Comprami, io sono in vendita…

Comprami, io sono in vendita…

Prima che sia troppo Tardy / L’immagine del Toro come società di passaggio per i buoni calciatori…

25 commenti

Durante la pennica post grigliata ferragostana mi è comparso in sogno Maksimovic sul confine serbo-kosovaro, mentre dichiarava: perché dovrei restare al Toro quando fino ad oggi tutti gli altri giocatori di valore richiesti da grossi club sono andati via?

La sanzione eventualmente irrogata dalla società al calciatore non è cosa che consoli il tifoso abbacchiato, ciò che conta è che Maksi voglia andarsene, anzi che abbia già fatto le valigie.
Rivedo il gran gol di Ljajic e la domanda mi sorge spontanea: se il serbo giocherà bene questo campionato, dove andrà a giocare il prossimo anno?


L’immagine del Toro come società di passaggio per i buoni calciatori è per i tifosi eccitante come un gambaletto color carne indossato da una fanciulla al primo appuntamento.
Da una cessione eccellente un anno, siamo passati a due un altro anno, questo anno a breve saremo a tre.
L’augurio è che i nuovi acquisti destinati a sostituire i partenti eccellenti non vengano acquistati alle 23.55 del 31/8/2016 – stile Amauri – mentre in tv gli esperti stanno facendo il countdown verso la fine del calciomercato.
Spero di cuore la squadra continui a migliorare e mi distragga da questi cattivi pensieri…

25 commenti

25 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mik - 1 anno fa

    Sacrosante parole!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawda - 1 anno fa

    Finalmente un articolo di seppur blanda critica verso la gestione del Torino. Purtroppo e’ la triste realta’ che i giocatori vengano presi con il solo scopo di rivenderli guadagnandoci, senza nessuna progettazione e soprattutto senza nessun interesse verso i risultati sportivi; lo stesso Ljajic e’ chiaramente di passaggio, se disputera’ un buon campionato come si augura il giocatore ed il Torino, il prossimo anno approdera’ verso altri lidi, dove probabilmente la posizione in classifica viene davvero considerato un obiettivo. Infine alcune riflessioni:
    – i conti del Torino sono in ordine solo grazie ai diritti televisivi, ma soprattutto dall’entrata in vigore del decreto Melandri sulla ripartizione degli stessi, quindi prima della beatificazione andrebbe tenuto conto che di questi soldi, che nell’ultimo bilancio ammontano a 45,676M, chi ha preceduto Cairo non li ha mai nemmeno potuto immaginarli;
    – il fatturato del Torino non e’ di 60M, nell’ultimo bilancio i ricavi ammontano a 84,532M senza player trading il fatturato e’ di 66,055M;
    – il paragone con il Sassuolo e’ risibile dal momento che la sponsorizzazione del gruppo Mapei pesa per il 39,5% sul fatturato netto, significa che il presidente Squinzi investe e non poco nella squadra al contrario del beatificato Cairo che non investe nulla, le entrate da diritti televisivi sono poco piu’ della meta’ di quelle del Torino visto che sono pari a 25,976M ed infatti il Sassuolo e’ l’unica squadra in tutta la serie a con i ricavi commerciali superiori a quelli televisvi.
    – Nessuna societa’ in qualsiasi campo puo’ pensare di crescere, svilupparsi, migliorarsi senza programmare e pianificare investimenti; davvero mi riesce difficile anche solo ipotizare come possa farlo il Torino che non solo non fa investimenti, ma nemmeno spende tutto quanto incassa dalle cessioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Scott - 1 anno fa

      Adesso vedo anche incapacità nella gestione. O forse mancanza di credibilità…una campagna acquisti fin qui gestita da Sabatini, con il risultato del deprezzamento di Bruno rispetto alle offerte inglesi. Ljiac che viene al Toro…convinto dalla Roma a farlo… Siamo alla follia pura. E adesso l’asino tenta di nitrire e vuol dare Maksi al West Ham. Ma molto meglio ADL che i nostri attori di un’orrida farsa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 1 anno fa

        Credo che Peres fosse gia’ stato venduto alla Roma un anno fa ma i giallorossi non avevano le risorse per prenderlo ed il bilancio era troppo in rosso. Soldi che continuano a mancare anche adesso, solo che e’ stata conclusa la vendita di Ljajic, ad una cifra decisamente bassa e con ingaggio inferiore a quello che aveva a Roma, oltre al prestito di Falque, qui con diritto di riscatto ad una cifre inferiore a quanto la Roma lo ha pagato solo un anno fa. Questo mi fa supporre che le operazioni siano comunque legate, valutazioni al ribasso comprese e senza dimenticare che da qualche parte ed in qualche modo deve uscire anche l’ingaggio di Ljajic, perche’ non credo che nessuno pensi sia venuto al Torino accettando una decurtazione del 40%. Su Maksimovic penso si fosse promesso al giocatore la cessione questo anno in cambio del rinnovo contrattuale che serviva al Torino per trattare da una posizione di forza, poi l’arrivo di Mihajlovic ha forse illuso si potesse trattenere ancora un anno vista anche la partenza di Glik e Peres ma cosi’ non e’ stato. Comportamento antiprofessionale del giocatore ma gestione molto allegra da parte della societa’ che mi pare come gia’ in passato non abbia alcuna pianificazione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. marco1967 - 1 anno fa

    non ci vuole una scienza x capire il progetto…?? “cairo”. la differenza rispetto ai primi anni è che si è fatto furbo. prima comprava solo bolliti di nome ora invece li prende giovani ad un prezzo medio-basso x poi ,quelli bravi,rivenderli a caro prezzo. il punto dolente è che noi ogni anno dobbiamo rifare la squadra sperando che i nuovi arrivi siano azzeccati!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. michel - 1 anno fa

    boh l’unica cosa che mi viene da pensare è che il fatturato del Toro è di 60 milioni e quindi non si può competere con squadre più grandi anche per gli stipendi. Se un giocatore vuole andare via è inutile trattenerlo…forse a questo punto sarebbe meglio puntare sui giovani del vivaio e su gente motivata cercando di trovare un’identità di valori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. davide.ratti1973@gmail.com - 1 anno fa

    Ma basta con sto disfattismo a prescindere…..avete criticato Ventura per modulo e gioco è ora c’è chi lo invoca per la programmazione, avete voluto il 433 per il bel gioco è ora criticate chi lo vuole praticare a “modo suo” con gli uomini che preferisce….
    Abbiamo giocato in coppa Italia con bel gioco è goal però….nulla
    Ma prendete esempio dal Sassuolo, non ha nomi altisonanti o dai costi proibitivi eppure é in coppa e fa sempre i suoi buoni campionati. Io credo che a piccoli passi si cresce e se il giocatore (che é un mercenario alla merce del suo procuratore) vuole andare vada e chi se ne frega .il campionato passato di Glik ne é la prova

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tenente Sheridan - 1 anno fa

      Evidentemente, quando scrivi le tue solite idiozie per conto della “Redazione Cairo Communication” non ti soffermi nemmeno a leggere:

      Prawda, con estrema precisione e chiarezza, nel suo commento di cui sopra ha scritto, tra le altre cose, quanto segue:

      “– il paragone con il Sassuolo e’ risibile dal momento che la sponsorizzazione del gruppo Mapei pesa per il 39,5% sul fatturato netto, significa che il presidente Squinzi investe e non poco nella squadra al contrario del beatificato Cairo che non investe nulla, le entrate da diritti televisivi sono poco piu’ della meta’ di quelle del Torino visto che sono pari a 25,976M ed infatti il Sassuolo e’ l’unica squadra in tutta la serie a con i ricavi commerciali superiori a quelli televisvi”.

      E adesso piantala una buona volta con le solite litanie e cerca di guadagnarti il tuo voucher quotidiano…!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. davide.ratti1973@gmail.com - 1 anno fa

        Intanto mi sembra che il rispetto e l’educazione siano la prima cosa in una discussione civile, e a te manca
        Ma perché offendi? Io esprimono mie idee che se sono diverse dalle tue non vuol dire che siano idiozie. Io non lavoro per Cairo ma sono anche abbastanza intelligente nel capire che le gestioni precedenti ci hanno portato al fallimento e queste all’Europa e questa è l’unica cosa inconfutabile e non é un idiozia. Fallo tu il presidente (ma non con fifa o pes) e quando capirai di gestione patrimoniale poi potrai “forse” capire qualcosa. La squadra non è solo giocatori e stipendi ma anche gestione giornaliera di tutte la squadre….ma tu sai che il Toro é una delle poche società italiane vmche ha tutto il vivaio delle giovanili al completo? (Anche con piú squadre)
        È questo ha un costo…..ma immagino che questo non importi, il fatto che dopo anni siamo tornati a vincere con la primavera, i giovanissimi e gli allievi nazionali questo non importa….pensare e conoscere prima di dare sentenze.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. sysma_558 - 1 anno fa

          Scusami Davide ma così stai un pò in contraddizione, noi in questi giorni siamo un pò sorpresi e sbalorditi proprio perchè sembra che tutto quello che è stato fatto di buono negli ultimi anni con Ventura e la gestione finanziaria del club lo stanno buttando in mare !!! A me non piace vedere smantellare mezza squadra ad una settimana dalla prima di campionato. Se Miha aveva le sue idee su giocatori e gioco il cambiamento andava fatto subito ad inizio mercato non ora alla fine della preparazione!! Poi ricorda che il bel gioco della coppa italia lo hai fatto contro la pro-vercelli mica contro una squadra di pari serie…….lo ha detto anche Miha! Poi a proposito di gestione dei giovani possibile che Parigini che lo volevano Sassuolo, Fiorentina e tante altre di serie per noi non sia adatto e di Jansson ne vogliamo parlare anche lui incapace sempre al 15 di agosto ? No non sono d’accordo la squadra come la vuoi tu la devi fare subito non a fine agosto e non ti puoi far prendere per il culo da un connazionale che ti molla e scappa via dopo che ti aveva dato rassicurazioni che voleva rimanere !! Allora sei un sergente di ferro pagliaccio !!
          Parliamo dei sostituti adesso ? Vorresti dirmi che Castan ad oggi dopo 2 anni che non gioca è una scelta saggia e affidabile ? E Rossettini anche se ha esperienza negli ultimi 2 anni non mi sembra abbia giocato tantissimo!! Io non guardo quanto si spende ma piuttosto cosa stiamo comprando quando sabato andiamo a casa del milan !!!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. prawda - 1 anno fa

          E’ giusto che ognuno abbia le proprie opinioni, sarebbe assurdo anche solo pensare il contrario, ma i numeri non sono opinioni ed analizzando con i numeri la gestione Cairo e’ decisamente molto modesta priva di qualsiasi investimento ed oggettivamente senza prospettive per quanto riguarda i risultati sportivi. Quando si fanno paragoni con passate gestioni va sempre ricordato che 45M di entrate per diritti televisivi non li ha mai visti nessun presidente prima di Cairo, basti pensare che nel 2002 quando era ancora in vigore la contrattazione individuale chi portava a casa di piu’ erano i gobbi, tanto per cambiare, con 54M e chi prendeva meno era il Piacenza 5,6M, la differenza era 10 a 1, oggi e’ scesa a 5 a 1 e mi pare vi sia un progetto per portarla a 3,6 a 1. E’ esatto quando affermi che il Torino ha praticamente tutte le squadre giovanili, ma l’obiettivo che dovrebbe avere e’ quello di produrre giocatori che vadano in prima squadra mentre in undici anni non un solo giocatore e’ passato dalla Primavera alla prima squadra, l’unico che ci e’ andato e’ stato Ogbonna che pero’ era gia’ al Torino prima del fallimento. Il povero Bava va in giro con un budget pari a 0 euro, a prendere prestiti, scarti delle altre squadre giovanili; poi se hai un bravo allenatore magari riesci anche ad essere competitivo nel campionato primavera ma di quella squadra in serie a poi non arriva nessuno. Basta confrontare per esempio l’Atalanta, senza prendere squadroni, ha meno squadre giovanili del Torino, ma fa piu’ investimenti e quattro anni fa aveva ben otto elementi in prima squadra provenienti dal vivaio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Scott - 1 anno fa

    Se c’e’ una cosa che ha sbagliato Sisina è stata quella di impuntarsi su Ljiac. La vendita di Bruno non era in programma per quest’anno, soprattutto non alle cifre a cui è stato pagato dalla Roma. La società si è messa in un circuito per cui la squadra la sta facendo Sabatini, mentre petrachi si gratta. Tra degenti, calciatori da recuperare, siamo il porto ottimale per far beneficenza. Il serbo (Adem) che non è fesso, ha capito subito l’antifona e ha chiesto la clausola bassa. Tutto sommato, essere porto di mare sta bene a tutti: Cairo fa plusvalenze, Petrachi si gratta e i calciatori vengono a rivalutarsi… o a far la pensione anticipata. Inutile prendersela con Maksi, Ciro, Cerci… D’Ambrosio… la situazione è chiara. Si viene al Toro per stare il tempo di mettere il cartellino al collo e poi via tutti. Capisco anche Maksi: se gli prometti di andare a Napoli, devi rispettare l’impegno. Anche io mi sarei incazzato al posto suo. Qualcuno ha ancora il coraggio di dire che questa non è un plusvalenzificio? Io aspetto segnali forti, un cambio di registro per poter pensare che al Toro, principalmente, si faccia calcio. Adesso non ne vedo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ToroFuturo - 1 anno fa

    Sì, articolo che sintetizza bene la situazione. In questo mercato Cairo sta trattando il Toro peggio di una provinciale. Se va via Mihajlovic, si avvera il sogno di alcuni tifosi poco ambiziosi, nonché di quelli dell’altra squadra di Torino: una squadra di ragazzini e semi-pensionati in mano ad un allenatore tipo Lerda o Camolese: dritti in serie B con il sorriso sille labbra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 1 anno fa

      Se va via Miha ???? Ne parli come se fosse il Guardiola della situazione! Ma dove sono i suoi grandi risultati da allenatore ? Per ora ha fatto comprare un ragazzino piantagrane, ha fatto un casino con Maksi, e sta smantellando la difesa come le costruzioni della lego !!! Tutto i ritardo gravissimo!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. sysma_558 - 1 anno fa

    Tutto il lavoro, la programmazione e il progetto degli ultimi 5 anni buttati nel cestino nel giro di un mese!!! Allenatore scarso che con la scusa del cambio modulo sta marchiando tutti come non adatti al 433. Ma se avevamo già un ossatura collaudata con il 352 perché fare questa rivoluzione invece di migliorare quanto costruito da ventura ? Oltretutto ad una settimana dalla prima di campionato !!!! Almeno fatela subito!!!! Ora giocatori forti chi li vende più ? Cosa compriamo ? Scarti degli altri e vecchi!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Tenente Sheridan - 1 anno fa

    Ottimo articolo, il quale rispecchia esattamente la vergognosa e squallida realtà dell’attuale Torino FC, al momento la società satellite per eccellenza della Roma.

    Ovviamente attendiamo ora i vari “pseudotifosi granata” del calla libro paga della Redazione e della Cairo Communication i quali, anche oggi ci inonderanno dei soliti “non mi piace” e scrivendo le medesime litanie ed idiozie al fine di guadagnarsi il loro voucher quotidiano.

    Alcuni poi, sono chiaramente degli “infiltrati” della seconda squadra di Venaria, ma ormai li conosciamo bene…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. esseti - 1 anno fa

      Concordo su tutto….

      Io vorrei sapere, visto cosa succede in fase di mercato, come si può essere ancora ottimisti.
      Il progetto mi pare si sia sciolto…si doveva puntare sui giovani…Rossettini ha 31 anni…oltre agli over 30 moretti e molinaro…forse abbiamo alzato l’asticella dell’età media…boh… nn so che pensare…mi aspettavo qualche piccola contestazione al mercato in Sisport e invece niente….vero che si deve aspettare cosa ci dirà il campo , però così il mio entusiasmo se ne sta andando…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Scott - 1 anno fa

      Non credo sia giusto definirla satellite, anche se la sostanza non cambia. Semplicemente hanno svenduto Bruno per farsi mettere in piedi una squadra. La Roma ha fatto quel che ha potuto, o voluto. Due calciatori da rimettere in vetrina, un calciatore da recuperare (Castan è cosa fatta). Alla Roma è andata di lusso. A noi, boh. Obiettivamente si tratta di 3 calciatori con un alto coefficiente di labilità. Caratteriale o di salute. Pertanto, sicuramente di non gradimento della Roma. Il grosso problema nostro è in casa, non appena si chiede a cairo di aprire il protafogli iniziano i mal di pancia. Mentre, per monetizzare, iniziano le promesse di cessione a cifre congrue non appena un pingoballo sbarca a Torino.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. emix__925 - 1 anno fa

    io non me ne ero accorto…… ma davvero???????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Toro - 1 anno fa

    francamente dopo quest’anno credo poco al progetto di crescita.. il problema è che se cedi devi comprare altrettanto bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. miele - 1 anno fa

    Finalmente un articolo serio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. @lupostyle - 1 anno fa

    Partiranno anche jansson e Silva oltre a maksimovic. Ma al nuovo mister, chi gli hanno promesso di prendere in difesa: Sergio Ramos e Piquet forse?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tenente Sheridan - 1 anno fa

      Si lupostyle, ovviamente in prestito gratuito per un anno..!!! :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. fabrizio - 1 anno fa

    altre societa’ con lo stesso approccio dopo un po’ di tempo sono quasi sempre retrocesse. Speriamo non sia il caso nostro questa stagione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Zagor - 1 anno fa

    Una buona squadra traghetto! Speriamo solo non diventi un gommone sgonfio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy