Toro vincente ma senza idee

Toro vincente ma senza idee

Editoriale di Gino Strippoli / I granata contro il Frosinone in sofferenza, si complicano la vita da soli

di Gino Strippoli

C’è davvero poco da stare allegri quando una squadra come il Torino riesce a vincere contro la penultima in classifica, il Frosinone squadra che sino a ieri aveva realizzato solo un gol e subiti ben 18, con tanta sofferenza, subendo due gol dai ciociari.
Fino al 94′ minuto il Toro è riuscito nell’impresa di tenere in partita la squadra allenata da Moreno Longo. Prima facendosi raggiungere per ben due volte e poi, una volta tornato in vantaggio con un bel gol di Berenguer, ha subito la reazione del Frosinone che ha graziato i granata con un tiro di Perica che davanti a Sirigu è riuscito a regalare un tiro fiacco che il numero uno granata ha abbracciato teneramente.

Risultato e vittoria salva ma quanta sofferenza. Il Toro ancora una volta non ha dato ai tifosi una prova convincente, anzi è sembrata una squadra che al posto di migliorare faccia un po’ il gioco del gambero. Una squadra che a dir il vero era partita bene e con buoni propositi, con un bel pressing alto soprattutto grazie a Zaza, Rincon e Belotti, ma è stato solo un momento dei primi 20 minuti. Poi piano piano il Toro ha mostrato poche idee che non hanno portato gioco. Si è assistito ad un Toro macchinoso nel costruire qualsiasi tipo di azione, con nessuno in grado di accendere la luce per dare vita ad una vera fase offensiva. Non bastano il palo di Belotti e la traversa di Nkoulou per giustificare una possibile supremazia granata. Alla fine un corale grazie deve essere dato alla prestazione maiuscola di Parigini entrato al posto di Ola Aina.

LEGGI: Toro, il senso dei fischi quando si vince

Lui ha dato la scossa negli ultimi 20 minuti al Toro e a lui si devono le più belle azioni dei granata che hanno portato anche al gol della vittoria di Berenguer. Non tutto è da buttare, innanzitutto il risultato, tre punti d’oro, poi la prestazione di Parigini. Sì, il Toro ha reagito ma con tutto il rispetto per la squadra ciociara ci si aspettava dalla squadra di Mazzarri molto ma molto di più.
Se il Frosinone avesse pareggiato non avrebbe rubato nulla e sicuramente Moreno Longo esce a testa alta nel suo Stadio Grande Torino, applaudito dai suoi ex tifosi. La striscia positiva del Toro continua e si allunga però questo tipo di vittorie contro Chievo e contro Frosinone, ovvero contro le due cenerentole del campionato, devono far meditare.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marcohelg_385 - 1 mese fa

    beè in effetti i gol potevano essere 4-5 ma anche loro senza il miracoloso salvataggio di berengueravrebbero potuto farne 3…le cose da migliorare sono tante in tutti i reparti ma mentre in attacco con belotti zaza e falque le cose potranno solo migliorare in difesa e a centrocampo ci sono dei seri problemi, ilcentrocampo verticalizza troppo poco ieri baselli passava la palla spesso ai difensori rendendo la manovra troppo prevedibile po..meite forte fisicamente ma lentissimo mi piacerebbe vedere baselli e soriano che giostrano da dietro e dare un turno a rincon e meite’..dietro balliamo di brutto e si che giochiamo con 3 marcatori sia izzo che n’koulou a volte sembra non si piazzano in maniera preventiva e poi son dolori,moretti(grandissimo!)non puo’ essere un titolare inamovibile anche ieri sera un mezzo rigore nella bagarre finale poteva costarci caro..non capisco perche bremer non abbia piu opportunita’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granatissimo1973 - 1 mese fa

    Ma Strippoli non era quello col riportino che a novantesimo minuto commentava le partite di bari e lecce?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Conta7 - 1 mese fa

    Va beh dai, ma che vogliamo commentare articoli del genere?
    Primi 20 minuti ed ultimi 30 dominati.
    In mezzo un po’ di calo di tensione (fisiologico, ma non ammissibile) ed un altro orrore dell’arbitro. Stop

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14003131 - 1 mese fa

    Non sono molto d’accordo. Avranno giocato male e senza idee il primo tempo e poi rischiato di sciupare tutto con 10 minuti di follia. Ma nella ultima mezz’ora hanno macinato gioco e buttato via 2-3 gol da strapparsi i capelli. Giocando così con formazioni come viola e Samp ce le saremmo prese… ma l’anno scorso nello stesso modo abbiamo buttato punti con Verona e Spal.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. antonio - 1 mese fa

    Ad ogni partita, il commento è sempre lo stesso: il Toro non ha un minimo di organizzazione di gioco, non esistono verticalizzazioni, non esiste pressing, non esistono sovrapposizioni sugli esterni, difficoltà totale a costruire azioni, in fase di possesso zero idee e continui passaggi all’indietro. Due vittorie stentatissime contro le ultime della classifica non devono illudere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14052638 - 1 mese fa

    alle solite, lamentele arbitro var ecc.ma gol o non gol erano 4 del Frosinone ad avventarsi sul pallone e di testa era solo come un cane in mezzo all’ area vuol dire che di testa eravano già sotto la doccia,poi continuiamo ad essere lenti nella costruzione del gioco così permettiamo ai nostri avversari di recuperare le posizioni e le occassioni sfumano,e poi signori miei mandiamo a ripetizione di tecnica ind.Bellotti non ne azzecca più una diciamo che corre moltssimo però stop e tocchi ravvicinati sono ingurdabili x un giocatore di valore come il gallo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SiculoGranataSempre - 1 mese fa

    Nel tabellino ci sono due pali più due non gol fatti della serie bastava spingere di Lukic e Zaza. Se facevamo 5-7 gol giocando così sarebbe stata dura poi commentare il non gioco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dariog - 1 mese fa

      ovvio

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy