Toro, una tranquillità da ritrovare

Toro, una tranquillità da ritrovare

Lo Psicologo Granata / Torna la rubrica del nostro Riccardo Agnello

7 commenti
Ventura

Nelle ultime 6, 7 partite è più che evidente una netta involuzione nel gioco e di conseguenza nei risultati che la squadra ha ottenuto, arrivando dal terzo/quarto posto di inizio campionato, all’undicesimo posto attuale. C’è da dire, però, che si son verificate tutta una serie di eventi che non hanno di certo favorito i ragazzi, a cominciare da qualche infortunio di troppo, passando per un pizzico di sfortuna in alcuni episodi (si veda il derby) e concludendo con qualche svista arbitrale che bene non ha fatto. Se si somma tutto questo a una serie di errori sia in difesa, sia sottoporta, il risultato è una vittoria che inizia a mancare da ormai troppo tempo.

Sui social network e sui forum, così come nel mio studio, non si sprecano i dibattiti sulle possibili cause e la maggioranza sembra orientata a trovarle nell’approccio psicologico della squadra alle partite. Nella fattispecie, mi trova d’accordo la tesi proposta da un mio paziente nonché amico: dopo l’inizio spumeggiante si ha avuto l’impressione che qualche partita sia stata giocata con un pizzico di superficialità (Modena contro il Carpi ne è l’esempio più lampante) quasi come se il gol dovesse prima o poi arrivare perché “tanto siamo più forti”, mentre ora, dopo qualche batosta di troppo, la squadra appare contratta e impaurita, regalando interi sprazzi di partita agli avversari.

Questo momento di appannamento deve passare al più presto ed è necessario ricominciare a fare punti per tornare a lottare per i primi posti di una classifica che, mai come quest’anno sembra incerta ed equilibrata, e farsi scappare la chances di lottare per un posto in Europa sarebbe davvero un peccato. Per farlo però, occorre ritrovare la tranquillità e la spensieratezza del secondo tempo di quel Toro-Fiorentina che aveva incantato tutta Italia.

Alla prossima dal vostro Psicologo del Toro!

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Wendok - 2 anni fa

    Cinque anni senza regista. Affidati ad un giropalla stile barcellona ( ad una velocità pari ad 1/10 ) ed affidando le ” illuminazioni ” a bovo, vives e molinaro.. Passato l effetto cerci-immobile, passata la novità del gioco di ventura ( ad oggi persino il borgaro sa che basta aggredire alti per metterci in difficoltà ), appassito quagliarella, tramontata l idea di avere tra i pali un portiere, ci affidiamo oramai solamente alle incursioni di peres, senza il quale , nelle ultime partite avremmo creato la metà delle quasi nulle occasioni. QUesta è la triste realtà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. uassing - 2 anni fa

      Fortunatamente e’ solo la tua realta’a cui mi dissocio completamente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio sala 68 - 2 anni fa

    Mancano i gol, se si sbloccasse Belotti secondo me quest’anno ci togliamo delle soddisfazioni altrimenti navigheremo sempre intorno all’attuale posizione di classifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ikhnos - 2 anni fa

    Per mio conto il Toro ha subito un crollo psicologico quando sono iniziate le “incertezze” di Padelli: Purtroppo sappiamo bene che il ruolo del portiere in una squadra è soprattutto quello di dare sicurezza e tranquillità. E tutto questo è mancato.In sintesi ogni due tiri in porta degli avversari , uno entrava sempre nella rete. Questa triste statistica la dice lunga. Mi spiace per Padelli ma in questi casi ha bisogno assolutamente di un periodo di riposo. Non ci sono altre ragioni che provare col giovane Gomis con la speranza che oltre alle sue riconosciute qualità la fortuna lo assisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nick - 2 anni fa

      Sono d’accordo ma bisogna anche dire che tutta la difesa ha avuto un involuzione. In più non segna glik e altri difensori che hanno salvato partite l’anno scorso. e al momento anche L attacco appare spuntato. Sembra davvero abbiano un blocco ma i valori dei ns giocatori sono indubbi. Siamo più forti dell’anno scorso anche se manchiamo in fantasia. Dobbiamo sempre e cmq sostenere la squadra.sono convinto che ci sarà una risalita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CONTE VERDE - 2 anni fa

        PER non prendere gol con Padelli vi e’ sola una soluzione..impedire che gli avversari tirino in porta !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. CONTE VERDE - 2 anni fa

      P

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy