Rampanti: “Ljajic ha capito cosa vuol dire essere del Toro. E su Acquah…”

Rampanti: “Ljajic ha capito cosa vuol dire essere del Toro. E su Acquah…”

Parola al Mister / Dalla carica di Superga all’efficacia del nuovo modulo, ecco il commento dell’ex giocatore granata

3 commenti

Si conclude 1-1 Juventus-Torino, anticipo serale del sabato di Serie A. Per commentare questo entusiasmante pareggio, come di consueto, diamo Parola al Mister, ossia Serino Rampanti, storico giocatore granata che si intrattiene con noi sui temi principali del match. Ecco cosa ci ha detto oggi.

Serino, la scorsa settimana ci eravamo augurati che la commemorazione a Superga desse al Torino la carica in vista del derby. Si può dire che sia davvero stato così!

“Sì, hanno giocato con la giusta determinazione e con la grinta cercando di anticipare le giocate della Juventus, ed hanno messo in campo tanta corsa quanta ce ne va quando giochi contro un squadra più forte: per sopperire alla lacuna tecnica devi cercare di correre di più e appunto di anticipare l’avversario. Infatti qualche giocatore, come ad esempio Baselli che aveva giocato una grande partita, ha accusato il colpo sul finale perchè hanno giocato a livelli molto alti”

Il Toro stava sfiorando l’impresa: peccato, ancora una volta, per il gol subito nel finale…

“Certo, il gol subito nuovamente all’ultimo ha macchiato un’ottima partita. Ma senza dubbio è stata una prestazione che ha messo in evidenza come Torino abbia delle qualità notevoli e che purtroppo non sono state messe in atto nel corso della stagione, se non in qualche gara: è un grosso peccato”

Tante le polemiche e le discussioni su un episodio in particolare: l’espulsione di Afriyie Acquah. Qual è il tuo giudizio in merito?

“L’espulsione ha senza alcun dubbio condizionato la gara: è stata una decisione ingiusta da parte del direttore di gara, però un giocatore ammonito deve stare molto attento a fare entrate a rischio, è un’entrata che non deve essere fatta. L’arbitro in quella specifica occasione alla fine non doveva espellerlo, però era un’entrata che in generale poteva trarre in inganno ed anche essere sanzionata: il giocatore non deve rischiare. Anche questo è un vero peccato perchè fino a quel momento secondo me Acquah era stato il migliore in campo: ha finalmente capito qual è il suo ruolo, così come l’ha capito Mihajlovic, e se viene utilizzato davanti alla difesa è un giocatore davvero prezioso”

Da un diverso punto di vista, c’è stato anche un altro protagonista assoluto della sfida: Adem Ljajic. Un gol meraviglioso che stava valendo un risultato straordinario.

“Lui è un giocatore fondamentale per questa squadra e finalmente ha trovato il suo ruolo ma non soltanto: ha trovato anche fiducia, ed ha capito che cosa vuol dire e che cosa richiede giocare per il Torino. Adesso bisogna augurarsi che sia continuo, che trovi finalmente quella costanza che gli è sempre mancata, perchè anche in granata era partito forte per poi avere un momento di ‘pausa’ e di calo. Certamente, lui tecnicamente è fortissimo, e questa nuova posizione da trequartista dietro la punta lo valorizza di più, riesce ad essere più libero ed al tempo stesso decisivo”

Una nota di merito va poi spesa anche per Joe Hart: dopo l’ultimo periodo di calo, che cosa pensi della prestazione offerta ieri sera dal portiere granata?

“Ieri sera è stato molto bravo, anche se su quel tiro di Higuain che è diventato gol ho qualche dubbio perchè non mi è sembrato fortissimo: penso che sia partito leggermente in ritardo, ma perchè non ha visto partire il pallone. In ogni caso ha disputato una grande prestazione personale e si è visto che era finalmente concentrato, erano un po di partite che era stato deconcentrato e ieri sera si è rifatto. Ma ieri si è visto che hanno tutti sentito la gara, è un peccato che si abbiano aspettato ieri per dimostrare di essere una bella squadra”

Un tuo giudizio complessivo in merito al nuovo modulo: da quando Mihajlovic ha cambiato scacchiere tattico, sembrano beneficiarne non soltanto sulla linea mediana ma praticamente tutti i granata.

“Questo modulo di gioco è congeniale per giocatori di grande qualità tecnica: Baselli, Iago Falque e Ljajic per esempio lo sono. Loro ‘fanno cantare’ il pallone ed allora sì che fanno divertire, tutta la squadra ne ha tratto benefici e c’è maggiore equilibrio”

Viste e considerate le recenti prestazioni unitamente ai risultati deludenti in serie collezionati dalle compagini che precedono il Torino, pensi che ci sia – e che debba esserci – parecchio rammarico per la stagione in casa granata?

“Io ero molto ottimista all’inizio perchè la squadra è forte e ben costruita. Io ero convinto che il Torino avesse delle possibilità di qualificarsi nelle Coppe Europee già in questa stagione, mentre invece bisogna avere grossi rammarichi perchè si poteva fare molto di più”

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. rossogranata - 2 mesi fa

    Sempre più interessante questa periodica intervista al nostro Serino Rampanti. Spero che continui sempre perchè noi tifosi spesse volte ci lasciamo prendere dall’emotività e dai sentimenti che solo una squadra come il Toro può trasmettere.
    Certo da quando Cairo si è messo a parlare di mercato con l’Europa per Belotti , non ha fatto altro che un gran casino. Poteva starsene zitto e aspettare che terminasse il campionato. Infatti il risultato si è visto in queste ultime tre o quattro partite nelle quali è andato “a secco”. Ormai “linguacchio” è stato fatto e speriamo che il ragazzo riprenda presto a segnare anche con la maggior… volontà dei compagni di fargli dei passaggi decenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 2 mesi fa

    Il Rammarico c’e ma:
    – Se il Gallo resta
    – Se si cambia poco, si vende il giusto per avere due soldi da spendere in difesa (via Padelli, Castán, Carlão, López, Samuel Gustafson: prestito, Obi, Ajeti) magari Benassi via? Mah, da quelli menzionati prima non si tira su niente!
    – Si prende un buon coprimario per Moretti, magari si estende il prestito di Iturbe per un altro anno.
    – A quel punto qualche primavera in rientro/innesto

    Modulo 4231 tutta la stagione, un po’ piu’ di convinzione e ce la giochiamo per le coppe, dai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torogranata - 2 mesi fa

      Di tutti quelli che hai citato solo con Benassi si riesce a prendere milioni 6/7 non penso di più, e che cmq io non venderei, con tutti gli altri ci prendi max 3/4 milioni.
      Ma sbaglio o ci sono almeno 40 milioni del mercato precedente da poter investire?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy