Vittoria per l’onore con l’orecchio a Empoli

Vittoria per l’onore con l’orecchio a Empoli

La penultima giornata può assottigliare il numero di squadre in lotta per non retrocedere, le otto  coinvolte non giocano scontri diretti ad eccezione del Toro che riceve il Livorno.

I granata sono reduci dall’impresa di Roma, dove oltre ad una partita tutta grinta e cuore hanno avuto anche la fortuna dalla loro con tre legni colpiti dai giallorossi, alla faccia dello scarso impegno della banda Spalletti…

Commenta per primo!

La penultima giornata può assottigliare il numero di squadre in lotta per non retrocedere, le otto  coinvolte non giocano scontri diretti ad eccezione del Toro che riceve il Livorno.

I granata sono reduci dall’impresa di Roma, dove oltre ad una partita tutta grinta e cuore hanno avuto anche la fortuna dalla loro con tre legni colpiti dai giallorossi, alla faccia dello scarso impegno della banda Spalletti ventilato da Lucarelli e compagni nel dopopartita.

De Biasi ha tenuto alta la concentrazione della squadra, e anche il presidente è stato vicino ai ragazzi; il recupero di Abbruscato potrebbe essere l’unica alternativa a Muzzi, con Stellone ancora indisponibile salvo miracoli dell’ultima ora mentre il ritorno di capitan Brevi al centro della difesa è un’arma in più contro il bomber amaranto.

Le partite da seguire con maggior attenzione si giocano a Empoli e Palermo: in Toscana è di scena la Reggina che dopo un campionato in rincorsa si gioca buona parte delle chances di rimanere nella massima serie contro la rivelazione del torneo; in Sicilia invece è andata in scena l’ennesima puntata del rapporto tra Zamparini e Guidolin, richiamato alla guida della squadra dopo l’esonero senza risultati di qualche settimana fa.   Il Siena proverà ad approfittare di questa situazione anche se i rosanero potrebbero avere uno scatto d’orgoglio che li riporti alla dignità conquistata nel girone d’andata.

Anche a Genova partita tutta da seguire, il Catania segnerà con molte probabilità l’ultima partita casalinga di Novellino sulla panchina blucerchiata; Marino non può permettersi regali e se giocherà come nella ripresa dell’incontro con il Milan potrebbe anche uscire da Marassi con qualche punto contro una squadra senza più obiettivi.

Tra le pericolanti la squadra più in forma, il Parma, fa visita alla Lazio; mentre Ranieri ha preso atto che baby Rossi tornerà al Manchester in casa biancazzurra la settimana è stata agitata dall’eventuale saluto di mister Rossi, tra i candidati alla panchina juventina; pronostico aperto e buone possibilità di bel gioco.

Il Cagliari riceve la Roma sazia della vittoria in Coppa Italia e senza stimoli, ad eccezione di capitan Totti che deve realizzare ancora 4 gol per vincere la scarpa d’oro; dal canto loro i sardi sono in piena bagarre e i tre punti sono indispensabili per continuare a sperare nella salvezza.

Il Chievo ha apparentemente una partita casalinga in discesa con il fanalino di coda Ascoli, che tuttavia ha preso in parola il suo tecnico lottando fino all’ultima partita; le motivazioni dei veneti dovrebbero prevalere per la conquista dei tre punti.

Il derby nerazzurro a Bergamo vede di fronte Vieri e i suoi ex compagni, il bomber ha dato chiari segni di recupero dopo il lungo infortunio e la difesa campione d’Italia è un buon banco di prova per testarne i miglioramenti; la Fiorentina va a Messina per alimentare la classifica in prospettiva Uefa contro una squadra proiettata già al prossimo campionato cadetto.

L’anticipo di oggi alle 18 a San Siro permette al Milan di preparare meglio la finale di Champions, arriva l’Udinese con problemi di risultati e di spogliatoio con il presidente Pozzo che ha paventato l’ennesimo cambiamento in panchina a fine stagione. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy