Toro, hai dato tutto: il serbatoio è vuoto

Toro, hai dato tutto: il serbatoio è vuoto

Lo Piscologo Granata / Il finale di stagione non cambia il giudizio del popolo granata

 

Niente, tutti i calcoli fatti nelle scorse settimane, tutte le tabelle e le speranze di qualificazione UEFA si sono sgretolati sotto i colpi di Empoli e Genoa. A Marassi il Toro è parso completamente scarico, senza più benzina, svuotato sia dal punto di vista fisico, sia dal punto di vista mentale. Ovviamente gli ultimi 10 minuti in cui sono arrivati 3 gol, rendendo il passivo della partita il più largo subito dal Toro di Ventura tra serie A e B, ma non danno davvero l’impressione di come sia andata la gara. Il Toro ha comunque lottato ed è stato in partita per 80 minuti, salvo poi sgretolarsi come neve al sole.

Personalmente questo epilogo mi fa un po’ male ma va detto che, parlando con molti pazienti, ho potuto comunque riscontrare un sentimento di gratitudine nei confronti di un gruppo che ci ha regalato una stagione fantastica, condita da vere e proprie imprese sportive. Posso affermare che il popolo granata (compreso il sottoscritto) ha perdonato completamente, se mai ce ne fosse bisogno, Ventura e i ragazzi per questo finale non esattamente all’altezza. D’altro canto i ragazzi hanno iniziato la stagione con un mese di anticipo ed hanno giocato 14 partite in più di buona parte delle diretti concorrenti per l’Europa (Genoa, Sampdoria, Milan). Non sarà un’attenuante ma sicuramente questa situazione non ha giovato.

Ora restano 3 partite che hanno il sapore di 3 amichevoli estive in cui però il tecnico granata potrà dare spazio a chi ha giocato di meno durante l’anno e, perchè no, testare qualche ragazzo della primavera. Inoltre la società potrà già dedicarsi alla pianificazione della prossima stagione con qualche settimana di anticipo, e questo non fa mai male. Della serie: non tutti i mali vengono per nuocere.

Alla prossima dal vostro Psicologo del Toro!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy