Un grande Toro, intenso e grintoso, si regala solo un pareggio

Un grande Toro, intenso e grintoso, si regala solo un pareggio

L’ editoriale di Gino Strippoli / I granata schiacciano la Fiorentina per 90 minuti ma il gol della vittoria non arriva

di Gino Strippoli

È stato sicuramente il miglior Toro dei questo inizio stagione. Una prestazione che ha riscattato sicuramente quelle scialbe viste contro il Frosinone e contro il Bologna. Una partita a senso unico che i granata avrebbero meritato di vincere ed invece un pareggio con tanto rammarico per la bella prestazione realizzata.
Il Toro nonostante sia stato freddato al 1′ minuto dall’ex Marco Benassi, sempre molto rimpianto, è riuscito a reagire immediatamente effettuando un bel pressing alto e dando vita ad un gioco arioso e veloce. Peccato che a questa squadra difetti il vizio del gol.
Tutti si sono mossi bene in campo, Ola Aina al di là del gol, anche se poi è stato convalidato come autorete, ha dato vita sulla sinistra a delle giocate spettacolari facendo sua la fascia. Meité e Rincon con un buon Baselli hanno dominato a centrocampo, e in difesa il trio Djidji, Nkoulou e Izzo non hanno lasciato scampo quasi mai agli avanti viola. Certamente sul finale della partita la Fiorentina ha avuto una doppia occasione consecutiva con Mirallas e Simeone ma le loro conclusioni ravvicinate hanno trovato per be due volte i guantoni e il corpo di un eccellente numero uno come Sirigu che ha salvato la partita, evitando  stata la grossa beffa finale.
Ma cos’è che non ha portato la vittoria nonostante un predominio importante e una netta supremazia granata?  La squadra ha infiammato il pubblico per tutta la partita con azioni ficcanti che non si vedevano da tempo. Eppure l’attacco ha steccato nuovamente e Belotti ha nuovamente deluso, nonostante il suo impegno che tutti gli riconoscono. Spesso in alcuni momenti è sembrato sulle gambe ma soprattutto ha dato l’ impressione di non credere troppo nelle proprie possibilità, a volte sembrando quasi rinunciatario.
Occorre sicuramente recuperare il ragazzo perché questo Toro ha bisogno del suo bomber principe, aspettando anche Zaza che in questa partita non ha inciso per nulla.
Il Toro avrebbe meritato di vincere per la prestazione ma spesso questa non basta, bisognerebbe essere più cinici e pericolosi e incisivi davanti.
Questo Toro ha giocato bene, creando tanto, contro una signora Fiorentina, ha dimostrato di saper giocare anche per 90 minuti . Adesso è ora che dimostri di saper rendere al meglio le giocate portandole in gol. Falque ha portato molta vivacità e fantasia ma non può bastare anche se solo una grande parata miracolo di Lafont  gli ha tolto la gioia del gol togliendo un pallone diretto nel sette.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mauro69 - 3 settimane fa

    Oddio ci risiamo: è tornata la pareggite!
    Adesso però basta: o si svolta sul serio con forza e convinzione, oppure buonanotte suonatori…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabio.tesei6_371 - 3 settimane fa

    Io ho visto Belotti che doveva fare i cross. Difficile che poi segni. Metterlo in panchina non ha senso meglio metterlo in condizione di fare gol.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14003131 - 3 settimane fa

    Anche per me il miglior Toro della stagione, pur con limiti ahimè che ci trascineremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 3 settimane fa

    Sempre il toro migliore eh?
    Il toro migliore è quello che vince e che non prende goal!!!
    A Bologna si doveva vincere 4-0, con la fiore di ieri minimo due a zero.
    Udinese, si doveva vincere.
    Son tanti punti. Il Gallo non ce la fa sia per limiti tecnici che problemi di testa che mancanza di cross per la sua zucca..
    Si lascia Soriano marcire in panca tanto vale farlo giocare, quando acquisirà minutaggio altrimenti?
    Zaza anche lui, dal primo minuto.
    Si insiste col glorificarsi del bel gioco del possesso palla ma gli attaccanti non segnalano mai!
    Le punizioni sono sempre e solo palloni buttati via!

    Avete rotto anche voi di TN, è ora di criticare altro che, la squadra non è niente male ma così non si va oltre il decimo posto!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. robertozanabon_821 - 3 settimane fa

    Dovremmo gestire meglio le palle inattive. Per noi i calci d’angolo e le punizioni diventano veramente un castigo. Ciò che per altre squadre è manna dal cielo per noi è una condanna alla prevedibilità. A me ieri sera il Toro è piaciuto molto. Dobbiamo migliorare negli “episodi”, ma le partite le stiamo giocando. Ultima nota su Zaza. Me lo ricordavo più “cattivo” e aggressivo. Anche Soriano ha un’ aria “compassata”. Spero che vengano presto contagiati da un po’ di sano “granatismo”. Miglioreremo. Forza Toro !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. marcohelg_385 - 3 settimane fa

    tutto vero ma abbiamo incontrato una viola in serata no e non siamo stati capaci di vincere e poi…. occasioni gol vere nitide a parte il tiretto a giro di falque?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. marione2 - 3 settimane fa

    Ieri si sono impegnati, il che è ben diverso dal giocare bene. L’attacco fa parte della squadra, se produci gioco ma davanti non sei in grado di tirare in porta i risultati sono questi. Alla fine quante occasioni hanno avuto le due squadre? Loro hanno segnato per fortuna, la cairese no invece. Producete soltanto parole e vittimismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13780428 - 3 settimane fa

    Ieri sera abbiamo giocato eccome però l’allenatore sta sbagliando a insinuare nella squadra quel senso di vittimismo per cui mancano punti per colpa degli altri, la Lazio, ed esempio, con la stessa mole di gioco sviluppata ieri dal Toro avrebbe vinto 4 a 0, quindi i problemi in attacco sono un nostro problema non possiamo pensare di vincere le partite con un rigore dubbio o con qualche altro mezzo episodio favorevole. Io vedo ancora tanti cross sbagliati o troppo alti o troppi lunghi o alti quando dovrebbero esser messi bassi cioè i piedi a banana non mancano sicuramente, per quanto riguarda Belotti se gioca 60 palloni di cui solo 6 in area di rigore diventa difficile segnare dopo di che la sua generosità è pari ai suoi limiti tecnici ben mascherati quando aveva ljiajc o immobile accanto. Sarebbe il caso di vedere per 2 o 3 partite di fila Zaza, solo per curiosità anche perché il fiato e il ritmo partita non li prendi mai se giochi sempre 20 minuti. o una partita intera ogni morte di papa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Jerry - 3 settimane fa

    Ieri il Toro, mi è piaciuto molto, Era da un po’ che non vedevo giocate la mia squadra del cuore, così. Pressing ultra offensivo, ricerca costante del recupero immediato del pallone, sovrapposizioni laterali costanti, accortezza difensiva. L’unico neo è l’attaccante. Ammiro molto il Gallo, per la costanza è l’impegno, ma in questo momento è un giocatore bloccato sotto il profilo psicologico. Da’ l’ impressione di non credere più in se stesso è nelle sue capacità. Ieri sera ha sbagliato anche gli appoggi più semplici, è i controlli più elementari. Non regge piu il contatto fisico con l’avversario. O viene anticipato, o perde il contrasto cadendo 9 volte si 10. E che dire di quando deve puntare l’uomo? Non lo fa’ praticamente mai, e si perde in inutili tocchi intermedi sulla palla. Questo è sintomo di non credere più in se stesso. Intendiamoci, per me lui non è quello dei 26 goal a stagione, ma neanche questo che stiamo vedendo ora. Deve iniziare a capire che, quella stagione lì e irripetibile, e che la valutazione che Cairo ne ha fatto è irreale. Resettare il tutto e ricominciare da capo. Nel frattempo dovremmo dare più spazio a Zaza, anche perché, secondo me, non sono molto compatibili insieme, uno toglie e occupa spazi all’altro. Il Gallo lavori più sulla sua testa e vedrà che almeno 15 goal a stagione riesce a farli…… nel frattempo sotto con Zaza……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13814870 - 3 settimane fa

    ma si miglioriamo miglioriamo ma noi siamo impazienti di veder vincere, di vedere i gol di Gallo Zaza o chiunque altro..di fare un gol più degli altri. Siamo impazienti. Le giornate passano le parole sempre le stesse…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13758358 - 3 settimane fa

    mah, belotti non era sulle gambe, tanto gioco e purtroppo nessuna incisività in area (non è che ci siamo arrivati molte volte…)
    il tiro di iago pericoloso ma non griderei al miracolo di lafont. xchè il sette era lontano dalla traiettoria della pala
    x il resto d’accordo con tutto
    mimmobg

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy