Cerci e il Toro, a volte ritornano!

Cerci e il Toro, a volte ritornano!

Lo Psicologo Granata / Quale accoglienza verrà riservata all’ex idolo della Maratona?

Commenta per primo!

Era arrivato 2 estati fa dalla Fiorentina, in un momento molto difficile della sua carriera: in rotta con l’ambiente viola, rischiava di essere bollato come un’eterna promessa del calcio, per via di un carattere non facilissimo. Ventura, però, vede in lui un grandissimo potenziale e pian piano, sotto la sua guida lima quel carattere un po’ sopra le righe diventando, nel giro di 2 anni, un grande giocatore capace di fare le fortune del Toro. Abbiamo ancora tutti negli occhi alcune sue prodezze, come il gol contro il Genoa.

Poi, come spesso (per non dire sempre) accade in questo calcio, le ambizioni professionali superano le ragioni del cuore, e così in questa piovosa estate va in scena una telenovela durata parecchie settimane che si conclude come nessun mio paziente avrebbe voluto: Alessio va all’Atletico di Madrid, lasciando tanti rimpianti e un vuoto nell’organico granata non indifferente.

L’avventura spagnola, però, non decolla mai, infatti Cerci è quasi sempre in panchina e subentra quasi sempre negli ultimi minuti al punto che vien da chiedersi il motivo di questo acquisto; infatti in questa sessione invernale del mercato il Milan (che aveva fatto di tutto per prenderlo già in estate) lo riporta in Italia con una delle operazioni più strane di sempre.

Neanche a farlo apposta appena tornato in Italia, Alessio, si troverà a giocare contro il suo passato, in quello stadio che l’ha rilanciato e reso a tutti gli effetti un grande calcaiiatore; ma quale sarà la reazione dei miei pazienti? Quale accoglienza gli verrà riservata? Parlando con alcuni di loro non sono riuscito a farmi un idea in merito, infatti ho sentito opinioni totalmente contrastanti: chi vorrebbe che venisse fischiato, chi si aspetta totale indifferenza e chi, invece, auspica un’accoglienza benevola con tanto di applausi.

Personalmente ritengo che Alessio si meriti quanto meno di non essere fischiato, perchè ha comunque regalato a noi tifosi delle emozioni grandissime ed ha dato un enorme contributo ai bellissimi risultati ottenuti nella passata stagione. Voi, cari pazienti come la pensate?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy