La prima crepa o solo un episodio?

La prima crepa o solo un episodio?

Editoriale / Non può bastare una partita a spostare i giudizi, ma serve una pronta reazione

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Come interpretare la non-prestazione del Torino contro il Napoli? C’è modo e modo di perdere, ha detto bene Belotti. L’onestà del Gallo nel metterci la faccia è l’immagine da cui ripartire. Cancellando ciò che si è visto in campo, perché quello visto domenica non può essere il vero Torino di Mazzarri. L’atteggiamento remissivo e deconcentrato di molti giocatori dovrà essere analizzato sino in fondo. Perdere contro il Napoli per il Torino è nell’ordine delle cose; a questa squadra non si chiedeva una vittoria a tutti i costi. Si chiedeva invece una prestazione da squadra, con tono agonistico, intensità e zero regali. Il Napoli di Ancelotti è molto forte, forse più di quello di Sarri, ma il Toro – concedendo due gol banali – si è battuto da solo e sarà meglio per tutti che ciò non si ripeta.

Non vogliamo pensare che la non-partita offerta dal Toro sia un sintomo di poca motivazione dei giocatori o di uno scollamento tra squadra e allenatore. Anzi, rinnoviamo ancora una volta la fiducia in questo Torino. Fiducia che si basa di quanto visto sino alla partita di ieri: una squadra equilibrata, dotata di carattere e con l’ambizione di prendere in mano il pallino del gioco. Per il momento, diamo credito a capitan Belotti quando dice che nel calcio le giornate storte esistono e possono capitare a tutti. Lo stesso Napoli aveva perso male a Genova contro la Samp. E allora non basta, non può bastare una sola partita a spostare un giudizio o a bocciare un percorso iniziato a luglio. Allo stesso tempo, Mazzarri capisca in fretta dove intervenire: la difesa può aver vissuto una giornata-no, ma non da ieri il Toro manca di spunti decisivi negli ultimi venti metri. I giocatori, invece, già da Bergamo dimostrino che Torino-Napoli non è stata una prima crepa nel muro del Toro, ma solo un episodio.

60 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dariog - 2 mesi fa

    la stessa storia da… 15-20-25 anni. have fun #cairovattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GrandeToro - 2 mesi fa

    pauraaaaa, mister ventura è ancora senza squadra!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Hagakure - 2 mesi fa

    La prima crepa….???

    Dopo 14 anni di continue prese per il culo parlerei di un cumulo di macerie.

    Se continuano su questa strada forse WM non mangerà il panettone, ma bracciamozze, stavolta, non la farà più franca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      Bracciamozze la farà franca finché ne ha voglia. Se tu avessi scovato la gallina dalle uova d’oro, con i rispettivi polli, che faresti?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. anpav - 2 mesi fa

      Cosa c’entra la dirigenza con l’indecenza di ieri non lo so.
      Sembra più un disco rotto che una analisi tecnica seria.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Riba - 2 mesi fa

        L’analisi tecnica seria è molto semplice: questa è una crepa a tutti gli effetti e non un episodio. Se analizziamo il Toro di WM dal suo arrivo a metà dello scorso campionato c’è da mettersi le mani nei capelli: ha impiegato 5 giornate o forse più per capire che l’unico giocatore in squadra che poteva dare una svolta alle partite era Ljacic che tra l’altro quest’anno ha deciso di mandare via. Giocatori fuori ruolo, concetto di calcio vecchio, giovani in panchina e assenza totale di presa di coscienza e responsabilità. Ma può un allenatore chiedere scusa hai tifosi dicendo che ne avrebbe voluti cambiare 7/8 senza assumersi lui la responsabilità e di dire: scusatemi ho sbagliato tutto! Per me Mazzarri non doveva neanche arrivare, ma visto che Cairo ha deciso di prenderlo che adesso decida di mandarlo via prima che sia troppo tardi!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

          Nulla da eccepire, a parte “hai tifosi” con l’h che proprio non si può guardare.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granata69 - 2 mesi fa

    Per Granata, ho iniziato il post scrivendo “a mente fredda posso fare alcune considerazioni ” e tu scrivi di verità assolute,non so da dove ti sia venuta questa idea, e onestamente è nel tuo di post che si vede un pò di supponenza.
    Comunque quando dico che Meite è lento, come Rincon peraltro, intendo che è lento nell’esecuzione del primo passaggio appena ricevuta palla,poi essendo alto 1.87 e con il piede dolce che ha, ovviamente in progressione è notevole. Nel primo tempo ha perso una palla con mi sembra Mertens che gli veniva da dietro, dopo 5 secondi persi a ciondolare. E non diciamo che nessuno si è smarcato,metti il fisico e tieni palla o prendi fallo. Poi se ci fermiamo ai gol che ha fatto allora inutile guardare le partite,guardiamo direttamente gli highlights e finita lì. È un giocatore su cui puntare? Assolutamente si, ma ha delle lacune, poi magari vista la stazza deve entrare ancora pienamente in forma e allora migliorerà, avrei tolto Baselli,ma la sua sostituzione non è uno scandalo. Secondo me è proprio lui che deve stare davanti alla difesa.
    Aina mi piace molto,secondo me ieri ha voluto esagerare e ha steccato.
    Del lavoro oscuro di Baselli non credo che nessuno squadra al mondo abbia bisogno, ha fatto un’involuzione disarmante.
    Che dopo la partita di ieri e anche le precedenti, te ne salti fuori con il vendere Berenguer, beh scusa,ma è veramente comico perché è l’unica arma che abbiamo al momento.
    Belotti-Zaza? Al momento non abbiamo valide alternative, ma sono due prime punte dal piede grezzo e neppure troppo bravi a proteggere palla e far salire la squadra, amano le palle in profondità, ma si rubano spazio tra loro. Speriamo succeda il miracolo,ma sono scettico,con il rientro di Iago uno dei due sta fuori secondo me.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 2 mesi fa

      Nessuna supponenza. Nessun attacco personale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Vanni - 2 mesi fa

      Davanti alla difesa Meite è il duo ruolo, ha sempre giocato lì…..ma in Italia? Lo fanno a fette in velocità se rimane solo. Ci va uno a lato come Rincon a fare ciò che sa fare bene, il rubapalloni. Questo incompetente fa giocare i centricampisti al contrario. E poi gente Soriano anche al top non farà MAI i passaggi di Ljajic per le punte. Non sa farlo, punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Granata - 2 mesi fa

      Volevo solo esprimere un pensiero diverso e non spacciarli per verità inconfutabili. Resto di parere diverso su Meitè. Per me è veloce sia in pensiero che esecuzione. Ieri può aver perso quella palla ma è l’unica così. L’unica. Credo vivranno e bene insieme sia Zaza che Belotti con Falque alle spalle ma ci vorrà tempo. Diciamo per il derby o giù di lì non prima

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Granata - 2 mesi fa

      Un ultima cosa, per precisione , io ho scritto SE le spacci per verità assolute. Dov’è la supponenza quando prima scrivo di idee rispettabili ? Ma forse non sei ancora abbastanza freddo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata69 - 2 mesi fa

        “Su Meitè, beh, si capisce, scusa, che tecnicamente non sai osservare.” Non vedo gran umiltà in questa frase,supponenza si. E dove hai scritto di idee rispettabili mi sfugge. 
        Capisco che fà piacere pensare di avere un fenomeno in squadra,lo vorrei pure io, ma andiamoci cauti. Come ho già scritto, magari sbagliando,i troppi elogi portano a brutte sorprese, vedi la prestazione di Aina.
        Se il Gallo e Zaza si intenderanno bene sarò il primo ad esserne contento, al momento vedo due giocatori che non riescono a tenere una palla che sia una, dura che la squadra riesca a salire e creare senza un appoggio valido degli attaccanti. Se poi si concepisce il calcio con le occasioni che devono essere create da centrocampisti e laterali e attaccanti fermi in mezzo all’area ad aspettare la pappa pronta, beh ,io, nel mio piccolo, la vedo un pò differente …
        comunque non mi interessa far polemiche,mi interessa che facciamo una partita decente mercoledì. ..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pimpa - 2 mesi fa

    It’s the same old story.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CUORE GRANATA 44 - 2 mesi fa

      Well come back Pimpa!FVCG!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

    Dove sono gli invincibili, gli immortali, tutti coloro che nei decenni addietro hanno indossato questa maglia impregnandola di sudore e sangue, quelli che lottavano su ogni pallone senza dar fiato agli avversari, quelli che tra le mura amiche, e non solo, col cazzo che passi. Dove sono il tremendismo e i Mazzola che si rimboccano le maniche partendo alla riscossa, dove sono i capitani con le palle grosse come cocomeri, dove sono i Bruno e i Policano che è molto meglio girargli alla larga, e i gol di Ciccio e Puliciclone e i dribbling ubriacanti della Farfalla!
    DOVE CAZZO STA PIU’ IL MIO TORO, QUELLO DEL QUALE ANDAVO FIERO E ORGOGLIOSO E AL LUNEDI TUTTI CON LO SGUARDO BASSO A TERRA!
    Delusione e vergogna, solo questi i sentimenti che mi animano ormai da troppo tempo. Sono stanco di vedere i Basellini e i Rincon, le mezze seghe e le pippe bollite, le scommesse e i palle moscie.
    RIDATEMI IL MIO TORO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Non esiste più da tempo.
      In ogni caso oggi i Bruno e Policano con le regole attuali diventerebbero dei semplici scarponi o con una collezione di rossi da far invidia alla muleta di un torero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Torello_621 - 2 mesi fa

        Che fastidio!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Vanni - 2 mesi fa

          Haha. Cosa vuoi sentirti dire che il torello di cairo è il miglior Toro di ognitempo? Haha

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

            Un giorno la smetteranno di nascondersi dietro a un grissino e faranno finalmente outing! Nascondere la verità, e farlo alle volte anche a se stessi, è diventato uno sport per molti e non solo in questo caso specifico.

            Mi piace Non mi piace
    2. miele - 2 mesi fa

      Caro Marchese, hai scritto chiaramente le cose che penso anch’io da troppi anni ormai. Ho una gran paura che la situazione, senza miracoli a cui non credo, rimarrà questa ed i più anzianotti, come me, si dovranno rassegnare e rinunciare alla speranza di poter ancora avere qualche soddisfazione degna della storia di questa gloriosa società.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. prawn - 2 mesi fa

    E’ dall’inizio del campionato che il progetto di WM scricchiola, bisogna dargli tempo, ma se non cambia qualcosa veloce e se non recuperiamo un tot di gente (Lollo, Lyanco, Soriano, Iago) verremo risucchiati dal lato destro della classifica

    okkio che quest’anno secondo me la serie A e’ un po’ piu’ difficile dell’anno scorso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Non esageriamo nemmeno dall’altro lato eh? Per andare in B con quelle 3 o 4 squadre da C che ci sono bisogna proprio mettersi d’impegno. 4 giocatori di livelli superiore li abbiamo ancora. Se non voleva spendere bastavano i 5 dello scorso anno più 6 primavera e in B non si andava lo stesso. Non c’era bisogno di prendere sto inutile che disfa ma non fa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 2 mesi fa

        Mai detto B, dico solo risucchiati, nel senso che non finiamo + a sinistra, non che finiamo in fondo a destra

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13965096 - 2 mesi fa

    condivido. classifica figlia di calendario difficile, arbitraggi sfavorevoli, sfortuna nistra e fortuna degli avversari (dzeko con noi eurogol e ieri manco da un metro ha segnato…), il comprare l’ultimo giorno di mercato. .. questi fattori fanno si che abbiamo 5 miseri punti e mercoledì altro test difficilissimo. io sono incazzato nero ma se si contesta non se ne esce. speriamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Immer - 2 mesi fa

      Concordo nessuna contestazione alla squadra ma alla società si l’unico colpevole lo sappiamo chi è e chi sarà sempre. Contestazione ad oltranza sempre e comunque

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Vanni - 2 mesi fa

      E si. Calendario ingiusto, tutto preparato dai gobbi apposta per noi. Inter ha perso 2 partite, la Roma le ha prese quasi da tutti, il Napoli ne ha presi 3 dalla corazzata Sampdoria. Continuiamo con le scuse, tipo quel pirla di Rampanti. No problem, ci assesteremo sul 10/12 posto. Ah dimenticavo il VAR pilotato naturalmente. Non vi viene il dubbio che quel poco che si era visto con Sinisa sia stato distrutto completamente? Per lo meno 2 anni fa avevamo una mezza squadra con un attacco tra i migliori del campionato ed ora è rimasta solo una mezza squadra? No eh. Colpa del clima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Conta7 - 2 mesi fa

    Buongiorno ragazzi.
    Dopo una partita come quella di ieri, la cosa più difficile da fare – ma è altrettanto la più giusta – da parte di una tifoseria celebre e profonda come la nostra, è mantenere l’opportuna dose di equilibrio nei giudizi.
    E’ estremamente complicato, lo so, ieri a chi non giravano i maroni nel vedere una squadra improvvisamente “assente” dopo le buone prestazioni offerte finora??

    Sono contento, perciò, che la maggior parte dei commenti ed anche l’articolo di Sartori siano nella direzione di non stravolgere i giudizi e le sensazioni dopo il primo passo falso della stagione. Non nel risultato, sia chiaro, perchè giustamente non è “mandatorio” per noi andarsi a prendere punti contro una corazzata come il Napoli, ma nella prestazione.

    Poi, se ci mettiamo ad analizzare gli episodi (dopo 3 minuti Moretti rinvia addosso a Nkoulou e la palla finisce precisa sui piedi di Insigne, sul 2° gol – per carità, bell’azione e noi in bambola – ma se Verdi ci riprova altre 50 volte a calciare al volo all’angolino…, sul rigore nostro Koulibaly andava espulso, regaliamo di nuovo il 3° gol con un errore da matita blu, poi sul palo la palla finisce ancora precisa su Insigne), è chiaro di come sia stata una partita nata sotto una cattiva stella.

    Altre condizioni al contorno sfavorevoli: calendario tostissimo nelle prime 6 giornate, giocatori chiave arrivati all’ultimo giorno di mercato, qualche infortunio importante ed episodi arbitrali da censura.

    Ecco perchè mi rode tremendamente non avere i punti che meriteremmo (almeno 8) rispetto alle prestazioni offerte, perchè poi in questi casi si amplificano e riducono le reazioni in base alla situazione in cui ci si trova.

    Ma non possiamo disconoscere all’improvviso i progressi che la squadra ha mostrato fino a ieri dal punto di vista della compattezza, dell’organizzazione e del modo di tenere in campo.
    E credo che ci siano i presupposti per fare bene: allenatore esperto e di valore e squadra con buoni giocatori, speriamo che abbiano la forza mentale per reagire subito.

    Per cui ripartiamo centrati e con entusiasmo, considerando questo passo falso come l’eccezione a confermare la regola di una squadra che (finalmente e dopo tanti anni di tribolazioni, non dimentichiamolo) è tornata a darci la sensazione di essere quadrata e giocarsela con tutti.

    FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. granata - 2 mesi fa

    IL Torino non ha ancora un’identità, balbetta gioco e il Napoli ha solo messo il dito nella piaga. Certi problemi erano già emersi a Udine: non un cross dalle fasce azzeccato, non un calcio d’ angolo calciato in modo efficace, non un passaggio filtrante alle punte per vie centrali. Purtroppo appare sempre evidente il “buco” lasciato da un giocatore come Ljajic, che i più ottusi continuano a definire giocatore da 5/6 partite l’ anno. Non sarà stato Maradona, ma per noi era grasso che colava: 18 gol e 25 assist-gol in due anni (le statistiche sono dei giornali). Ceduto per 8 milioni, per sostituirlo ce ne vorrebbero 25/30, a meno di non scopriire un giovane fenomeno di quella classe (ma la vedo dura). La campagna acquisti non è stata malaccio, ma con il solito veleno nella coda (cessione di Ljajic). Possibile che un allenatore come Mazzarri non potesse porre il veto a questa sciagurata decisione? E non si dica che Ljajic se n’ è voluto andare, perchè quando ha chiesto garanzie sul suo utilizzo, Mazzarri gli ha risposto (cronache dei giornali) che gli poteva garantire 20′ a partita. Quindi, non si è fatto nulla per trattenerlo. E poi si sapeva benissimo che Baselli schierato da mediano laterale è praticamente nullo: non ha potenza, non ha grinta, non sa interdire. Ieri navigava spaesato, ignorato dai compagni e irriso dagli avversari. Nell’ Atalanta giocava da playmaker, tant’ è vero che al suo ingaggio questo sito intitolò: “Finalmente il Torino ha un regista”. Mazzarri non dimostra di avere ancora le idee chiare, va a tentoni. Far giocare Rincon nel ruolo che sarebbe di Baselli è come se a suo tempo si fosse fatto giocare Gattuso al posto di Pirlo (Pirlo non si offenda se lo paragono a Baselli, è solo un esempio). Impostare una stagione con Moretti titolare, vuol dire non avere la minima fiducia nei giovani e nei nuovi acquisti. Insistere su Berenguer nel ruolo di difensore di fascia vuol dire cercare di suicidarsi. Mi ricorda Ventura che in una partita (contro l’ Inter) si inventò Vives stopper e infatti fu un disastro. La verità che la classe non è acqua e la classe sembra averla solo Iago Falque, senza di lui scende il buio. Lì davanti poi, le titubanze di Mazzarri nell’ impostare l’ attacco con Belotti e Zaza (se la società ha deciso di investire su di lui, il tecnico dovrebbe cercare di valorizzarlo) si ripercuotono sulle titubanze dei due nel fare i giusti movimenti. Leggo di Zaza peggiore di Belotti, non convidido. E’ stato l’ unico a combattere e infatti ha fatto finire sul taccuino dell’ arbitro due difensori del Napoli. E che dire della sostituzione di Meitè, il meno peggio del centrocampo? Mazzarri faccia le giuste scelte e dia un gioco a questa squadra, altirmenti per lui prevedo guai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torracofabi_336 - 2 mesi fa

      Perfettamente d’accordo con te. Questa è la squadra che ha voluto il mister, ora la faccia girare (lo spero tanto ma, altrettanto ne dubito) altrimenti Cairo giri lui. Una società come il Toro ed i suoi tifosi non meritano tutto ciò.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

    FORZA RAGAZZI!!!

    Inizio campionato in salita per calendario infortuni sfiga e arbitraggi, ma voi dateci dentro. I tifosi sani sono con voi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lagarto - 2 mesi fa

      I tifosi furbi invece hanno capito che è la 14 volta che il presipezzente vi prende per il culo. Vai che anche quest’amnno bestemmi tutto l’anno e ti lamenti degli arbitri, lo sport dei perdenti. Saluti a sta società di pagliacci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. robinhood_67 - 2 mesi fa

    Se non corriamo come mai il secondo tempo è sempre meglio del primo?
    Baselli non ha giocato bene, vero, come Meité e Rincon. Ma quando nessun centrocampista è sufficiente c’è evidentemente un problema di assetto di squadra rispetto all’avversario.
    Seguendo i punti di Granata69..
    Meité fin qui è stato il migliore del Toro, ha piedi e fisico, una partita su 5 la sbagliano anche Modric e Kroos.
    L’inversione Aina – Berenguer era dettata dalla lettura della catena destra/sinistra del Napoli. Mazzarri ha pensato che potesse risultare vantaggiosa. Purtroppo ieri non era in campo la nostra catena di destra – De Silvestri/Iago – due difficili da sostituire. Difficoltà aumentata, come ricorda Granata69, per la contemporanea assenza del jolly Ansaldi.
    D’accordo sul vuoto Liajic (per me resta il miglior numero 10 del Toro degli ultimi 20 anni) ma tanto con Mazzarri era una riserva, lo abbiamo capito già nella scorsa stagione.
    L’arrivo di Soriano è stato il timbro dell’addio a Adem, sigillato dalle parole di Cairo “Mazzarri ha la squadra che voleva”. E (per chi critica la società) con il settimo monte ingaggi della serie A.
    Con Berenguer, Mazzarri sta cercando un altro Maggio: si vedono gli errori in fase difensiva di un esterno nato ala ma ci dimentica troppe volte di quante sovrapposizioni, quante iniziative vengono portate avanti dallo spagnolo.
    Lukic in Spagna si è guadagnato l’attenzione del suo ct, troverà sicuramente spazio.
    Infine: non è vero che Zaza non ha caratteristiche per giocare accanto a Belotti, anche in Spagna ha giocato spesso da seconda punta. E’ vero, invece, che anche quando facciamo molto possesso palla (ieri più noi del Napoli, a Udine per lunghi trattil il 70%) di palloni giocabili per le punte ne arrivano pochissimi e di tiri in porta se ne vedono 3-4 in un’ora e mezzo.
    C’è da lavorare insomma. E qui aspettiamo lumi da Rampanti: come migliorare rapidità delle ripartenze, rifornimenti alle punte? Belotti dà il meglio quando è unica punta in un 433, meglio non portargli addosso altri?
    Sempre Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Sembri Rampanti: la societa ha sempre ragoone. Ora aspetta quello della lingua lunga che capisce un caxxo o meglio fa il leccahulo, siete ridicoli. La squadra voluta da sto incapace fa schifo. Il panettone non lo mangia certo però ho paura che il nano prenda uno del suo livello (difficile ma x le cacate il nano è forte).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

        Siete ridicoli chi…?????

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. lagarto - 2 mesi fa

    Leggevo qui che il Napoli era in disarmo e che noi lottavamo per la Champions. Ha perso e male contro la Samp, zero gol contro la Stella Rossa, ma ora è diventata una squadra fortissima. Giocano da cani dalla prima partita, arrancavano contro la Spal, mediocri contro l’Udinese contro cui si poteva vincere, ma pure perdere perchè col qazzo che hanno strameritato e quando si fanno i conti siamo nella parte destra della classifica. Che strano eh? Se Zaza Mazzarri non lo voleva come mai è arrivato? Chiedetevelo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Max63 - 2 mesi fa

    Siamo carenti, come gli scorsi anni, a centrocampo. Al netto di Meitè Rincon nn un regista, Baselli non è un giocatore. Inoltre la società da dei giocatori importanti Zaza e Soriano all’ultima giornata di mercato e quindi hai una preparazione eterogenea che si riflette nella gestione della partita.
    WM che reputo alkenatore preparato deve avere il coraggio di ridchiare su qualche giovane Edera, Parigini ad esempio che hanno freschezza e sfrontatezza.
    C’è da lavorare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. robertozanabon_821 - 2 mesi fa

    Disgraziatamente vedo tutte le partite e solo il Torino non sa cosa fare con la palla e quando. Palleggio scadente, palle inattive inutili per precisione o efficacia. Zero schemi in attacco. Gioco prevedibile e senza fantasia. Senza Falque non c’è l’ombra di un giocatore di classe, in attacco, palla al piede, sono tutti bidoni e lasciamo perdere Baselli a centrocampo altrimenti diventa un linciaggio. Squadra e allenatore non adatti per competere ai vertici. Dispiace, ma dal campo e sul campo si vede questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

    Al di là delle disquisizioni tattiche, tutte più o meno condivisibili, quello che a me fa venire il volta stomaco è dover leggere un articolo dove si insinua di ipotetiche crepe fra giocatori e tecnico..Se alla 5 giornata siamo già a questi discorsi allora la nostra dimensione è la serie B .Io non ho mai stravisto per Mazzarri, sia chiaro, ma ciò non toglie che sia un tecnico preparato e con un bel bagaglio di esperienza alle spalle.Si è scelto un tecnico ed è cosa giusta e sensata lasciarlo lavorare….Io ho giocato a Pallone a bassissimi livelli perciò non mi permetto di fare il maestro e non mi permetto di suggerire moduli e uomini a chi l’allenatore lo fa da professionista e trascorrere tutti i giorni assieme ai propri giocatori. La sconfitta mi brucia ancora parecchio ma ancor di più mi fa male leggere certi commenti catastrofici….Abbiamo perso una partita e altre ne perderemo, stiamone certi, cosa vogliamo fare??? Cambiare un tecnico e formazione ogni volta che perdiamo??????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Miscoppiailcuoreperte - 2 mesi fa

      Mettiti l’anima in pace, non se ne viene a capo. Ormai siamo talmente inaciditi che quando le cose vanno male tiriamo quasi un sospiro di sollievo. E meno male che il gallo non ha sbagliato il rigore. Alzi la mano chi non ha immaginato il peggio quando è andato sul dischetto. Non so da cosa derivi tutto ciò, chi dice è figlio dell’era Cairo, chi dalla perdita dei valori del Toro. Chissà. Anche allo stadio non tira una bella aria.. forse solo in trasferta ci si diverte ancora un po’.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. morassut.maur_912 - 2 mesi fa

    Il ns campionato inizia sempre dalla prossima partita:ma da quale?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Bucci-ole-ole - 2 mesi fa

    specie su moretti e rincon mi trovi completamente d’accordo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. menkheperra - 2 mesi fa

    Anche dovessimo vincere contro la dea (permettetemi di avere seri dubbi) la squadra rimarra quella che è, e che ieri ha meritatamente e malamente petso. Non si è voluto intervenire dove si doveva . Punto.
    Ora, a 5 punti, siamo gia in affanno e rischiamo di disinteressarci del campionato gia a dicembre quest’anno, altro che Marzo.
    Massimo sostegno, ma tirino fuori le palle …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Veramente gli anni scorsi il nostro campionato finiva a novembre, non vorrei che quest’anno sia già finito a settembre. Poi siamo onesti, forse solo noi tifosi pensiamo di valere di più per la tradizione, storia, ecc. Purtroppo finché avremo il mandrogno ambizioni oltre al 10 posto bisognerà metterle da parte .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. CUORE GRANATA 44 - 2 mesi fa

    Sbollita(solo in parte)la rabbia per l’indecente prestazione collettiva di ieri mi permetto dire:resettiamo tutto e pensiamo che il ns.”vero” campionato abbia inizio a Bergamo.Mercoledì potremo verificare di che “pasta siamo fatti”. Qualche modifica dovrà essere apportata e WM dovrà dimostrare di avere individuato il bandolo della matassa rinunciando magari al dogma dei tre centrali. Il centrocampo è in costante sofferenza e,a mio parere, va implementato con un elemento in più. I nomi li scelga il mister in base alle disponibilità.In caso contrario alle due punte,al di là degli interpreti, difficilmente arriveranno palloni giocabili.Resto ancora moderatamente ottimista.Dopo la “caporetto” di ieri mi attendo una reazione di orgoglio.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Jerry - 2 mesi fa

    Molto probabilmente ieri ci è venuta la classica ansia da prestazione. Dovevano e volevano dimostrare qualcosa, è non ci sono riusciti. Non disquisisco sul piano tattico, ma una cosa vedendo queste prime 5 partite l’ho capita. Se non giochiamo con un’ intensità e un furore agonistico superiore al nostro avversario, siamo una squadra da metà classifica in giù. Per poter competere contro squadre di livello superiore( e il Napoli lo è) devi sopperire con la voglia e la grinta di portare a casa il risultato, soprattutto in casa. Ora Bergamo sarà un banco non importante, di più. Soprattutto sotto il profilo mentale. Le partite si possono anche perdere, ma non così senza neanche giocarle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Garnet Bull - 2 mesi fa

    Ragazzi, abbiamo perso (molto male) contro la seconda forza dello scorso campionato, subendo 2 gol di carambola. Oggi si è perso e di colpo mazzarri è diventato un incompetente, la dirigenza ha sbagliato il mercato e la squadra fa schifo. Ma siamo seri? Se poi dovessimo vincere con l’Atalanta torneremmo a dire: grande squadra e grande mercato! Quanta ipocrisia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabio.tesei6_910 - 2 mesi fa

      Mazzarri no non è incompetente ci mancherebbe, secondo me come tecnico ormai il meglio che poteva fare lo ha fatto a Napoli. Adesso è superato, la squadra è forte abbastanza per fare un bel campionato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. user-14036712 - 2 mesi fa

    L’analisi tecnico-tattica di Granata69 è ineccepibile, specialmente su Lukic(ha aggiunto muscoli dall’esperienza al Levante) al posto di Baselli e Rincon. Io aggiungerei che questi episodi in ogni stagione ne capitano 3 o 4 e la componente psicologica è importante quando nelle prime 4 partite ti scippano 5 punti(Roma ed Udinese) grazie ai soliti pagliacci col fischietto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Forse l’unica buona notizia di ieri è stata che finalmente Belotti ha parlato dopo una sconfitta. Lo dico senza ironia. Un capitano si deve vedere e sentire in questi momenti.
    Giusta la domanda che si pone l’articolo.
    È la prima crepa o un episodio ?
    Come alcuni sostenevano l’assenza non di Ljaijc ma di uno che detta l’ultimo passaggio e ti inventa un’azione forse a questo Toro manca, ancor più se non c’è Iago Falque.
    Qualcosa Mazzarri dovrà cambiare secondo me. Le due punte non sono state quasi mai servite.
    E infine, vedere Moretti concludere la sua egregia carriera in questo modo mi sembra oltre che dannoso per la squadra anche immeritato per il giocatore, Moretti deve fare da chioccia ed entrare nelle emergenze, non si può farlo giocare sempre titolare. Abbiamo Bremer che deve crescere e ne ha le qualità. Tanto vale puntare su di lui aspettando Ljanco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Granata69 - 2 mesi fa

    A mente fredda posso fare alcune considerazioni.
    1-non corriamo,ti possono mettere sotto tecnicamente, ma non fisicamente,siamo lenti, il solo Berenguer ha spunto veloce,facile essendo piccolo di stazza.
    2-il povero Rincon o fa la mezzala o sta fuori perché il regista non è proprio il suo ruolo con i piedi che si ritrova e la lentezza di esecuzione che ha tra pensare un passaggio ed eseguirlo. Non è giusto nei suoi confronti mandarlo così allo sbaraglio per poi essere insultato dai tifosi.
    3- nel prepartita pensavo,anche in considerazione del turno infrasettimanale, che visto il gran caldo con in più l’orario di pranzo, che schierare Moretti (37 anni) non era il caso,meglio turnover e farlo giocare mercoledì alle 21.00. Mai visto così in difficoltà fisicamente.
    4- Baselli,che ho sempre difeso, mi ha rotto ampiamente i coglioni, è stato indecente. Un mese di panca perché rifletta sarebbe opportuno.
    5- Meite è buono,ma lento lento lento, anche nelle scorse partite abbiamo avuto buone opportunità di contropiede sprecate per il suo ciondolare,…
    poi che abbia qualità è fuori dubbio.
    6- Aina mi ha dato l’impressione di voler strafare,ma a destra è sicuramente meglio.
    7- Izzo ha un piede scandaloso, sull’uomo si arrabatta in qualche modo,ci mette l’anima, ma in questo calcio in cui i difensori sono i primi ad impostare lui non è in grado di giocare. Peraltro chi da colpa a Berenguer sul secondo gol, si riveda l’azione e guardi se non doveva essere il terzino destro a dover affrontarlo.
    8- i due attaccanti non sono complementari, serve uno dai piedi buoni tra i due attaccanti, hai voglia a fare uno-due a forza di sponde di petto e spizzicate, a calcio si gioca con i piedi.
    9- detto tutto questo, ci siamo praticamente fatti due gol in cui le due respinte son finite proprio sui piedi di Insigne , che non fa niente di più che tirare dentro da 5 metri, ci gira indubbiamente male in questo periodo,vedi anche gli infortuni di Ansaldi, Iago e De Silvestri.
    10- la cessione del serbo pesa tantissimo, ma non giriamoci intorno, già a fine mondiale aveva fatto capire di voler andarsene,non diamo a società e allenatore colpe che non hanno, in alternativa in rosa ci sono Iago, Edera e Parigini,non si possono acclamare i giovani solo quando fà comodo, devono anche dimostrare qualcosa,ovviamente messi seriamente nelle condizioni di poterlo fare.
    11- dentro Lukic, abbiamo disperatamente bisogno di più qualità possibile in campo. E fiducia massima Berenguer, è l’unico che crea pericoli,sbaglia sicuramente qualcosa, ma alle ali si chiede quello, insistere sempre,una volta và male e sbatti sul difensore, quella dopo sfondi e prendi rigore o fai assist.
    12- forza TORO sempre, avanti per il riscatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Concordo su tutto, giusta analisi secondo me.
      Speriamo lo capiscano anche in società e l’allenatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. user-14003131 - 2 mesi fa

        Non ho visto la partita ma doveva essere a pain in the ass… uno dei pochi commenti equilibrati comunque… leggendo qua e là ieri sera ne veniva un quadro catastrofico, da serie B annunciata. Vedremo dove saremo più avanti. Ps l’Atalanta vista ieri sera concede molto, moltissimo ma gioca anche e non si arrende mai. Sarà molto dura mercoledì sera.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 2 mesi fa

      Se queste sono tue idee, ok. Se vuoi far passare tutto per verità assolute, ho moltissimo da ridire. Siamo lenti ? Vero in parte. Il problema non è come dici proprio tu. Rispetto ai piccoletti del Napoli si ma non è lenta la squadra è lento il giro palla. Su Rincon e Moretti è vero quello che scrivi. Baselli fa un lavoro sporco che non gli permette di essere decisivo, come potrebbe, in avanti. Su Meitè, beh, si capisce, scusa, che tecnicamente non sai osservare. Meitè non è assolutamente lento. Riguardati bene le sue azioni. Ovvio, sullo scatto perde contro Mertens ed Insigne ma nessun centrocampista del Napoli gli va via o gli ruba palla ed ha indovinato quasi il 95% dei passaggi. Aina è destro adattato a sinistra e dalle sue parti il Napoli non passa come da Berenguer che io venderei subito e insisterei su Parigini. Se Aina sapesse anche crossare perfettamente sarebbe al Real e non al Toro. Ha 21 anni !!!! I nostri primavera a 21 anni hanno il pannolone. Zaza ha bisogno di tempo che i tifosi non gli concedono. I loro goal ? Dovuti uno ad un gran culo, Verdi, gli altri per 2 motivi. 1 lo scarso intendimento fra NKoulou e Moretti, 2 ,continuano a guardare la palla anziché l’uomo. Non si marca così in area. Se guardi la palla perdi l’uomo e ti segnano. L’ho detto ad inizio anno e l’errore si ripete. Mazzarri non ha ma ai giocato con un uomo tipo il serbo. Ha sempre voluto mezzali che si inseriscono. Inutile insistere su questo. Con Mazzarri difficilmente arriverà uno simile. Dovranno essere Baselli e Soriano a svolgere il compito. Lukic avrà il suo spazio più avanti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. morantony - 2 mesi fa

        Analisi lucida e condivisibile, aggiungerei solo due piccole cose…ieri abbiamo corso pochissimo e malissimo e la linea difensiva è stata troppo troppo bassa, una linea così basa non potrebbe sopportarla neanche Bruno ed Annoni!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 2 mesi fa

        @morantony vero che la difesa era bassa , ed è stato sbagliato. Il punto è che se la squadra fosse stata corta , avesse ridotto distanze da centrocampo non si sarebbe notato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Miscoppiailcuoreperte - 2 mesi fa

        Sono d’accordo tranne su Berenguer che terrei sulla corda , ma non caccerei seduta stante. Le statistiche della lega sono abbastanza chiare e in linea con quello che dici. Certo la concentrazione quando si è senza palla difetta e gli automatismi sono quelli che sono. Inoltre abbiamo fatto sentire poco il fisico ai piccoletti. Di positivo è che corriamo meno a vuoto dell’anno passato, di negativo che, come ho già scritto, continuiamo a essere timorosi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. Granata - 2 mesi fa

        Per me Baselli si adatta ad un ruolo non propriamente suo. Mazzarri gli chiede di contrastare il costruttore di gioco , lui lo fa, non sempre bene. Percorre tanti metri e manca in fase conclusiva. È molto efficace, generalmente nelle palle lunghe ed è per questo che gli allenatori lo stimano. Per quanto riguarda i piccoletto, per me , le cose sono due. O li contrasti nella corsa, difficile. O non gli fai arrivare palloni. Dovevamo fare la seconda ma si è fallito

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. rogozin - 2 mesi fa

      Baselli, non mi stancherò mai di ripeterlo, è irrimediabilmente scarso. Ha sempre deluso ed irritato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 2 mesi fa

        Per me Baselli si adatta ad un ruolo non propriamente suo. Mazzarri gli chiede di contrastare il costruttore di gioco , lui lo fa, non sempre bene. Percorre tanti metri e manca in fase conclusiva. È molto efficace, generalmente nelle palle lunghe ed è per questo che gli allenatori lo stimano.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy