campo! ho fatto fatica ad addormentarmi ripensando al Toro del secondo tempo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy