L’attesa

L’attesa

Prima che sia troppo Tardy / Torna la rubrica di Enrico Tardy: “Se da un punto di vista caratteriale il Toro ha provato a far sua la partita, dal punto di vista tecnico ed organizzativo la strada da percorrere è ancora lunga”

di Enrico Tardy

Oltre che il titolo di un ottimo film, l’attesa è lo status da oltre vent’anni del tifoso granata.

Aspettiamo chi e che cosa non si sa bene, ma siamo lì pronti ad accenderci anche solo per qualche minuto di pressing vigoroso o per qualche cambio di ritmo.

Ad un pareggio nel calcio si può arrivare in tante maniere come a Bologna o come contro la viola, ma cinicamente alla fine sempre di un punto si tratta.

Se da un punto di vista caratteriale il Toro ha provato a far sua la partita, dal punto di vista tecnico ed organizzativo la strada da percorrere è ancora lunga.

Il primo tempo è stato nettamente migliore del secondo, l’assenza di occasioni concesse agli avversari ne è la dimostrazione oltre le numerose situazioni di pericolo create.

La seconda frazione è stata obiettivamente più equilibrata, tanto che il rischio maggiore lo abbiamo corso noi sul finire della gara.

TURIN, ITALY - OCTOBER 27: Andrea Belotti (R) of Torino FC goes up with Dusan Vlahovic of ACF Fiorentina during the Serie A match between Torino FC and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on October 27, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – OCTOBER 27: Andrea Belotti (R) of Torino FC goes up with Dusan Vlahovic of ACF Fiorentina during the Serie A match between Torino FC and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on October 27, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Nella casella delle cose buone inseriamo certamente l’impegno e l’agonismo profuso, purtroppo rimaniamo poco efficaci nell’organizzare la manovra offensiva e tecnicamente siamo troppo approssimativi in troppi elementi.

La fisicità è migliorata, ma gli errori nei passaggi, nei controlli e nei tiri in porta

sono ancora troppo numerosi.

Essere entusiasti per il pareggio di ieri mi parrebbe sintomo di scarsa lucidità e ambizione.

La viola è una squadra infarcita di giovani e che per un tempo ha concluso nulla e nel secondo ha fatto una gara appena sufficiente.

Aspettiamo con ansia la gara della svolta, quella in cui il pallone non schizza sul piede. del difensore favorendo un gol avversario, quella in cui un tiro dal limite dell’area finisca nello specchio della porta, quella in cui Belotti sotto porta faccia la scelta giusta e vincente, quella in cui Baselli (ieri ottimo per 60 minuti) resista a buoni ritmi per 90 minuti.

Toro dalla doppia faccia: posizione di vantaggio o svantaggio, ecco cosa cambia

Oggi non abbiamo ancora un’identità di gioco precisa e ci sono alcuni equivoci tattici non trascurabili, ad esempio Zaza ( gioca solo di petto o di tacco…mah).

Dunque non ci resta che attendere …tanto è solo una ventina d’anni che lo facciamo.


Avvocato penalista, appassionato di calcio (ha partecipato al corso semestrale di perfezionamento in diritto e giustizia sportiva presso Università di Milano), geneticamente granata, abbonato al Toro da circa trent’anni.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 2 settimane fa

    meno male, uno che la pensa come me ‘Essere entusiasti per il pareggio di ieri mi parrebbe sintomo di scarsa lucidità e ambizione.’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rudy - 2 settimane fa

    Avvocato, lei sprizza un tale ottimismo che se per disgrazia mai ne avessi bisogno piuttosto mi rivolgerei al suo collega Massimo Dellapena. Ormai il calcio è come la Legge, dipende dalle interpretazioni: le sue sono francamente risibili, da un punto di vista tecnico. Si capisce, cioè, che della materia lei poco capisce: in tal senso esemplari i rilievi rimarcati dal tifoso Conta7. Giacché vale tutto, chioso con una battuta. Saluti al cane. Ps: Però glieli rilegga gli articoli, prima di pubblicarli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Conta7 - 2 settimane fa

    Il “buon Tard(y)o calcisticamente” non si smentisce mai. Forse sta parlando delle partite con Bologna e Fiorentina di qualche anno fa…??? Ma le partite le guardiamo???

    Solito articolo privo di sensate osservazioni calcistiche, con un’approssimazione e degenerazione informativa disarmanti.
    E il fatto che tanta superficialità e mistificazione della realtà sia nelle condizioni di “diffondere inesattezze”, da tifoso granata onestamente spaventa molto!
    Sarà pur vero che nel calcio “così è se vi pare” ed è “tutto il contrario di tutto”, ma affermare – dopo le partite contro Bologna e Fiorentina – che non ci sia un’identità di gioco, mi sembra al limite di un’allucinante incompetenza.

    Avessimo fatto 6 punti (come stra-meritavamo), magari giocando peggio, tutti avrebbero parlato di un Toro da ambizioni europee, etc etc…

    Gli unici dati oggettivi sono l’identità di gioco che finalmente, dopo tanti periodi tatticamente e organizzativamente bui, stiamo trovando attraverso una mole di gioco sempre importante (sentite Adani quando dice che il Toro è una delle squadre più apprezzabili per recupero palla alto ed immediato e con maggiore indice di pericolosità..) e che ci mancano dai 5 ai 7 punti per:
    1. Episodi arbitrali scandalosi
    2. Errori sotto porta e di rifinitura nell’ultima giocata

    E in tutto ciò, di responsabilità tecniche imputabili ad allenatore o quant’altro, c’è ben poco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. marcocalzolari - 2 settimane fa

    Tardy, ma che partite guardy?

    Come fai a dire che non c’è identità di gioco? E non ti viene in mente che la Fiorentina ha giocato male perché il Toro ha fatto una grande partita, togliendo tempi e spazi alla squadra di Pioli.

    Toronews, rileggete gli articoli prima di pubblicarli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dennislaw - 2 settimane fa

    Mazzarri è un altro allenatore che ha già dato il meglio e ora si accontenta di una tranquilla sistemazione con tanti soldi.non era l’allenatore giusto per il Toro, come non lo era più Ventura, cioè per una squadra che deve fare il salto di qualità. Così ha fatto vendere ljajic, perchè non avrebbe mai rischiato di farlo giocare in coppia con Iago, e tantomeno con Soriano, Zaza e Belotti in una squadra votata all’attacco. faremo tanti pareggi: ma per arrivare noni o decimi serviva un allenatore pagato due milioni di Euro?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granata - 2 settimane fa

    “…La fisicità è migliorata, ma gli errori nei passaggi, nei controlli e nei tiri in porta sono ancora troppo numerosi…”. Tardy dice in sostanza quello che ha detto Camoranesi nel dopo partita su Dazn e che io ho riportato suscitando la reazione idiota di qualcuno che ha stigmatizzato la citazione di “un gobbo”, non capendo che si tratta del parere di un ottimo ex calciatore e, quindi, di una persona competente. Sì, la palla viaggia troppo a campanile, invece di correre rasoterra, i cross in area sono a casaccio, mancano i passaggi filtranti queli che, è inutile negarlo, faceva Ljajic. Miglioramenti ci sono stati sul piano dell’ impegno, ma Belotti gira troppo per il campo e arriva svuotato nel cuore dell’ area. Gli manca una spalla e Mazzarri si intestardisce in un modulo che non prevede Zaza e Soriano. Eppure si tratta dei due elementi su cui la società ha scommesso per far fare il salto di qualità alla squadra. Mi pare una mancanza di sintonia grave fra allenatore e dirigenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 settimane fa

      appunto. La solita gestione “ad minchiam” degli ultimi anni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 2 settimane fa

      Scusa, e di chi sarebbe la reazione”idiota” a cui ti riferisci, se è lecito?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. granata - 2 settimane fa

        Eccoti accontentato GlennGould. Così è stato commentato un mio intervento: “… Camoranesi è gobbo nel dna, e quando parla di toro dovrebbe prima sciacquarsi la bocca, e poi tacere…”.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. GlennGould - 2 settimane fa

          Camoranesi non è Dio, e non lo sei neanche tu. In oltre io non mi sono mai permesso di definire idiota un tuo pensiero, o reazione chiamalo come vuoi, solo perché discordante dal mio. Per cui, la prossima volta, cerca di contare sino a 10 prima di scrivere.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. r.ponzon_577 - 2 settimane fa

            che palle…litigare tra di noi è deprimente !

            Mi piace Non mi piace
        2. Marchese del Grillo - 2 settimane fa

          “INOLTRE” tutto attaccato.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy