Toro, rovesciamo la realtà e agguantiamo il nostro sogno

Toro, rovesciamo la realtà e agguantiamo il nostro sogno

Occhi sgranata / Il Toro sta tirando la volata in maniera convincente tanto che viene considerato un mezzo passo falso non aver vinto il derby in casa della Juve

di Vincenzo Chiarizia
Torino FC v US Sassuolo - Serie A

La vittoria della Lazio nella finale di Coppa Italia contro l’Atalanta è stato un duro colpo per l’ambiente granata, soprattutto se consideriamo il rigore solare negato ai bergamaschi nel primo tempo per un fallo di mano di Bastos, che era già ammonito. Lì in effetti la partita poteva cambiare. Comunque sia il cammino granata si è complicato e purtroppo non dipende più solo dal Toro. Assurdo che terminare la stagione a 66 punti potrebbe non bastare. Il tifoso granata in questi giorni sta vivendo un turbinio di emozioni.

Toro, Never Give Up!

Il Toro sta tirando la volata in maniera convincente tanto che viene considerato un mezzo passo falso non aver vinto il derby in casa della Juve. Ora però la situazione è diventata complicata, non impossibile, ma difficile. Per andare in Europa occorre che il Toro vinca le ultime due giornate e che il Milan ne pareggi almeno una o che la Roma ne perda almeno una. Domenica scorsa Torino Sassuolo è stata una gara fantastica, degna della tradizione granata. Il match contro i neroverdi mi ha ricordato per l’andamento un’altra grande vittoria di oltre di 23 anni fa, un Torino-Cagliari della stagione 1994/95 (QUI il match) che vide il Toro andare sotto per un colpo di testa di Muzzi nel primo tempo. Il Toro dominò la prima frazione e raggiunse il pari solo allo scadere con Rizzitelli. Nella ripresa i granata, allora allenati da Nedo Sonetti, ebbero il pallino del gioco, ma al Delle Alpi il futuro granata Roberto Muzzi firmò il nuovo vantaggio cagliaritano. Ma il Toro reagì e nel giro di due minuti, con una doppietta di Abedì Pelé, riuscì a conquistare una vittoria quasi insperata. Anche domenica il Toro non si è fatto mancare nulla. Abbiamo visto i granata sbagliare il rigore sullo 0 a 0, andare sotto di un gol, raddrizzare la gara ad inizio secondo tempo, alzare il baricentro e beccarsi il nuovo vantaggio ospite e, a dieci minuti dalla fine, segnare due gol con il redivivo Zaza, che ha avuto il merito di rinfocolare le speranze granata, e con l’immenso Gallo a suggellare una gara con una rovesciata che come una bomba ha fatto esplodere la gioia dei tifosi del Toro. C’erano tanti bambini allo stadio e sono contento che abbiano avuto la possibiltà di vedere una prodezza di questo tipo. Diciamocelo, la rovesciata è quel gesto atletico che ci conquista sempre. Da bambini poi ancor di più. Non per nulla in Holly e Benji le rovesciate erano i gesti atletici più diffusi nel cartone animato. E poi alzi la mano quale tifoso granata da domenica ad oggi non sia andato a rivedere più di una volta la bellissima rovesciata del Gallo. Quel gol ha permesso al Toro di avere la meglio contro un Sassuolo mai domo e ha messo il punto ad una vittoria sontuosa, degna conclusione di una domenica al cardiopalma.

Toro, sogno ad occhi aperti

Ora però inizia il difficile, ma che senso avrebbe fermarsi? Soltanto perché la Lazio ha ottenuto il pass per l’Europa League? E chi se ne frega! Noi dobbiamo andare avanti, il Toro deve andare avanti! Poi tra due domeniche faremo i conti. Il prossimo turno il Toro avrà un impegno difficilissimo, perché non c’è niente di peggio che affrontare una squadra all’ultima spiaggia per ottenere la salvezza. Inoltre il Toro al Castellani non ha una buona tradizione e l’ultima vittoria granata risale addirittura al 1984. Ma adesso tocca a noi e a tutto il popolo granata rovesciare la tradizione. Dobbiamo tutti avere fede e credere nell’obiettivo. Per farlo non dobbiamo pensare alla Coppa Italia e non dobbiamo fare dietrologia su partite che potrebbero apparire poco limpide. Non dobbiamo martellarci per i punti persi in campionato (tutte le squadre hanno perso punti) o per i torti subiti. Ormai è acqua passata. Ora viviamo convintamente il presente. Pensiamo solo a dare il massimo e a portare a casa i tre punti. Tutti gli altri pensieri non contano. Proprio come il Gallo, dobbiamo rovesciare la realtà e prenderci il nostro sogno. Ma soprattutto restiamo uniti. Tante sono state le critiche mosse a Urbano Cairo, ma attaccarlo in questi giorni, mi sembra davvero poco furbo. Lo so bene anche io che il Toro poteva essere già tranquillamente in zona Europa se non si fossero fatte determinate scelte, ma allo stesso tempo è troppo importante dare positività alla squadra e all’ambiente per minare l’entusiasmo della squadra con polemiche che oggi sarebbero totalmente inutili. Sotterriamo l’ascia di guerra e uniamoci per raggiungere quota 66. Tanto per analizzare, lodare o criticare non mancherà mai tempo.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Rock y Toro - 5 giorni fa

    Sarebbe ora di rompere il gemellaggio con i viola…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. chatnoir - 5 giorni fa

      I gemellaggi sono tra tifoserie e non tra squadre. Noi siamo gemellati con i tifosi viola e non certo con i loro giocatori, che di certo non si impegnano di più o di meno per fare un favore o un torto a noi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toscotoro - 5 giorni fa

    Noto con piacere che in questi giorni sono stati dati chiarimenti esaustivi su cosa facessero calvarese & Co. al momento del fallo di mano di bastos, ma, cosa ancor più sconcertante, è l’insistenza con cui l’Atalanta ha chiesto delucidazioni….. per carità, tiriamo dritti per la nostra strada

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14276130 - 5 giorni fa

    Asfaltiamoli…….diritti verso il nostro obiettivo
    FoRzA ToRo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. robertozanabon_821 - 5 giorni fa

    Brava Madama. Analisi pacata e corretta. Alla Lazio è stato permesso di praticare un gioco altamente “intimidatorio” con falli sistematici sui portatori di palla (Ilicic e Gomez su tutti) trasformando la partita in una rissa. Banti avrebbe potuto, e sopratutto DOVUTO, tenerla in pugno. Il palo dell’Atalanta ed il rigore negato hanno fatto il resto. Il Toro si ritroverà a fare involontariamente un favore alla Fiorentina, che contro il Milan non ha giocato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 5 giorni fa

    – L’ultima partita della stagione la Juve l’ha giocata contro di noi nel derby.
    Le compagini incontrate dopo hanno trovato un squadra con “i lavori in corso e in via di ristrutturazione”.
    – Roma, non solo “una città”, ma “l’URBE”, la capitale, ha ottenuto di avere la sua seconda squadra in Europa, facendola rientrare, anzi,no, facendola entrare a forza, x vie traverse e con qualche dubbia manovra (arbitrale), nel “calcio che conta”.
    – L’Atalanta, che per me si è dimostrata la migliore squadra di questa stagione, viaggia dritta per la sua strada, ma può recriminare una “Coppa Italia”, sottrattale omaggiando i suoi avversari con qualche “aiutino extra”.
    – Milan e Roma non si toccano: impensabile non considerarle già in Europa.
    – il Napoli si è da tempo guadagnato la Champions, poi ha mollato.

    E in mezzo a tutte queste posizioni, acquisite un po’per merito,e un po’ “di diritto”,
    il nostro “Caro, Vecchio Toro”
    a cercare di “rompere le uova”
    in un paniere oramai già bello che confezionato.
    Che soddisfazione sarebbe se…
    Ma noi non pensiamoci: tiriamo dritto x la nostra strada. Aspettiamo che squadre come il Sassuolo, secondo quanto ampiamente dichiarato, facciano fino in fondo il loro dovere.
    E poi lottiamo e combattiamo da Toro nelle ultime due partite, con la foga di sempre: il fumo dalle narici e gli occhi rossi di rabbia, la testa bassa, pronta ad incornare ogni palla possibile nelle reti avversarie.
    E poi, comunque finirà, sarà stato un anno eccezionale.
    Grazie, Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. malva - 5 giorni fa

      Domani i maiali devono festeggiare lo scudetto.Quindi davanti allo stadio pieno (di maialini) si spera facciano una bella partita e magari vincano anche.
      Per quanto riguarda Bastos,non saprei..secondo me l’arbitro ha valutato che fosse troppo vicino all’avversario per dare il rigore,quindi ci può stare. E comunque la Lazio ha strameritato( o l’Atalanta non ha giocato, girala come vuoi). E lo dico io che ho una repulsione per quella squadraccia e per i suoi tifosi, che sono i peggiori in Italia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 5 giorni fa

        Un fallo di mani è un fallo di mani. Punto. Non ci sono valutazioni che tengano. E’ stata una maialata doppia perché c’era anche l’espulsione, e là la partita prendeva davvero un’altra piega.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 5 giorni fa

      @Madama, non sono d’accordo , assolutamente, sul fatto che l’Atalanta faccia il miglior calcio in Italia. Se si analizza bene il gioco bisogna andare oltre a quello che fa brillare gli occhi. Se si guarda il gioco d’attacco ci sono squadre migliori, il Bologna, per esempio con Mihajlovic. Il calcio è difesa ed attacco. L’Atalanta ha un gioco simile al Toro ma con esiti diversi. Loro quando attaccano portano più giocatori in avanti ma si espongono molto in difesa. Infatti hanno subito più goal del Toro e , non dimentichiamolo, le hanno sonoramente prese da noi. La differenza dei punti è da addebitare ai torti arbitrali. Noi perso con Bologna e Parma, loro ? Genoa Empoli Spal Cagliari. Al Toro è mancato un Soriano , un giocatore come il loro Gomez, arriverà e per loro , vederci, vorrà dire guardare avanti e non dietro come ora. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 5 giorni fa

        Meditando sui vari casi accaduti, sono tutte osservazioni giuste.
        Concordo.
        La mia non voleva essere un’analisi tecnica, quanto la constatazione che una squadra non “predestinata ai posti che contano” sia riuscita ad emergere.
        D’accordissimo sui torti arbitrali. Non li ho più menzionati perché ogni volta mi dicono che so solo fare vittimismo: comunque il Toro ne ha subiti più di tutte le altre squadre, e non è una novita!
        Condivido, e l’ho detto spesso, anche sulle partite perse o pareggiate: solo se non esistessero gli avversari si potrebbero vincere tutte, ma allora si giocherebbe da soli!
        Errare humanum est!
        Dobbiamo essere orgogliosi di questo Toro: si sta comportando veramente bene!
        Ricambio i saluti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 giorni fa

    Anche io mi auguro comunque vada che sia l’inizio di un Toro veramente competitivo al contrario dell’ultimo anno in cui andammo in El che coincise con la cessione di Immobile Cerci e a seguire altri..
    Se davvero Cairo terrà i più forti e rinforzerà con un paio di acquisti la squadra come dice, allora non andare in EL quest’anno sarà meno amaro. Questo lo vedremo. Di sicuro non è il momento delle critiche ma solo della spinta positiva e calorosa alla squadra. Tutto sommato i ragazzi si stanno meritando gli applausi. Abbiamo perso solo 6 volte, di cui almeno tre immeritate (e ben due con la Roma, che senza favori ci starebbe dietro )
    Forza Toro!
    E purtroppo anche Forza Sassuolo, Forza Spal !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. TOROHM - 5 giorni fa

    Comunque vada spero che la prossima stagione si ricominci da qui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13722867 - 5 giorni fa

    hanno preferito mandare in giro x l Europa tifosi che faranno casino ovunque speriamo trovino pane x i loro denti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. prawn - 5 giorni fa

    Gran casino a Roma…
    Magari il. Sassuolo se li mangia sti romani…

    Pure la Juve… E parlano già di conte all’inter.

    Speriamo che l’instabilità delle altre giochi a nostro favoro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy