Sbarco in Sicilia

Sbarco in Sicilia

Sotto le granate / Speciale sulla gara di lunedì andata in scena contro il Palermo

4 commenti

Lunedì, il Toro si imbarca a Caselle – nebbia intorno, neve alle spalle – e sbarca nel calduccio della Sicilia, deciso a conquistarla.

Il bombardamento è stato fulmineo. Le primissime occasioni, tutte per il Toro.

Giusto il tempo di dire: ok, stasera vediamo giocare solo il portiere del Palermo, che tac! Chochev alza la testa e spiazza Hart. No, neanche Hart lo può prendere, quel pallone.

Un attimo di concentrazione per riorganizzare le armi e il bombardamento granata riprende più serrato di prima.

Ci prova Iago Falque e segna. Fuori gioco. Va bene così, si riparte subito.

Un Ljajic che, in quanto a tecnica, è ingegnere: prende le misure e perfora incroci impossibili da difendere. Uno spettacolo di precisione che va oltre la maglia per cui tifare, che fa di uno stadio, un teatro.

Benassi che non si accontenta di giostrare con maestria il pallone in centro campo e si propone davanti alla porta, per il terzo gol.

E in ultimo il centro di Baselli, rincorso e voluto da lui ma esaltato dall’esercito granata, che crede, in lui.

Non si sono visti gol di Belotti, nonostante la sua prestazione sia stata ineccepibile, come sempre. Belotti, il suo Palermo più bello se lo è portato a Torino, si chiama Giorgia.

Romanticherie a parte, l’innamoramento c’è stato per le azioni ben costruite, anche quelle non finalizzate. Tutte da tifare.

Certo, vincere con la Roma e la Fiorentina è stato sostanziale, parla delle nostre credenziali in campionato, ma la vittoria sul Palermo ha un sapore tutto suo, da intenditori.

Al Palermo va tributato l’onore delle armi, quello che si riserva a un avversario destinato a soccombere perché privo di punte di diamante (no, Diamanti proprio non basta) e di strategia, ma valoroso sul campo.

Un Palermo pronto a perdere ma che non ci sta, a essere considerato un perdente.

Noi del Toro lo sappiamo bene, quanto sia importante, l’onore della armi.

L’onore delle armi, noi, lo abbiamo conquistato una sera, a Pescara. Un pareggio che in campo spareggiava a -2 in quanto a giocatori ma che ha riesumato, scosso ed esaltato, l’onore del Toro.

Il bombardamento, lunedì sera, si è concluso al buio. E a dire il vero più che un’incursione notturna sembrava l’ultima partitella estiva sotto al lampione, le ombre lunghe dei giocatori a rincorrersi, la mamma che urla dal terzo piano di tornare a casa, che è tardi.

Comunque sia, la Sicilia è stata conquistata.

Pronti per la marcia sulla Lazio.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. 11 Schachner - 2 mesi fa

    Mercoledì tutti in pullman a San Siro! :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Dilling - 2 mesi fa

    Con Garibaldi per Marsala in nave, ora Mihajlovic in aereo per Palermo :)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 11 Schachner - 2 mesi fa

      Proprio un toro alla garibaldina… Come non si vedeva da un pò. Onore al Palermo che non ha mollato nemmeno con 4 goal sul groppone. È adesso sotto con la Lazio! FVCG.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. 11 Schachner - 2 mesi fa

      Solo un pari con la Lazio ma mi è piaciuta la scelta di Mika di schierare 5 attaccanti e di giocarsi il tutto per tutto. Ha dimostrato di volerla vincere a tutti i costi senza paura e senza fare calcoli. A me questa mentalità piace molto. Sono soddisfatto lo stesso, la Lazio comunque era molto forte, ed aver recuperato il risultato è comunque un bel segnale.
      Non vedo l’ora di vederli a s.siro mercoledì, sperando che non caccino De Boer nel frattempo, poi vada come vada. Questo Toro mi piace molto più dell’anno scorso. Avanti così! FVCG!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy