Il Toro vede le streghe di Benevento, poi Sirigu e Ia-gol le scacciano

Il Toro vede le streghe di Benevento, poi Sirigu e Ia-gol le scacciano

L’ editoriale di Gino Strippoli / Granata vincenti ma con fatica mostruosa e tanto buio

5 commenti

Per carità, chi vince ha sempre ragione e il Toro ha vinto; ma con obiettività non si può parlare di vittoria meritata visto che fino al 94′ chi ha davvero messo in difficoltà il portiere avversario era stata la squadra del Benevento. Un grande Sirigu ha evitato al Toro la sconfitta visto che per ben 4 volte grazie ai suoi interventi davvero importanti ha salvato la rete granata.
Poi si sa, chi ha i giocatori di classe ha la maggior possibilità di vittoria anche quando non tutto funziona e il Toro ha in Ljajic il giocatore che con un assist ha messo Iago nelle condizioni all’ultimo minuto di battere a rete.
In effetti contro il Benevento ci si aspettava un altro Toro ed invece è mancato nell’ aggressività e soprattutto nella corsa, mentre i ragazzi di Baroni invece non hanno mai smesso di pedalare velocemente, facendo correre anche il pallone e mettendo più volte in crisi centrocampo e difesa granata. Insomma, il Toro ieri sceso in campo non ci ha capito nulla preso dalle accelerazioni e dall’aggressività campana.


Così proprio non va, caro Toro. Se si eccettua qualche tentativo isolato di Ljajic nel primo tempo, con un paio di tiri secchi di cui uno in particolare ha veramente messo in difficoltà il portiere avversario, per il resto della partita il Toro non ha mai impensierito la porta del Benevento. É vero che Lucioni e i suoi compagni hanno chiuso bene gli spazi difendendo  in undici uomini ma è altrettanto vero che, viste le occasioni create, hanno anche giocato a viso aperto senza però mai lasciare scoperta la retroguardia.

Al Toro è mancato quello che invece ha fatto vedere il Benevento, tanta corsa e tanta aggressività. Troppo spesso il gioco è stato lezioso e Belotti non ha mai avuto palle giocabili. Il Toro quando si è avvicinato alla porta avversaria lo ha fatto solo su calci piazzati e mai su azione, eccezion fatta per il gol realizzato all’ultimo minuto grazie all’invenzione del numero dieci granata.

Insomma la vittoria non è stata meritata di certo ma al Toro va riconosciuta la testardaggine di averla cercata fino all’ ultimo secondo e di averla acciuffata. Appare chiaro, dopo questa partita, che andranno riviste le posizioni in campo per mettere Belotti nelle condizioni di esprimersi al meglio. Niang alla prima in granata nel secondo tempo ha fatto vedere un paio di accelerate delle sue ma nel primo tempo è mancato troppe volte. Sicuramente il ragazzo è di grande valore e lo dimostrerà presto quando entrerà in condizione ottimale. Il doppio infortunio di Obi e Acquah non può essere un alibi per la brutta prestazione granata a livello di gioco. Non c’è mai stata un’ azione limpida e questo la dice tutta sul lavoro che dovrà far sui giocatori l’ allenatore granata. Falque è stato super nell’inserirsi nel momento giusto per andare in gol ma per tutta la partita ha latitato senza mai esser pericoloso come lui ci ha abituato.
Tre punti importanti su un campo difficile, dove sicuramente poche squadre riusciranno a spuntarla quindi onore al Toro ma onore al Benevento perché non meritava di uscire sconfitto dopo aver giocato anche in maniera superiore ai granata.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pimpa - 2 mesi fa

    Fatta la tara di tutto (infortuni,inizio campionato,giocatori nuovi e altro a piacere),ci sono tracce chiarissime e ormai durature.
    1) i presunti giocatori di livello,escluso Andrea,giocano a nascondino e non hanno personalità ne’ gamba;
    2) il gioco,un gioco,non esiste e non esisterà mai con questo “allenatore”;
    3) ammesso,ma non concesso,che questo sia l’allenatore giusto,il fatto che da più di un anno non si riesca a vedere una partita in trasferta con squadre ridicole in cui la squadra entra in campo e martella incessantemente gli avversari per stroncarli,fa capire che i giocatori che abbiamo sono dei quaqquaraqua;
    4) io una squadra che non ha gioco non l’ho mai vista ottenere grandi risultati come per noi sarebbe andare in Europa.
    Io baratto subito un altro anno senza Europa se questo significa liberarsi della tigre serba.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granata39 - 2 mesi fa

    marino39 Troppa leziosità nella ricerca del dribbling anziché far correre velocemente la palla anticipando il contrasto con il vantaggio di ritardare il riposizionamento della difesa avversaria.Napoli docet

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Lucius - 2 mesi fa

    Completamente d’accordo con Gino Strippoli. Mi sembra che, in trasferta, si continui con la mollezza dell’anno scorso, e non possiamo certo dire che Bologna (schifezze arbitrali a parte) e Benevento siano squadre di livello superiore al nostro. Consoliamoci con il gol di ieri all’ultimo minuto, ma di questo passo arriveranno presto le scoppole…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. torinodasognare - 2 mesi fa

    Ia-gol è la più classica delle battute di Ruttosport

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. claudio sala 68 - 2 mesi fa

    Il Benevento aveva giocato bene anche le altre due partite, in questa fase loro hanno più gamba di altre squadre.
    Problema sarà gestire il centrocampo senza due giocatori ed aspettare il Gallo che mi sembra giù di corda

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy