Toro a Bergamo: vincere, per l’Europa

Toro a Bergamo: vincere, per l’Europa

L’editoriale di Gino Strippoli – I granata se vogliono sperare nel 6°  non devono più sbagliare un colpo.

 

 

Imperversa già il calciomercato o meglio le varie butade che riguardano partenze e arrivi anche in casa granata ma tutte il vociare non deve distogliere il vero obiettivo del Toro ovvero quella rincorsa all’ultimo respiro in dieci partite per agganciare il 6° posto utile per entrare…

Commenta per primo!

L’editoriale di Gino Strippoli – I granata se vogliono sperare nel 6°  non devono più sbagliare un colpo.

 

 

Imperversa già il calciomercato o meglio le varie butade che riguardano partenze e arrivi anche in casa granata ma tutte il vociare non deve distogliere il vero obiettivo del Toro ovvero quella rincorsa all’ultimo respiro in dieci partite per agganciare il 6° posto utile per entrare nuovamente in Europa League.Sia ben inteso che i granata se non dovessero riuscire nell’impresa avrebbero comunque realizzato una stagione da incorniciare ricca di soddisfazioni per i tifosi.

 

Dopo la pausa della Nazionale, dove si è ben distinto Darmian come anche tutti gli altri granata che hanno vestito le rispettive maglie delle varie nazionali, è già tempo di campionato e il Toro andrà in quel di Bergamo per cercare la continuità di vittoria in trasferta. Certamente affrontare l’Atalanta non è mai semplice anzi per i granata la sfida è sempre stata rognosa anche se condita a volte da belle vittorie ( già come non ricordare il netto 1 a 5 rifilato di qualche anno fa ma anche il 2 a 0 subito dai granata lo scorso anno).

 

La squadra di Reja sta lottando per allontanarsi definitivamente dalla zona calda della retrocessione e non starà a guardare e andare molto per il sottile anche se un buon pareggio non sarebbe di certo indigesto. Per il Toro invece l’obbligo di vittoria si rende necessario per alimentare l’obiettivo europeo.

 

Quagliarella è in uno stato di forma impeccabile così il suo possibile partner Maxi Lopez. Il ragazzo napoletano cresciuto in granata ha nell’Atalanta la squadra tra le preferite con cui andare in gol, infatti son ben 8 i centri realizzati contro i bergamaschi  nella sua carriera. Intanto a centrocampo recuperati Farnerud, Vives e con un Gonzalez e un Basha in più Ventura avrà l’imbarazzo della scelta per sostituire lo squalificato Benassi. Gazzi alla quattrocentesima partita  da professionista sarà ancora il fulcro di centrocampo, il vero scudo per la retroguardia  mentre al suo fianco potrebbe agire Basha  a destra  e El Kaddouri a sinistra.

 

Occhio all’ex Rolando Bianchi, sempre se Reja deciderà di schierarlo al fianco di Pinilla. L’ex centravanti granata non ha ancora segnato in campionato mentre l’ex genoano è un cliente per nulla facile da controllare per i difensori granata.  Il centrocampo bergamasco sarà ancora affidato alla regia di Cigarini, calciatore che è nell’orbita di interesse granata per il prossimo anno. Intanto i nerazzurri non potranno disporre di Cherubin in difesa oltre ai due attaccanti squalificati Denis e Gomez.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy