Toro, sei il regalo più bello del mondo

Toro, sei il regalo più bello del mondo

Lettere alla Redazione / Riflessioni, considerazioni, spunti, pensieri dei lettori: inviateli al Direttore e alla Redazione

di Redazione Toro News

La redazione di Toro News torna ad aprire le colonne della prima e più grande testata on-line dedicata al Torino FC ai suoi lettori, i quali da sempre meritano di avere spazio. Inviateci agli indirizzi redazione@toronews.net o gianluca.sartori@toronews.net articoli su qualsiasi argomento legato al mondo Toro: i più meritevoli e significativi saranno settimanalmente pubblicati sul nostro sito.

Ecco oggi un altro racconto inviato da uno dei nostri affezionati lettori su come si è innamorato della maglia e della storia del Toro, unica e particolare in ogni suo aspetto. Chi volesse può inviare una lettera simile agli indirizzi mail soprastanti.


 

Scrivo questa lettera dopo aver pianto per l’ennesima volta sulle note di “Quel giorno di pioggia”. Dall’altra parte del mondo. Da solo. Mi chiamo Tommaso, ho diciassette anni e la verità è che niente mi emoziona come il Toro. Sono stato cresciuto da una famiglia granata da quattro generazioni, andando allo stadio ogni domenica, con mio papà e mio nonno. Abbiamo tutti e tre in comune la precocità del tifo, infatti siamo stati tutti portati allo stadio (uno al Filadelfia, uno al Comunale e io al Delle Alpi) quando ancora non avevamo imparato bene a parlare.

Quest’anno sono lontano dai ragazzi, sono a Filadelfia (proprio lei) per studiare e non so se mi manchi più la mia famiglia o la mia famiglia granata. Qualcuno mi ha detto: “Nel 2018 non ti perdi nulla, puoi guardarti tutte le partite tranquillamente.” E invece mi perdo un sacco di cose: le urla di Venneri, le nostre urla, il battito di mani a ritmo durante l’inno, l’adrenalina del derby, la gioia condivisa dopo un goal.

Tuttavia dall’altra parte dell’oceano ci sarà un ragazzo biondo con la sua maglia del Torino che non riesce a respirare per la tensione pre-partita, che gioirà e soffrirà con voi e che urlerà, per la prima volta da solo, il nome del Gallo dopo i suoi goal e soprattutto: “Forza Toro”.

Grazie papà, grazie nonno: il Toro è stato il regalo migliore che poteste farmi.

 

Tommaso Capra
9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Carlin - 2 mesi fa

    Ho notato che c’e sempre un non mi piace ai nostri commenti.Sicuramente è un gobbo invidioso della nostra storia,perche quella della sua squadra parla di condanne per doping,corruzione,mafia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13793800 - 2 mesi fa

    Grande Tommaso!!Sei forte!!!!Fai conoscere il Toro a qualche bella ragazza americana e un anno volerà !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gothi_25 - 2 mesi fa

    Finalmente un articolo da vecchio cuore granata, in mezzo a una marea di parole senza senso…un articolo che mi ha fatto riflettere sul perché sono granata…ricordo mio padre che mi portava al Comunale…ricordo il walkman acceso prima di andare a dormire con quel nastro in loop con Sandro Ciotti a raccontare “Sotto il segno del Toro”…ricordo le maglie ufficiali che un ragazzo del mio paese ci portava in regalo; lui che come Primavera incontrava i miei idoli…e in fondo anche lui era un mio idolo, perché giocava nel Toro…ricordo quel distinto signore che allo stadio aveva ribattezzato la vecchia signora “la vecchia puttana”…ricordo Superga con gli amici prima delle partite…ricordo che ero l’unico adolescente che indossava la maglia granata..gli anni sono passati, mio padre è diventato nonno e mio figlio comincia a comprendere la vita…una cosa è sicura: volutamente lo tengo lontano da questo sport che è diventato uno schifo tanto è imbarazzante…niente partite in tv, ma il giorno che mi chiederà di andare allo stadio, lo porterò con gioia e fierezza per fargli capire cosa vuol dire essere del Toro….questione di genetica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. JoeBaker - 2 mesi fa

    Grandissimo! La genetica è una scienza meravigliosa e l’appartenenza non ha confini!
    Potresti scoprire che la nostra storia affascinante procura tanti amici, come è successo a me quando ho vissuto in Sud Carolina. Ho lasciato un sacco di amici che tifano Clemson, Panthers e… Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14003131 - 2 mesi fa

    Forza Tommaso, un anno passa in fretta… io ne ho fatti ben di più via dall’Italia e il Toro non mi è mai passato. Bello comunque leggere di generazioni granata nel tempo. FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. silviot64 - 2 mesi fa

    Caro Tommaso è bello leggere di giovanissimi che mettono ancora i valori sopra a tutto. Bravo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. GlennGould - 2 mesi fa

    Caro Tommaso, ciò che ho letto è semplicemente meraviglioso. Anche io, come te, vengo da generazioni granata, e condivido come te e con te una emozione unica. Ogni giorno. Forza toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-12329936 - 2 mesi fa

    Sei un Giovane Vecchio Cuore Granata, raggiungerai gli obbiettivi prefissati nella tua vita poiché hai una marcia in più. Il Toro ti aspetterà sempre.
    Sempre e Solo Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. BIRILLO - 2 mesi fa

    Tommaso sei uno di noi, studia bene e rimani nell’essenza quello che il nonno e il papà ti hanno indicato. Il Toro lo vedi in tele o in streaming, spero a esiti esami ci sia di premio per te lo stadio ! Ciao, FVCG !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy