Toro, obiettivo tre punti per coronare una settimana da urlo

Toro, obiettivo tre punti per coronare una settimana da urlo

Occhi Sgranata / Torna la rubrica del nostro Vincenzo Chiarizia: “Pareggio a Napoli, Supercoppa Primavera e non solo; che settimana!”

di Vincenzo Chiarizia

Che settimana! Il Toro ottiene il massimo risultato possibile dal San Paolo, i cugini (per nulla amati) sono usciti sconfitti in Champions da Madrid e la formazione primavera di mister Coppitelli ha vinto la Supercoppa Italiana ai calci di rigore contro l’Inter.

Una settimana grandiosa per chi volesse vedere tutto positivamente, ma che potrebbe essere da urlo se questo pomeriggio il Toro riuscisse ad ottenere l’intera posta in palio. Sarebbe un po’ meno positiva per chi volesse essere obiettivo. Perché se la sconfitta dei “gobbi” regala godimento a prescindere e se la vittoria della squadra Primavera in Coppa Italia dà la misura dell’ottimo lavoro che si sta svolgendo con i giovani, la partita di Napoli ha dato segnali sia positivi che negativi.

Cominciamo da quelli positivi. In primis il risultato. Chiunque avrebbe messo la firma su un risultato a reti bianche. Secondo aspetto positivo è l’apparato difensivo che con Sirigu insuperabile, Nkoulou elegante e mostruoso e Aina onnipresente sulle incursioni di Callejon (anche se qualche suo errore grida vendetta), hanno mostrato un Toro coriaceo e di sostanza.

Lo spirito del Toro prima di tutto

I lati negativi sono i soliti e dai quali non si riesce a guarire. La sterilità offensiva sta raggiungendo livelli preoccupanti. Se prima a mancare erano semplicemente i gol, a Napoli sono mancati i tiri. Ospina non ha compiuto una parata degna di nota. Belotti è stato lasciato solo lì davanti a pregare che gli arrivasse un pallone decente, ma da solo tra Maksimovic e Koulibaly è davvero dura.

Oggi alle 15:00 arriva l’Atalanta di mister Gasperini, sogno inconfessabile di molti supporter granata. Sì perché la sua abilità nel far rendere le squadre da lui allenate oltre le migliori aspettative, è ormai cosa nota, nonostante qualche incidente di percorso. Il suo passato più piccolo però è quello più ingombrante, ossia l’aver allenato le giovanili della Juventus, ecco perché tra i tifosi c’è molto scetticismo sul suo conto. Va però detto che Gasperini come calciatore si è formato sì nelle giovanili della Juve, tuttavia in prima squadra non ha mai esordito. Infatti la stagione 1976-77 si concluse con zero presenze. Da allenatore si è seduto per nove anni sulla panchina delle giovanili della squadra bianconera, prima di andare a fare bene con Crotone e Genoa. Inter e Palermo sono state due brutte parentesi, ma il ritorno al Genoa e l’inizio della storia con l’Atalanta, hanno rilanciato l’immagine del tecnico torinese.

Coraggio Mister, noi siamo il Toro!

Gasperini riesce a dare un’organizzazione alla propria squadra invidiabile unita ad una mentalità tale da metterla in condizione di non aver paura dell’avversario. L’Atalanta è una formazione che gioca per vincere tutte le gare, non temendo nessuno. L’Atalanta ha eliminato la Juventus dalla Coppa Italia soprattutto grazie alla mentalità, alla voglia e all’organizzazione di gioco. Il Toro per battere domani l’Atalanta dovrà avere le stesse tre condizioni. Ma se per l’organizzazione Mazzarri non è un dilettante, a mancare al Toro fino a ieri sono state soprattutto la mentalità e spesso la voglia. Il Toro visto a Napoli era organizzato per non prenderle e Mazzarri è riuscito nell’intento, ma purtroppo per il tecnico toscano il calcio è fatto anche di fase offensiva, su cui il Toro come detto sembra aver smarrito la via (nonostante un potenziale di tutto rispetto), e di voglia di vincere. Mazzarri nel pregara, non ha calcato la mano sulla necessità di vincere, anzi, ha già messo le mani avanti, dicendo che la gara di oggi non sia fondamentale: sbagliatissimo. Secondo me equivale a dare alibi alla squadra.

Dicevamo di Gasperini e l’organizzazione: rispetto alle ultime uscite stagionali, i nerazzurri avranno le defezioni di De Roon squalificato e probabilmente del Papu Gomez. Saranno sostituiti da Pasalic, arretrato in mediana, e da Kulusevski che, stiamone certi, riuscirà a dare del filo da torcere ai granata perché avrà ben chiaro le consegne affidategli da mister Gasperini, proprio per il discorso fatto più sull’organizzazione di gioco. La gara tuttavia presenta dei duelli interessanti come ad esempio Zapata e Ilicic che si scontreranno contro Nkoulou, Izzo e Sirigu, ma tra i granata rientreranno dal primo minuto Meité e Iago Falque, sperando che la loro voglia di rivalsa sia maggiore della delusione avuta dal perdere il posto titolare.

Toro, nessun rinforzo e nessuna certezza

E’ inutile girarci intorno: se Cairo e Mazzarri desiderano lo stadio pieno, domani devono vincere. E’ necessaria la lotta su ogni fronte per raggiungere questo risultato. Solo una vittoria in questo match delicatissimo potrebbe dare la spinta ai tifosi di ritornare in pianta stabile allo stadio.

Chiudo parlando proprio dello stadio Grande Torino, impianto che non rende giustizia al calore del tifo granata. Ma perché il Toro non si merita un impianto degno di questo nome? Dopo Juve, Udinese e Frosinone, anche le due milanesi, Roma, Fiorentina, Bologna, Atalanta ed Empoli sono prossime ad avere un nuovo stadio degno di questo nome. Qual è dunque il progetto del Toro con le istituzioni locali per un nuovo stadio, magari di proprietà? Sempre che ci sia…


Vincenzo Chiarizia, giornalista di fede granata, collabora con diverse testate abruzzesi che trattano il calcio dilettantistico, per le quali scrive e svolge telecronache. Quinto di sei figli maschi (quasi tutti granata), lavora e vive a L’Aquila con una compagna per metà granata.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. schmat - 3 settimane fa

    Uno stadio di proprietà fatto in stile Anfield Road, non enorme, non stravagante, semplicemente la nostra casa. Sarebbe bellissimo, riporterebbe l’amore per il Toro allo stadio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 3 settimane fa

      È più probabile che fra 10 minuti si verifichi l’impatto terrestre di un asteroide grande come New York.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alexku65 - 3 settimane fa

    Progetto? ….progetto….vediamo….aspettare che il comune regali alla società l’olimpico e aree limitrofe contribuendo economicamente alla ricostruzione in chiave sportiva e commerciale ?tanto si sa…il comune di Torino oltre ad essere gestito peggio di un condominio è in pre-dissesto….prima o poi i costi di gestione di molti edifici pubblici peseranno troppo…per cui….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tarzan - 3 settimane fa

    Sì, sono d’accordo, dire che la gara di oggi non è fondamentale è un’idiozia. Se perdiamo siamo praticamente fuori dalla corsa all’Europa, cos’altro dev’essere? Basta cercare di alleviare le tensioni. Ci mettano la faccia tutti, squadra e mazzarri, e poi vada come vada. Oggi allo stadio, indipendentemente dal risultato, applaudiro la squadra se farà vedere di desiderare la vittoria. Viceversa la fischiero se sarà una partita tutta tattica e di difesa, perché sono semplicemente stufo di annoiarmi e pago l’abbonamento nella speranza anche di divertirmi e vedere un calcio piacevole.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ebarberis197_2957130 - 3 settimane fa

      Oggi si deve vincere e basta! FORZA TORO!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 3 settimane fa

    L’ultima riflessione sarebbe in teoria corretta. In pratica si deve tenere in considerazione l’assoluta situazione anomala che, anche in questo senso, rende il toro “diverso” dalle altre squadre, e che in qualche modo è correlata al motivo della fondazione della società stessa. Chi ha orecchie per intendere..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 3 settimane fa

    Ma si, scendiamo in piazza a festeggiare un pareggio di puro contenimento a Napoli!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy