Presidente Cairo, a lei la scelta

Presidente Cairo, a lei la scelta

Occhi Sgranata / Torna la rubrica di Vincenzo Chiarizia: “Al presidente la scelta: allestire una squadra mediocre come gli anni precedenti o sforzarsi di metter su una squadra di qualità, che possa lottare per qualcosa di importante”

di Vincenzo Chiarizia

Sinceramente non pensavo che la situazione di Verissimo e Peres sarebbe rimasta la medesima dopo una settimana, invece è così: il Toro non ha ancora un solo rinforzo per la stagione 2018/2019, mentre aumentano le puntate delle due telenovele. Inoltre mancano ormai solo dieci giorni al raduno, in cui praticamente si presenterà la rosa allestita da Mihajlovic lo scorso anno, che prima è stata considerata da Cairo la rosa più forte degli ultimi trent’anni, per poi delegittimarla di fatto per motivare l’allontanamento del tecnico serbo e l’arrivo di Mazzarri. Quindi si riparte con la squadra che ha fallito l’anno scorso. Le uniche novità vengono dalla situazione di Damascan, che pare si stia finalmente sbloccando, e dal rinnovo di Edera (vivaddio!!). Ma di elementi nuovi in rosa nemmeno l’ombra.

Peres pare che abbia problemi familiari che sta cercando di risolvere in patria. Per carità è giusto e umano attendere che un giocatore possa risolvere alcuni problemi personali, ma si ha l’impressione di vedere la società granata imbrigliata, intrappolata da questa trattativa così come quella di Verissimo. Per quest’ultimo veramente si sta esagerando. Il motivo è strettamente economico perché se il Toro pareggiasse l’offerta economica del Lione (e ricordiamo che le risorse in cassa ci sono) senza cercare di fare sempre l’affare a buon mercato, il giocatore sarebbe già da giorni sbarcato a Torino.

Se dal punto di vista degli arrivi l’immobilismo è evidente, sul fronte partenze la situazione non è da meno (ad eccezion fatta della cessione di Avelar, che comunque già nella passata stagione non era parte della squadra). Infatti Valdifiori, Acquah, Obi e Lukic sono ancora in granata e per colmare le lacune che la stagione trascorsa ha mostrato nella mediana, è necessario sfoltire la rosa. Se Lukic deve essere visionato da Mazzarri, per gli altri tre il giudizio del tecnico c’è già. L’unico che mi dispiacerebbe veder partire sarebbe è il nigeriano. Malgrado le sue precarie condizioni fisiche, l’apporto dato dal nigeriano alla causa granata è stato di gran lunga superiore rispetto agli altri due.

Dunque la società continua ad operare a mio parere senza un senso apparente. Spero un giorno di essere smentito e che tra dieci giorni al Fila si presentino diverse facce nuove e che, soprattutto, ci siano diversi i prodotti del vivaio. Oltre ad Edera, vorrei vedere confermato Barreca. Il terzino sinistro è un giocatore dall’enorme potenziale e una stagione storta non può cancellare quanto di buono fatto dal laterale ex Cagliari. Se il mister non reputa il giocatore adatto al suo assetto tattico, vorrei capire le reali motivazioni del mister e se proprio ritiene opportuno di non puntare sul calciatore per questa stagione, suggerirei un’opzione diversa. Un certo Moreno Longo ha portato il Frosinone in Serie A, e conosce molto bene Barreca, perché non cercare di mandarlo lì per ritrovarsi? Cederlo definitivamente sarebbe una scelta, a mio modo di vedere, miope, soprattutto se poi si rinnoverà il contratto a Molinaro.

In tutto questo contesto c’è il malumore dei tifosi che sono seriamente disorientati dal modus operandi della società granata. Mi sembra che molti mettano in discussione il rinnovo dell’abbonamento e, dopo anni di stagioni deludenti, non si possono di certo biasimare. Il tifoso del Toro è passionale e particolare: può sostenere la squadra anche in Serie D, se ha la certezza che società e giocatori diano il massimo. Tuttavia basta che qualcuno agisca seguendo altri interessi (economici?) al di fuori dell’onorare la maglia, che si può star certi che i tifosi granata non si lasceranno prendere in giro e con coerenza lo faranno notare ai diretti interessati.

Al presidente la scelta: allestire una squadra mediocre come gli anni precedenti per puntare al nono posto con conseguente emorragia di abbonamenti o sforzarsi di metter su una squadra di qualità, che possa lottare per qualcosa di importante e che faccia registrare il tutto esaurito al Grande Torino.

 

Vincenzo Chiarizia, giornalista di fede granata, collabora con diverse testate abruzzesi che trattano il calcio dilettantistico, per le quali scrive e svolge telecronache. Quinto di sei figli maschi (quasi tutti granata), lavora e vive a L’Aquila con una compagna per metà granata.

65 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. policano1967 - 5 mesi fa

    sinceramente nn mi meraviglio dell immobilismo sul mercato correndo dietro a giocatori che nn arriveranno mai.ci abbiamo provato sara la classica frase oppure nn abbiamo mai trattato questi giocatori.signori e il toro di cairo questo.soldi in cassa ma nn per rafforzarci e porci un obbiettivo.come puo una squadra porsi un obbiettivo se le prime mosse so state rinnovare il contratto a due quasi quarantenni?si siamo in a stabilmente e questo il vero obbiettivo di cairo.per il resto e inutile sognare questo o quello.squadra di medio bassa classica e questa la realta dell era cairo.purtroppo ce lui e dobbiamo tenercelo.ma con lui man mano la fede svanira

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      Mi sono perso qualche cosa, ma oltre Moretti mica avranno rinnovato molinaro, vero?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. policano1967 - 5 mesi fa

        lo rinnoveranno tranquillo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. zac65 - 5 mesi fa

    Barreca e’ un Paolo Beruatto dei giorni nostri,ma naturalmente noi mettiamoci sempre il lato romantico…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pasastabala - 5 mesi fa

    Perché non comprare Verratti ? Con Belotti sarebbe una bella coppia. Difesa assestata e giovane col recupero di Lyanco, la permanenza di Barreca e l’acquisto di Verissimo. Centrocampo di talento e grintoso se Rincon si sveglia. Attacco affidabile con Belotti e Iago.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dukow79 - 5 mesi fa

      Centrocampo di talento con Rincon non è un ossimoro?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dennislaw - 5 mesi fa

    Anche io sono perplesso di questo mercato. Ma lascerei perdere le dietrologie dettate da complessi e non supportate da fatti e riscontri precisi. Il presidente è sbarcato a Torino con il Corriere e si sa per certo che non ha fatto piacere agli azionisti, seppure di minoranza oggi, della Stampa. Diciamo che Cairo si è scottato all’inizio con il Torino, quando è andato sotto di una cinquantina di milioni ( per errori suoi) e galleggiava malamente in serie B. Allora avrebbe venduto, ma rientrando dei suoi soldi ( cioè 50 milioni) e a quella cifra tutti si sono tirati indietro. Come succede al cane che ha preso una bastonata , si avvicina alla ciotola dell’acqua con molta prudenza anche se ha sete. Avrebbe disponibilità con aumento diritti tv e soldi in cassa da plusvalenze passate. ma non compra se non vende gli esuberi , colpa di pesche a strascico fatte dal nostro DS: mille scarpe rotte nella rete per un pesce. Qui sta il vero problema, la struttura societaria non è da medio-grande squadra. Trattative all’infinito per giocatori come fossero top player. Arrivi di atleti solo di proprietà di squadre di prima fascia, ma scartati anche dopo prestiti in altre squadre ( ricordo fra tanti un tal Perez dell’Atletico). Oggi non servono legioni di brocchi , ma un paio di buoni acquisti. Per questo non mi sarebbero dispiaciuti Zaza e Marchisio, ma si sa … la società è provinciale, come anche il nostro tifo, purtroppo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 5 mesi fa

      E’ un accumulatore seriale. Stop. Taglia i buoni pasto al corriere della sera, spulcia le fatture dei fornitori una ad una. Parola d ordine accumulare e tenere stretto. Non e’ una critica. Con le sue aziende puo farlo, sono sue. E lo farei anch’io. Ma una societa sportiva (sportiva) e’ un altra cosa. Dovrebbe andare in pareggio ed avere scopi sportivi. Quando e’ sotto dovrebbe vendere, quando e’ in attivo, investire.
      Non vedo questo. Vedo solo accumulare e tenere stretto. E’ una specie di stitichezza cronica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. alextattoli@libero.it - 5 mesi fa

    Barreca è il futuro, anche della nazionale. Vale almeno 30 milioni. E noi lo scambiamo con il primo straniero che passa. Non è che se un giocatore scarso è scartato da un top club allora in un club medio diventa top eh…Il rinnovo a Molinaro è uno scandalo. Cairo non è famelico, non ha grinta, non ha la scintilla negli occhi. È un giostraio dietro le quinte che nasconde i soldi nelle calze…E gli anni passano…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 5 mesi fa

      Posso dire che è una fesseria? 30 milioni?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alextattoli@libero.it - 5 mesi fa

        Barreca ha almeno 10/12 anni di carriera ad alti livelli davanti a sé. 30 mln diviso 10 fanno 3 mln l’anno, ovvero il prezzo che andresti a pagare un terzino appena decente se sei una neopromossa. (Ma tanto noi siamo gli eterni neopromossi, in effetti dov’è il problema?). Non vai a comprare Barreca ORA, vai a comprare tutta la sua carriera, perché ripeto è il futuro, in Italia non ha rivali a sinistra.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. renato - 5 mesi fa

      Anche secondo me Barreca è il futuro, e infatti non capisco assolutamente questa ipotesi dello scambio con non so chi. Si può dicutere sui milioni (30 o altro) ma non sulle srategie: per prima cosa bisogna valorizzare al massimo i giovani della casa poi, se si rivelano “scarsi”, li si da via ma non soltanto perchè hanno avuto una stagione non propriamente fortunata… Per finire vorrei che questi discorsi fatti dalla società fossero uguali per tutti e non due pesi e due misure. Belotti lo abbiamo (giustamente) aspettato, adesso aspettiamo ancora (meno giustamente…) Lyanco, Niang, Lukic, Berenguer, Verissimo, ecc. ecc.
      Perchè Barreca non rientra nel gruppo degli “aspettabili”? Ha pestato i piedi a qualcuno in società? Mah!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dattero - 5 mesi fa

    user 13797744,avendo un parente in politica,so che la politica lo attira,ha pure cercato una benedizione ad Arcore,questo quanto so,poi che si realizzi sta cosa e’ da vedere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13797744 - 5 mesi fa

      Con Urbanoinoino mai dire mai . il suo sogno oltre aver preso il Toro prima di Ferrero ( quello vero ) sarebbe emulare il “suo maestro .” Pagine gialle docet. Sempre forza toro . Pesaro c’è !!!!! PS. Madama granata e in ferie ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gud_74 - 5 mesi fa

    Premesso che l’ultimo presidente che vorrei al Toro è Ferrero ( quello tarocco sia chiaro ) devo dargli atto però che lui i dirigenti li sa scegliere,l’altra sera su SKY c’erano Osti e Sabatini…ecco non proprio i 2 più scarsi che il mondo del calcio abbia conosciuto…

    …noi chi abbiamo???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. michele - 5 mesi fa

    parole sacrosante . Sottoscrivo in toto aggiungo solo che ormai il sig. CAIRO lo conosciamo da anni e illuderci in suoi cambiamenti è utopia. Sauti Michele

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

    Ma cosa pensiamo che scelga ?
    Cairo ha scelto già da un pezzo la mediocrità dal punto di vista dei risultati sportivi, badando esclusivamente a tenere a galla la società Torino quanto basta per farne dei ricavi. Delle coppe, delle vittorie e dei risultati gli importa una mazza. Ovvio che non conviene nemmeno a lui avere una squadra in serie B o da salvezza ma questa dimensione da “più grande delle piccole” gli basta e avanza.
    Chi ancora si illude che la squadra crescerà oltre miracolosi settimi posti, è assai ingenuo o in malafede come lui.
    Quasi 14 anni di Presidenza dovrebbero valere più di un indizio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dattero - 5 mesi fa

    Questo soggetto,inteso il proprietario del torino fc,detta da tanti la cairese,si e’ contraddistinto per le innumerevoli bugie,tutto poi facilmente riscontrabile,in quanto dichiarazioni ad organi di stampa.
    A chi dice che non investirebbe nel calcio,dico solo beata ingenuita’,si chieda come mai nessuno molla l’osso,malgrado da anni ci sian presidenti che strepitano per vendere e mai nulla succede,ultimi esempi,sebastiani del pescara,preziosi,zamparini,ecc..
    L’ineffabile ds in realta’ fa il segretario,i suoi non son compiti da ds,ma esegui zelantemente gli ordini.
    Non ha collaboratori,men che meno ne vuole,non ci son osservatori,ha solo esperienze tra pisa e casarano e faceva l’impiegato alla GEA,un cv un po’ scarno,direi.
    Gli affari di questo speculatore hanno molto da spartire con l’ambiente fiat e gobbo in se’,dalla pubblicita al gobbodromo fino alla rcs,di cui tutti sappiamo.
    Mi e’ stato anche riferito di una sua societa’ con j.elkann,ma su cio’ non ho diretto riscontro.
    Ho pero’ riscontro della sua crescita imprenditoriale e la paragono a quella sportiva,da una parte una macchina ad alta velocita’,dall’altra una lumaca simil bradipo.
    questa squadra e’ concepita per non disturbare i capi di torino,memore della frase di giraudo ai tempi del lodoquando disse che era meglio fare un passo indietro e poi due in avanti.
    Mezza classifica stagnante,obbiettivi solo a parole,si sperava in una primavera di Praga,invece ci si ritrova con una brutta normalizzazione.
    Dispiace ed intristisce anche pensare al Fila ed alla sua situazione,un proprietario rispettoso e sportivamente coinvolto,avrebbe agito in modo differente.
    Che poi sia uomo serio,ne dubito,un ‘uomo serio non vive di frottole e di mancanza di rispetto,anzi tutt’altro.
    Che sia abile,scaltro,cocciuto,determinato,cinico,gran lavoratore,questo si,ma vale x l’imprenditoria,il calcio e’ solo il chiavistello x il resto.
    Non e’,mai sara il mio presidente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

      Bravo. Un ritratto di Cairo purtroppo fedele alla realtà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13797744 - 5 mesi fa

      Grande DATTERO . Quoto e sottoscrivo aggiungendo se entrerà in politica ne sentiremo e vedremo delle belle . Pesaro c’è !!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Bilancio - 5 mesi fa

      Complimenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. danygranata - 5 mesi fa

    se

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13797744 - 5 mesi fa

    A chi dovrebbe vendere il Toro ? Una cordata di pseudo compratori? Un Russo o Cinese ?
    Chi ci compra ci compra va bene lo stesso ? Di Urbanoinoino possiamo dire di tutto e di più ma oltre nel portafoglio il Toro è nel suo cuore , anche solo per una questione di immagine se preferiamo Nn è difendibile per la storia del ConadStadium degli ” altri ” scudetto revocato , e ancora nn abbiamo uno stadio da calcio ( vero ) di proprietà .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 5 mesi fa

      Diciamo che ti sei abbastanza limitato, per utilizzare un eufemismo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13797744 - 5 mesi fa

      Ciao Giankjc hai ragione ,ma credimi faccio veramente fatica sotto il sole …… Pesaro c’è

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Bilancio - 5 mesi fa

      Ci sei? O ci fai?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. KEYPAX - 5 mesi fa

    Purtroppo la musica è sempre la stessa ed anche i tifosi più pazienti si stanno stufando delle solite trattative non chiuse per 1 o 2 milioni, che nel calcio di oggi, sono briciole.
    Comunque se gli obiettivi di spesa rimangono giocatori da 7/8 milioni, con i prezzi di oggi, dubito fortemente che si possa allestire una squadra veramente competitiva. Ci servono un difensore e 2 centrocampisti forti, occorrono circa 50 milioni ( 10 x il difensore e 20 + 20 per i centrocampisti), i soldi ci sono in quanto in buona parte avanzati dall’anno scorso, circa 30/35 mln, il restante si può ricavare dalle cessioni di Njang, Valdifiori, Acquah, Boye, Gustaffson e da eventuali prestiti di Edera,Barreca, Lukic.
    Quindi se veramente la società vorrà alzare l’asticella, le possibilità ci sono concretamente, viceversa ci si affiderà, come avvenuto negli ultimi 12 anni , alla sorte sperando di scovare un paio di N’koulu nei diversi ruoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. RobertoDs63 - 5 mesi fa

    Risposta più che scontata…sarebbe stranissimo che questo individuo dopo tredici anni mette la testa a posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. secondome - 5 mesi fa

    Vincenzo, ti rispondo io senza alcun tipo di dubbio:

    Ennesima squadra mediocre…as usual

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Giankjc - 5 mesi fa

    Concordo pienamente, tranne che per il punto interrogativo dopo la parola economici.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Giankjc - 5 mesi fa

    Articolo pressoché interamente condivisibile, toglierei solo il punto interrogativo dopo la parola “economici”, tra le parentesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Granat....iere di Sardegna - 5 mesi fa

    Concordo pienamente con l articolista. Tuttavia non parlerei di immobilismo ma di attendismo. Semplicemente si è in attesa di fare qualche plusvalenza e poi, forse, qualcosa si muoverà. A differenza però di altre stagioni non sembrano esserci in giro allocchi disponibili ad accontentare le richieste della società e, allo stesso tempo, non sembrano esserci in giro tanti allocchi disponibili ad accettare le proposte di acquisto molto parsimoniose della nostra dirigenza. Insomma un colpaccio alla zappacosta non sembra ipotizzabile e per sfoltire la rosa si dovranno forse fare i saldi…del resto cairo e petrachi sono ormai ben noti agli operatori del mercato e non incantano più nessuno. Se vogliono un giocatore lo devono pagare. Se lo vogliono vendere non possono sperare in offerte mirabolanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. bepmerlo4_887 - 5 mesi fa

    Articolo assai opinabile, perché i giudizi si fanno alla fine e non nel durante. Pur con palesi contraddizioni questo Toro con Mazzarri al posto del Miha sarebbe in EL.
    Barreca Ha avuto problemi, ma nelle sue apparizioni non ha incantato anzi. pur piacendomi non posso che affidarmi alle valutazi9ni del Mister.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      Sei sicuro ? Non sono cosi’ convinto che se ci fosse stato Mazzarri saremmo arrivati in Europa.

      Abbiamo cannato 3 partite di brutto proprio con Mazzarri e proprio alla fine !

      Secondo me in Europa non ci volevamo andare…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Riba - 5 mesi fa

    Cairo puoi vender il Toro per cortesia e continuare con la fuffa che ti contraddistingue? Grazie! ci guadagneresti un sacco di soldi e noi tifosi ci guadagneremo in salute e dignità ritrovata! In 13 anni la sede societaria è ancora in un appartamento in affitto di camera e cucina in Via Arcivescovado e questa la dice lunga…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marino - 5 mesi fa

      Cosa c’è da aspettarsi da un barbone come Cairo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. fabrizio - 5 mesi fa

    ma no. Va tutto bene signor chiarizia. Non vorra’ per caso il ritorno di cimminelli e compagnia bella??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. ANNO1976 - 5 mesi fa

    Io nel calcio non investirei un centesimo.
    Soldi distribuiti non in modo equo, arbitri sempre dalla stessa parte, giocatori della maglia non gliene frega nulla, corrotti, giocatori scarsi che vengono passati per fenomeni, procuratori, partite truccate…
    ma chi cazzo glielo fa fare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. DARIOGRANATA - 5 mesi fa

    Tutto giusto nell’articolo. La squadra, visto il disastro da Verona in giu’, doveva essere quasi pronta da settimane. IL problema fondamentale sta a centrocampo, dove accanto al paracarro Rincon che ci dovremo tenere perché il favore alla gobba é fatto, abbiamo solo Baselli di affidabile. Lukich non sarà certo meglio di quello dello scorso camponato, Obi é fragilissimo, Acquah ha le valige in mano e Valdifiori é fuori da un pezzo.
    Si parla di centrali, di difensori, di esterni, di Peres e Zaza (per carità uno sfasciamacchine ed un ballerino) quando servono tre centrocampisti solidi. C’é solo un altro ex gobbo nelle trattative, per di piu’ anche lui ex gobbo, reduce da un grosso infortunio e che gioca in una squadra di bassa classifica inglese. Non capisco perché Cairo si ostini con il mediocre Petrachi senz’altro ottimo yes man, gli ha fatto fare qualche plus valenza ma gli ha fatto imbarcare una miriade di mediocri e di bidoni, d Pellicori a Niang passando per Carlao e Sanchez Minho da brividi, oltre a non far piu’ venire la gente allo stadio.
    Secondo me finché non si cambia DS non si andrà da nessuna parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. ANNO1976 - 5 mesi fa

    Io sono convinto che qualcuno in realtà sta lavorando alla costruzione del toro. Magari lentamebre, magari si poteva fare meglio, ma io non mi lamento.
    Troppo vivi i ricordi della b, del fallimento, dei vari florjancic, karic, simo e dell’ incertezza societaria.
    Siamo un club solido economicamente, abbiamo un presidente serio, e non facciamo figure tipo Milan.
    Un passo alla volta.
    Se ci fossero stati i gol di Belotti in Europa League ci saremmo andati, anni fa invece lo avremmo venduto subito al primo offerente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dukow79 - 5 mesi fa

      Un passo alla volta lentamente. Io l’unico miglioramento che ho visto in 13 anni è che non facciamo piú la spola tra la serie A e la serie B. E ti dirò non so fin quanto questo sia merito solo di Cairo perchè se è vera l’affermazione per cui c’è troppa differenza tra noi e le società che ci precedono allora lo è anche la distanza con le neopromosse.
      PS ad ogni modo karic e florjancic del Toro di Calleri erano ben piú forti dei Pellicori e dei Gabionetta di Cairo tanto piú che i primi giocavano in coppia rispettivamente con Rizzitelli e Ferrante

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. pinomu_368 - 5 mesi fa

    Ho molta paura che Cairo sia il Renzi del Toro, ma possibile che non ci sia un qualsiasi profugo che voglia rilevare la squadra. Comunque complimenti alla redazione di TN, parlare del nulla per quaranta giorni non è cosa da poco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. prawn - 5 mesi fa

    Concordo con Chiarizia e concordo con chi dice che la solfa e’ la stessa tutti gli anni.
    I tentennamenti all’inizio, la squadra che parte per il ritiro uguale all’anno prima, qualche rinnovo (ci cospargiamo di incenso e mirra, grazie presidente), qualche esubero, qualche acquisto tardivo e SICURAMENTE qualche cessione eccellente all’ultimo minuto.

    Mi viene il vomito, poi da quando non riesco a staccarmi da TN e’ ancora peggio, con le solite telenovele.

    Verissimo: assurdo non prenderlo al volo se e’ vero che lui vuole il toro (chissa’ come mai, magari in brasile abbiamo ancora un blasone)
    Peres: ok non sapevo dei problemi di famiglia, ma ho letto altrove che l’ultimatum e’ fissato per la partenza del ritiro…
    CMQ parliamo di due scommesse eh ragazzi.
    Moretti e’ stato rinnovato (bene) ma non vorrei che dovesse tirare (cosa che fara’ cmq egregiamente) la carretta tutto l’anno tra un Lyanco che spera di sistemarsi e un Bonifazi che ha talento ma e’ anche lui una scommessa alla fine.
    Bene che ci siamo liberati di Avelar, Burdisso un anno lo poteva ancora fare, se questo e’ il mercato tanto valeva tenere lui!!!
    Al centrocampo saranno i fari spenti ma non ci sono manco i nomi (a parte aver letto il solito Imbula che torna sempre di moda).
    La davanti ne servono solo quattro e quanti sono? Otto?
    Bene Edera col rinnovo, mettiamo che Iago resta, a destra siamo a posto.
    Vuoi dirmi che Madascan e’ la riserva del Gallo? O che ci teniamo Niang riserva del Gallo?
    E Boye chi lo vuole? E Berenguer lo teniamo?
    Barreca non so, non e’ ne carne ne pesce, non sa diffendere ma non attacca come Berenguer. Che fare: prestito?
    Ljaic fa parte del progetto?

    Putroppo il fin troppo onesto WM l’aveva detto, i piani non ve li dico, che poi qualche scarpone mi rimane in squadra (Valdifiori, Acquah, ecc)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabrizio - 5 mesi fa

      Vero verissimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. torinodasognare - 5 mesi fa

    Io domani vado al mercato di corso Brunelleschi, è più vivace

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Rock y Toro - 5 mesi fa

    A Cairo dei tifosi non gliene può fregare di meno! Però da un punto di vista imprenditoriale non sarebbe meglio per lui se raggiungesse risultati sportivi importanti così da avere più entrate dalla partecipazione alle coppe, per esempio; è questo che davvero non capisco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabrizio - 5 mesi fa

      Conto semplice: per ambire traguardi ci vogliono investimenti di almeno 80-100 milioni col rischio che se la stagione va storta hai perso molti soldi. In questo modo invece cmq vada sei in attivo e non di poco,e se ti gira bene e magari vai in EL aggiungi utili agli utili col minimo rischio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrizio - 5 mesi fa

        Tutto vero. Dopotutto, chi striscia non inciampa..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Fabrizio - 5 mesi fa

    Non gliene frega un cazzzzzoooooooooooooooo…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Paul67 - 5 mesi fa

    É difficile scrivere un articolo sul mercato della Cairese, di fatto non esiste.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. robertozanabon_821 - 5 mesi fa

    Cairo, da buon editore, è abituato a contare i resi delle copie invendute.
    Le statistiche relative al potenziale del Torino (seguito, presenze allo stadio, social etc.etc.) ci collocano intorno alla nona piazza della classifica italiana delle squadre più seguite della Serie A.
    In effetti è la posizione che il Toro occupa anche sul campo ed in questo Cairo si dimostra coerente.
    Se il Torino andasse, come posizione, meglio in Campionato quanto aumenterebbero gli introiti per la Società? Molto poco.
    In molte “piazze” significa raddoppiare gli spettatori, a Torino poche centinaia di presenze in più.
    Tutti vorremmo un Toro vincente e più spettacolare…ma dobbiamo fare i conti con il più severo dei giudici: la realtà.
    Questo non significa rassegnarsi; cerchiamo di fare il massimo con ciò che è nelle nostre possibilità.
    Forza Toro…sempre !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Giogiu69 - 5 mesi fa

    La cosa peggiore è la continua presa in giro di tutti gli anni “quest’anno costruiremo una squadra per andare in uefa”. Basterebbe che ammettesse una volta per tutte che l’unica cosa che gli interessa è fare plusvalenze e non rimetterci nemmeno 1 euro. Per non continuare a prendere in giro noi tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Marino - 5 mesi fa

    Per me sceglie la terza via. Indebolisce la squadra e aumenta le plusvalenze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. sylber68 - 5 mesi fa

    Mi scusi, ma non è lampante e assodato che
    a costui presidente non gliene importa nulla di allestire una squadra cosiddetta competitiva da far vivere un estate adrenalinica ai propri tifosi?
    Ma secondo lei dopo 12 (dodici) anni di nulla, deve essere il tredicesimo quello buono?
    Per me questo è il peggior presidente che abbiamo avuto negli ultimi 20 anni. E sa perché?
    Perché è un gran venditore di nulla, un gran paroliere. Un gran pifferaio che riesce a portar dietro di se tutti i suoi topi. Ambizioni sportive nulle, quello che arriva, arriva, pace. Abbiamo un bilancio ottimo, si, si percarita’. Ma sa che del bilancio ai tifosi non gliene importa proprio nulla?
    Il tifoso vive di passione, il tifoso vive di competitività, il tifoso non vive di bilanci.
    L’unico che ha guadagnato in questi lunghi patetici 13 (tredici) anni è stato lui, il grande bluf, cosiddetto Presidente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13685686 - 5 mesi fa

      Intervento perfetto anche nelle virgole

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bilancio - 5 mesi fa

      E’ un distruttore di sogni. Punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 5 mesi fa

      chiaro e limpido!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. ddavide69 - 5 mesi fa

      Beh, perché non pensare a tifare anche per la rcs o magari per la Cairo communication, potremmo tifare per una banca, pensa che bello tutti i correntisti a fare la ola davanti agli sportelli… È ciliegina sulla torta scoprire che è la banca dove Cairo tiene i soldi del Toro. Wow che goduria!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Immer - 5 mesi fa

    Io aspetto fiducioso l’unica cosa che interessa i tifosi la vendita della cairese non mi interessa a chi ma basta non vedere più questo personaggio. Poi si parla di giocatori ma mai nessuno chiede a lui uno stadio di proprietà per farci sperare in un futuro per ora con Cairo non c’è nessun tipo di futuro solo agonia in attesa della fine

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 5 mesi fa

      Scusa Immer, ma se io mi sento di passaggio in un posto, e non voglio quindi programmare a lungo termine, vado in affitto, giusto? Quindi Investimenti in strutture, osservatori, struttura societaria ecc al minimo sindacale, cosi nel caso il vento cambiasse, in poco tempo sbaracco..
      ma se avesse un minimo di volonta, invece di tenersi tutto stretto, costruirebbe una squadra che possa servire Belotti, il gallo ritornerebbe a segnare 20 goals a stagione 3 poi si fa le sue plusvalenza del caz..e reinveste una parte ..tipo in tottenham con Bale o la Lazio con Keita Biglia ecc..o il Napoli con Cavani, lavezzi higuain,,
      Ma a sto tipo proprio investire nel toro gli fa venire l affanno, la sofferenza dentro….ma continui cosi con le sue aziende, ne ha il diritto (esistono tifosi della cairo comm? O della rcs? O della 7? QUESTA ERA UNA SOCIETA SPORTIVA, faceva sport, competizioni …e ke cax..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 5 mesi fa

        Eeesatto!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. user-13746076 - 5 mesi fa

    Articolo condivisibile, peccato che in sede di calciomercato sia il solito modus operandi del club… Cairo docet. Nulla e’ cambiato da questo punto di vista rispetto alle ultime stagioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. user-13793800 - 5 mesi fa

    Basterebbe poco per poter ambire a qualcosa di importante vista la mediocrità che gira…la realtà però dice che siamo una squadra di seconda/terza fascia e di conseguenza il nostro mercato sarà fatto dopo le big e i più preparati.
    Giudizio solo a mercato chiuso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. CUORE GRANATA 44 - 5 mesi fa

    Condivido sostanzialmente l’analisi fatta da Chiarizia e credo corrisponda al pensiero di molti noi tifosi.Sul punto emorragia abbonamenti\botteghino credo sia l’aspetto che meno interessa al Presidente in quanto la loro incidenza è ormai poco significativa sul versante entrate. Il timore,ampiamente condiviso, è che a Cairo i risultati sportivi interessino poco,al di là delle rituali affermazioni.Il Torino fc,nella sua visione imprenditoriale, è azienda periferica del suo core business che terrà fintantoché non dovrà impegnare un cent. di tasca propria per non parlare della sudditanza rispetto alla ben nota oligarchia Sabauda.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. alexku65 - 5 mesi fa

    Bla bla bla….perché tornare a ripetere sempre le stesse cose come un mantra, quasi con un fare nevrotico ..andiamo a cercare articoli simili di un anno fa, di due anni fa, di tre, quattro etc..e realizzeremo che l’unico assolutamente sereno con ciò che sempre avviene è sempre e solo lui….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy