Tra il Toro che zoppica e lo squallore di certe verità

Tra il Toro che zoppica e lo squallore di certe verità

Occhi sgranata / Torna la rubrica del nostro Vincenzo Chiarizia

di Vincenzo Chiarizia

Così l’Europa resterà un miraggio. Bisogna invertire la tendenza e per fortuna il tempo c’è. È il momento che Walter Mazzarri cominci ad assumersi le proprie responsabilità per dimostrare che l’allenamento dell’aspetto mentale non sia un suo punto debole. Dispiace dirlo, ma la squadra è per lo più la stessa della scorsa stagione, fatta eccezione per poche novità. Possono alcuni cambi in rosa a determinare il cambio di atteggiamento durante la gara? Assolutamente no.

Nella passata stagione, da quando Mazzarri è sulla panchina del Toro, soltanto in un’occasione il Toro si è fatto riacciuffare una volta in vantaggio, ed è il caso del match in trasferta contro il Sassuolo nell’intero girone di ritorno. Allora a parte alcuni giocatori, cosa è cambiato sotto l’aspetto mentale rispetto alla passata stagione? Vincere contro il Frosinone come si è vinto, va bene per i tre punti, ma quella partita ha lasciato più di qualche alone di incertezza sull’andamento della gara. Ciò che faceva ben sperare era che con la sosta del campionato, il Toro avesse potuto lavorare proprio sotto questi aspetti. Evidentemente così non è stato, oppure non è stato fatto abbastanza.

A Bologna si è rivisto lo stesso copione, ma con risultato diverso. Una vittoria mancata che avrebbe davvero potuto catapultare i granata a ridosso della zona Champions ed invece resta invischiata nel centro classifica.

Ci sono aspetti positivi della gara di Bologna? Certamente sì. Intanto è il quarto risultato utile consecutivo per il Toro che ha raccolto così otto punti in quattro gare. In generale è un ottimo rendimento se non si guarda agli avversari e soprattutto all’andamento delle gare. Inoltre pare essersi svegliato dal torpore Daniele Baselli. Magari non sfodera prestazioni entusiasmanti, ma se comincia ad andare in gol con regolarità potrebbe essere davvero un vero “rinforzo” per il Toro. Infine, ma non perché meno importante, quant’è bello vedere giocare Iago Falque? Un gol e un assist a coronamento di una prestazione super. Falque è purtroppo essenziale ed il Toro non può farne a meno.

Aspetti negativi? Il classico momento buio granata che ormai contraddistingue quasi tutte le gare e la gestione del capitano Andrea Belotti. Chi vi scrive l’anno scorso ha attaccato la punta granata per l’atteggiamento poco grintoso espresso in campo prima del primo infortunio, l’ha difeso quest’anno e continua a difenderlo perché l’impegno che mette in campo è sempre al 100%. Tuttavia c’è da riconoscere che non riesce ad incidere come ai suoi tempi migliori. E anche questa è una bella patata bollente che deve gestire Walter Mazzarri, perché dopo Ventura e Mihajlovic il rischio è che l’attaccante azzurro possa diventare un problema solo per il tecnico di San Vincenzo. Senza contare che c’è da recuperare un giocatore come Soriano che sino ad oggi possiamo dire che non si è ancora visto.

supergauno-U801224451640TG--802x458@Gazzetta-Web_mediagallery-page

Infine due parole sull’inchiesta di Report. Non mi addentro nelle questioni dell’inchiesta né in quelle relative alle frange ultras, semplicemente perché sarebbe troppo riduttivo scrivere che gli ultras di tutte le tifoserie e le società hanno contatti frequenti. Spesso accade – o dovrebbe accadere – solo per ragioni logistiche o per facilitare le trasferte ai propri tifosi, proprio perché ovviamente ogni società ha interesse ad avere un seguito quando va in trasferta. La cosa che fa male, che imbarazza e che fa schifo, è la questione degli striscioni di Superga accettati dalla Juventus. Il silenzio assordante della dirigenza bianconera a 24 ore dall’inchiesta giornalistica di Report è ancora più inquietante. Per contro auspicherei che il nostro presidente, Urbano Cairo, a difesa della nostra storia e della nostra identità, esternasse l’indignazione del popolo granata. D’Angelo è ancora al suo posto e già questo è scandaloso, ma probabilmente è normale visto che anche il presidente bianconero, stando a quanto trapela dal servizio di Report, era a conoscenza che Alessandro D’Angelo, sottolineiamo Security Manager della Juventus, fosse stato il responsabile dell’ingresso di quegli striscioni. E nonostante ciò, dopo l’accaduto, dopo averlo scoperto e dopo averlo convocato, Alessandro D’Angelo è rimasto lì e non è stato fatto nemmeno un comunicato di scuse verso il Toro? Ah, che stile la Vecchia Signora!

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Akatoro - 4 settimane fa

    Lo stile di casa agnelli: camicia bianca pulita e mutande sporche. Non è una novità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sempre_toro - 4 settimane fa

    Complimenti a chi ha messo la foto dello striscione dei “gobbi” su questa pagina.
    Fa capire benissimo chi gestisce il sito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tric - 4 settimane fa

    Baselli per “sfoderare prestazioni entusiasmanti” dovrebbe fare quattro gol per partita e salvarne altrettanti nell’area della nostra porta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sempre_toro - 4 settimane fa

      ma!
      io sarei già contento se giocasse tutte le partite in modo decente e non solo 5 volte a stagione.

      Comunque mi smentirà come sempre, e lui con tutta la squadra ci porterà in Europa come tutti gli anni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 4 settimane fa

    Si figurati se Cairo si espone, ci tiene ad essere un uomo di successo, limitato sportivo, ma con degli assets non da poco, se alza la voce finisce male, chiunque, non solo cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. sylber68 - 4 settimane fa

    Giornalai di MERDA, NEANCHE UN COMMENTO SULLO SCHIFO JUVENTUS, OMERTOSI SERVI SCHIFOSI….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14003131 - 4 settimane fa

    Questa volta d’accordo su tutto il contenuto …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy