Toro, alto gradimento

Toro, alto gradimento

Sotto le granate / “Sono la prima a condannare la violenza e ad amare il Toro innanzitutto per i principi etici e solidaristici che da sempre lo contraddistinguono”

di Maria Grazia Nemour

Luglio, mese di abbonamenti.

È iniziata tardi quest’anno la campagna abbonamenti del Toro, diversi giorni dopo quella delle altre società. Chissà se sono poi davvero aumentati o no. È interessante guardare le squadre dalle vetrine delle campagne abbonamenti: chi punta sull’amore e si limita a scrivere “amala”, chi punta sulla malizia e ti invita a “venire” allo stadio, chi punta sulla storia, chi – e indovinate chi – riesce a utilizzare un’immagine a righe bianche e nere già usata da una piccola squadra spagnola e poi fa ancora la voce grossa. I cambiamenti delle campagne pubblicitarie negli anni andrebbero analizzati, dicono molto della filosofia di una società.

Lo fai o non lo fai l’abbonamento, quest’anno?

Io ho tergiversato fino al 31, e poi ho rinnovato. E l’ho fatto con un certo disappunto nei confronti dell’aumento rispetto la scorsa stagione. Ok, non sarà il 30% in più imposto della juve – l’abbonamento credo che quei tifosi lo accendano direttamente in banca, con le modalità di un mutuo – ma avrei gradito un caro pensiero di Cairo nei miei confronti: Mariagrazia, nessun rincaro.

Avrei gradito…sì, perché ho sempre pensato che ero io a gradire il Toro, e invece andando a leggere le clausole dell’abbonamento, scopro che è il Toro a formulare condizioni di gradimento nei miei confronti. E se il Toro non mi gradisce, nessun abbonamento, nessun biglietto, nessun accesso ai luoghi societari.

Oddio, è vero che i principi a cui attenersi sono largamente condivisibili:

“Il Torino FC rifiuta ogni forma di violenza, anche verbale, e discriminazione e ogni comportamento in contrasto con i principi di correttezza e probità. 1.2 Nel rispetto dei principi rappresentativi della tradizione e dell’identità sportiva del Torino FC, sono vietate tutte le condotte contrarie ai valori dello sport ed al pubblico senso del pudore, nonché tutti quegli atti che nella loro espressione sostanzino/concretizzino comportamenti violenti, di qualunque forma, discriminatori o offensivi su base razziale, territoriale, di lingua, sesso, nazionalità, etnica e religiosa verso la tifoseria della squadra avversaria, il personale di servizio, le istituzioni e/o la società civile ovvero configuri propaganda ideologica vietata dalla legge”.

maratona olimpico grande torino

Sono la prima a condannare la violenza e ad amare il Toro innanzitutto per i principi etici e solidaristici che da sempre lo contraddistinguono, è solo che fare la tessera del tifoso, farmi perquisire all’entrata, passare attraverso i tornelli, farmi riprendere da una moltitudine di telecamere che registrano gli spalti, sottostare alle indicazioni degli steward, mi sembravano un insieme di misure già oltremodo garantiste. E poi se sgarro – e io non riesco a sgarrare neanche per introdurre una bottiglietta di succo di frutta nello zaino di mio figlio, mentre altri riescono a sgarrare entrando con bombe carta al seguito – interverrà la polizia, la magistratura. Funziona così, un ente terzo si fa carico di fermarmi e un altro ancora giudica il mio comportamento.

Il fatto che sia la Società, con norme privatistiche, a valutare il mio comportamento mi lascia un po’ perplessa.

Parecchio perplessa mi aveva lasciata quest’anno l’allontanamento dallo stadio del nucleo di tifosi ‘esodati’ dalla Maratona alla Primavera. Perplessa mi aveva lasciato la motivazione del daspo: mancata coincidenza del biglietto con lo spicchio di spalti occupato. Un po’ pretestuoso, perché è lampante che in curva – che sia la Maratona o la Primavera – nessuno o quasi va in giro col biglietto in mano alla ricerca del suo posto a sedere, non è un teatro, nonostante lo spettacolo non sia da meno. Almeno nelle speranze.

La Chapecoense a Superga: il racconto di una visita commovente

Ho sentito dire che il daspo in realtà era stato comminato perché gli interessati occupavano posti preclusi per ragioni di sicurezza (e io quei posti li avevo visti interdetti solo per il derby, e già in quell’occasione mi aveva infastidito l’idea che proprio ‘quelli’ venissero a determinare cambiamenti organizzativi a casa nostra). Comunque, in tanti hanno inteso che l’azione sanzionatoria mirata a quel gruppo di tifosi fosse direttamente collegata al dissenso dimostrato nei confronti delle scelte societarie.

Fatto sta, che gli interessati hanno presentato ricorso – gratis? Non credo – e il daspo è stato annullato.

Ma in caso di sanzione erogata dalla Società non ci sarà spazio per alcun ricorso, è un sistema privatistico che prevede solo la presentazione di “giustificazioni” che verranno valutate da non si sa bene chi. Non so, il principio di correttezza lo condivido, ma il mio spirito libertario un po’ tossisce a leggere il regolamento delle condizioni di gradimento. Certo non è un’invenzione del Toro, esiste un protocollo ministeriale che invita tutte le Società a promuovere questa “dimensione sociale del calcio”.

Mi auguro che il “sistema gradimento” venga applicato con lo spirito più nobile possibile, allontanando le persone che vanno allo stadio senza alcun interesse alla partita ma per lavoro, perché traggono un profitto che nulla ha a che fare con il calcio. Mi auguro che il Toro gradisca oltremodo i tifosi che ne condividono da sempre le sorti, allontanando chi tifoso non è. Mi auguro che il Toro gradisca ogni forma di dissenso se espresso senza procurare danno a nessuno e con l’intento di costruire nuove possibilità.

Mi auguro un crescente alto gradimento per questa nuova stagione.


 

Mi sono laureata in fantascienze politiche non so più bene quando. In ufficio scrivo avvincenti relazioni a bilanci in dissesto e gozzoviglio nell’associazione “Brigate alimentari”. Collaboro con Shakespeare e ho pubblicato un paio di romanzi. I miei protagonisti sono sempre del Toro, così, tanto per complicargli un po’ la vita.

 

53 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bertu62 - 2 settimane fa

    Ahhhhhhh!!
    Adesso ho capito!
    E’ quindi una questione di “razza”! Una questione di “patentino”, di certificato di autenticità! “Siccome io sono…..”….”siccome io vengo da […] allora io posso…”…Vabbè, se è così non posso dire nulla, in effetti….
    Anzi no, una cosa la dico: mi hanno insegnato il rispetto per le persone anziane quindi non replico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 settimane fa

      ma come? Conosci Eraclito e vuoi dirmi che non hai parole per risposndere senza mancare di rispetto? Ma dai…
      :-) buona serata ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 2 settimane fa

        No no, non ti confondere (anche se posso capire…): non ho detto/scritto “non ho le parole per…”, ho scritto “non replico..”, che è SOSTANZIALMENTE DIVERSO…. by the way, qui sulla costa est del pacifico, è ora che mi dia da fare il brunch :-) ….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 settimane fa

    I difensori di Cairo ad oltranza se ne stanno in un cantuccio tutto il tempo, poi appena viene fuori una prestazione valida eccoli uscire fuori in pompa magna con l’atteggiamento del: “L’avevo detto io”

    Comunque difendere Cairo in questo momento mi sembra l’atteggiamento del marito che difende la moglie che lo tradisce.

    Contenti voi, io a differenza di altri non vi biasimo, se a voi piace farvi prendere in giro, fate pure. Io non proferisco verbo.
    Neppure contro il @bertu che lui prima insulta poi fa la vittima se gli altri reagiscono… ahhahahaha
    Ti voglio bene @bertu, io sono piu’ vecchio di te e in Piemonte prima di te. Esattamente dal 1585 quando la mia famiglia e’ venuta in Italia dalla Savoia. Quindi con questa autorita’ ti posso dire “Gaute la nata” ehehehhahah
    saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. A.C. TORINO - 2 settimane fa

      forse @Bertu puo’ dirci come fa ad avere tutto questo tempo a disposizione per scrivere i mallopponi che scrive su due siti. Lui dice che e’ in pensione ma come ha fatto cosi’ presto? Forse ha un rolex d’oro e la maglietta rossa?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 2 settimane fa

        Forse potrei anche dirtelo, però vista la tua cattiva educazione, la tua arroganza ed il tuo sarcasmo fuori luogo e fuori portata non lo faccio… Forse ho anche più di un Rolex, forse ne ho 4, oppure forse ho dei Philippe Patek….Tu non sai chi sono io (forse ti ricorda qualcuno, eh?) e manco mi interessa dirti che “potrei” essere il figlio dell’amico del cugino dello zio che ha sposato in seconde nozze la nipote di….. ma che soprattutto HO UNA FABBRICA di magliette!!! Anche ROSSE!!! :-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. A.C. TORINO - 2 settimane fa

          ahahahha
          buon per te io non sono invidioso. Il fatto e’ che io non ho cativa educazione, ho una laurea in Elettronica e un master. Non insulto come alle volte fai tu.Ti faccio delle domande e basta . Se per te questo e’ cattiva educazione e’ affar tuo. Io ti rispetto e neanche ti invidio, buon per te se stai bene.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. bertu62 - 2 settimane fa

            Ottimo che sia anche acculturato!
            Allora, visto che siamo “pari grado”, Ti chiedo se per caso conosci tale Eraclito…Non di persona ovviamente, essendo morto “alcuni” decenni orsono, ma almeno le sue citazioni, anzi una in particolare: “Avere una grande cultura non significa essere intelligenti”…
            Buona vita…

            Mi piace Non mi piace
          2. A.C. TORINO - 2 settimane fa

            bella battuta, si conosco come conosco erodoto platone, plotino, Aristotele, gli storici romani e greci, cadi male… dimmi qualche altra frase che ti ricordi… cosi ‘ vediamo se ne sai abbastanza.
            E’ proprio vero cio’ che hai scritto come e’ altrettanto vero che essere intelligenti non vuol dire essere grandi uomini, non va di pari passo esattamente come avere molte conoscenze non vuol dire essere intelligenti.
            Questo e’Socrate Ma tu lo sai chi era? Lo scrisse in Repubblica” Leggi leggi prima di scrivere… Tu scrivi troppo e leggi poco. ti saluto la chiudo qui, ciao

            Mi piace Non mi piace
          3. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 settimane fa

            beh notevole la battuta sull’intelligenza, mi auguro sia stata compresa….
            un caro saluto

            Mi piace Non mi piace
          4. bertu62 - 2 settimane fa

            ..” Chi conosce tutte le risposte, non si è fatto tutte le domande…” Ma forse esula dalle Tue competenze…

            Mi piace Non mi piace
          5. A.C. TORINO - 2 settimane fa

            @Bertu hai vinto sei meglio di me.Ehehehe
            dai comunque, sei riuscito anche ad avere il tempo di scrivere su Cuoretoro oggi ahahah sei grande, non hai proprio nulla da fare, la fabbrica vabene. Son contento per te ehehhe
            Ma tu che ti fai domande, perche’ non ti chiedi perche’ chi la pensa diversamente da te, lo fa? Te lo sei chiesto no? Credo di si. Pensi proprio che non tifiamo toro o non lo amiamo? Anche tu una volta eri diverso no? Perche’ non smetti coi mallopponi, tu sei uno che se ne intende di Calcio, come fai ad amare questa simil squadra di plastica che assomiglia altoro? Non posso crederci che tu ti accontenti e lo trovi anche bello. Lo so che ami il toro. Ma come fai ad essere come quelli che leggo ogni giorno sul sito. Tu sei uno che dovrebbe essere meglio di quelli che si accontentano perche’ non hanno mai visto nulla. Ok vado a letto ciao

            Mi piace Non mi piace
          6. bertu62 - 2 settimane fa

            ACT (anche se abbreviato così sembrerebbe più un “acitua” che potrebbe essere preso un epiteto del centro-Italia :-) ..), non so se il tuo ultimo intervento sia ironico o meno (se lo è non l’ho colta…) e di conseguenza merita una risposta:
            IO SONO ANTI-CAIRO, veramente…Ho pensato per un po che fosse non il salvatore della Patria, intendiamoci, bensì un abile imprenditore che tuttavia in buonafede ha incontrato delle difficoltà nel portare questa sua “nuova azienda” che è il Torino al successo, così come invece ha fatto e sta facendo con le sue altre…. Detto questo proprio l’anno scorso, di questi tempi più o meno, nel momento in cui si doveva E SI POTEVA intervenire sul mercato dei giocatori con “alcuni innesti” che avrebbero dato la possibilità a Sinisa (che, fra le altre cose, ho apprezzato MOLTO di più che Ventura, anche se a Ventura vanno riconosciuti diversi meriti..) ecco che non solo sono venuti a mancare ma addirittura si è indebolita la squadra con le cessioni di Benassi (ad esempio) e di Zappacosta (oltretutto ufficializzata quasi allo scadere) e con l’arrivo di un 36enne come Burdisso che TUTTO poteva essere tranne che un titolare, senza parlare dell’operazione SADIQ che ancora adesso grida VENDETTA! Onestamente poi non entro in merito alle questioni di “Sinisa aveva espressamente chiesto TIZIO ed invece gli hanno (Petrachi-Cairo) preso CAIO”, come ad esempio alcuni dicono sia avvenuto con Kucka-Rincon, io non c’ero e non posso saperlo per certo, sono teorie che valgono tanto quanto qualsiasi altra…), ho come regola l’abitudine di vedere, ascoltare, leggere eppoi eventualmente giudicare, ed infatti ho aspettato la chiusura DI QUEL calciomercato per poter dire HA FATTO SCHIFO, così come ho aspettato di vedere i giocatori GIOCARE prima di dire TIZIO E’ SCARSO oppure CAIO E’ FORTE…Cosa voglio dire: questo, che ultimamente le cose hanno preso una piega troppo “estrema-estremista-estremizzata” per i miei gusti! Si è passati dal CAIRO VATTENE, legittimissimo, ed anche giustissimo, al “FOTTETEVI TUTTI QUANTI QUELLI CHE ANCORA TIFATE TORO, FATE L’ABBONAMENTO, ANDATE A VEDERE LE PARTITE, APPLAUDITE LA SQUADRA”…Ecco, credo che fra le 2 parti ci sia spazio, no? Aurea Mediocritas la chiamavano i latini, non a caso! Io mi colloco lì, però pare che invece questo spazio “mediocre” (cioè che si trova in una posizione intermedia fra 2 estremi) non esista, pertanto mi sono visto affibbiare l’etichetta di PRO-CAIRO….
            Ora, premesso che a me, di etichette, di pollici, di “like” e/o “dislike” non me può interessare di meno, quello che mi ha dato “fastidio” è questa “corrente” di pensiero che cavalcando l’onda del malcontento sta travolgendo tutto e tutti, dai giocatori (alcuni addirittura manco ancora arrivati) già “bollati” come gli appestati del XIV Secolo fino a quei tifosi che credono nella maglia, nei giocatori, nell’allenatore e che in definitiva vanno allo stadio in 13.500 per far fare una bella figura GRANATA a tutti nel mondo in occasione di una partita di beneficenza! Come disse Scalfaro IO NON CI STO, a questo gioco al massacro, PUR ESSENDO CONTRO CAIRO, non ci sto ad insultare fratelli che fanno l’abbonamento o vanno allo stadio comprando i biglietti oppure nei granata Store a prendere le magliette per i figli, non ci sto a “bollare” i giovani SOLO come future plusvalenze, non ci sto a dire che Verissimo non viene solo perché cairo è tirchio e non vuole comprarlo, che Laxalt non viene perché cairo non vuole spendere 22MIO per il suo cartellino….Ci sono ENNEMILA motivi per avercela con cairo, dal Filadelfia al Museo al Comunale alle Giovanili al Robaldo perfino, ma i giocatori che indossano la maglia ed i tifosi che vanno a vederli ed applaudirli VANNO SOSTENUTI E NON INSULTATI.
            Per lo meno, io la vedo così, e se non sono “fratello” degno pazienza, me ne farò una ragione ed andrò oltre, d’altronde in ogni famiglia c’è la pecora nera, no? Basta che NON SIA bianco-nera!!!!! :-) :-)

            Mi piace Non mi piace
  3. Hagakure - 2 settimane fa

    Oggi i leccaculo di Cairo & c. sono particolarmente agguerriti: dev’essere stata la partita di ieri che ha dimostrato l’inossidabilità della difesa e i passi avanti fatti in direzione del “toro” più forte degli ultrimi 100 anni.

    Ovviamente i loro commenti sono tutti “santi e benedetti” mentre quelli altrui sono solo puttanate e cazzate….ovviamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 2 settimane fa

      E’ di tuo “gradimento” l’articolo?…è abbastanza critico nei confronti della società?…oggi la redazione non è prezzolata e squallida?

      Il termine “leccaculo” non ti “abbassa” al livello di quelli che giudicano “puttanate” i commenti degli altri?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 2 settimane fa

        No, non credo proprio, anche perchè io ho espresso liberamente il mio pensiero, certamente ilare ma privo di insulti e offese.

        Conseguentemente io ho solo risposto a chi per primo ha insultato e offeso il pensiero altrui.

        Dunque queste “paternali” valle a fare a chi di dovere, anzichè scaldarti per autocombustione e venire a fare certi discorsi al sottoscritto in ogni messaggio che posto, foss’anche il più “docile” dell’universo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ForzaToro - 2 settimane fa

          Scaldarmi per autocombustione?…non è nel mio carattere..sono solo domande, se non ti piacciono non rispondere…da oggi “leccaculo” è derubricato da insulto a commento ilare…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Hagakure - 2 settimane fa

            Athletic – 1 ora fa

            Alé, riparte la sagra delle puttanate e dei commenti del cazzo. Per fortuna che i tifosi del Toro vanno allo stadio, sostengono, fischiano, esultano, si incazzano, e nessuno vieterà loro di entrare, nemmeno a quelli della curva Filadelfia. Gli altri venti tifosi stanno comodi a casa a scatenarsi dietro la tastiera. Lol

            …magari così fai meno il furbetto e ti “rinfreschi” la vista…!!!

            Mi piace Non mi piace
          2. ForzaToro - 2 settimane fa

            E chi starei difendendo?…dico solo che dal momento che non gradisci gli insulti non dovresti insultare a tua volta…poi fai quello che ti pare…

            Mi piace Non mi piace
          3. Hagakure - 2 settimane fa

            Basta non insultare me per primo, dopodichè io non mi permetto di insultare nessuno, qualunque sia la sua opinione o parte.

            Io ho fatto il mio commento ilare su Sua Santita Urbano, con annessi e connessi (senza insulti e provocazioni) e qualche minuto dopo ecco che, appena dopo il mio commento, esce quello che ti ho postato poco fa.

            Allora chi è che ha insultato per primo…???

            Mi piace Non mi piace
          4. ForzaToro - 2 settimane fa

            Ma infatti il mio commento è stato…”il termine “leccaculo” non ti “abbassa” al livello di quelli che giudicano “puttanate” i commenti degli altri?”

            Mi piace Non mi piace
          5. Hagakure - 2 settimane fa

            Legge del Taglione, l’ho gia detto.

            Il “porgi l’altra guancia” o il “abbassarsi al livello di” non sono contemplate nel mio vocabolario.

            Dev’essere la mia vecchia indole da ULTRAS GRANATA degli anni ’60 ’70 e parte degli ’80.

            Ad alcuni di questi “damerini” che scrivono sul forum certe cose, ai miei tempi gli facevamo passare la voglia….e non solo noi quando c’erano ancora i “Veci” del Filadelfia (quello Vero).

            Mi piace Non mi piace
          6. ForzaToro - 2 settimane fa

            Probabilmente la tua indole Ultras non è compatibile con il mio modo di vedere il calcio, tutto lì…anzi togliamo il “probabilmente”…non è un giudizio ma solo una constatazione…

            Mi piace Non mi piace
          7. Hagakure - 2 settimane fa

            Il Calcio, quello Vero, degli Schiaffino, Di Stefano, Pelè, Puskas, Garrinca, Eusebio per non parlare degli Invincibili e sino all’avvento della Sentenza Bosman e all’arrivo degli “avvoltoi procuratori” è morto e sepolto.

            Oggi il “prendere a calci un pallone” è solo un nuovo modo di fare business, imprenditoria e quattrini, ma fa tanto, tanto comodo chiamarlo ancora “calcio” ed offendere il Calcio Vero, quello giocato e quello che cresceva, difendeva e proteggeva i propri Ragazzi e li faceva diventare talenti.

            I tempi sono cambiti, certo, e allora cambiate anche le terminologie e chiamatelo con un altro nome.

            Mi piace Non mi piace
  4. Hagakure - 2 settimane fa

    Non vedo l’ora che inizi il campionato per vedere il “toro” (volutamente minuscolo) più forte degli ultimi 100 anni….!!!

    P.S.: allo stadio saranno ammessi solo gli “amici e amanti di Urbano”….tutti gli altri sono pregati di astenersi dall’entrare.

    P.S.S.: per “regolamento interno”, ricordiamo a tutti che Urbano è buono, bravo, bello, filantropo, salvatore, disponibile, appassionato e spendaccione.
    I cori che definiranno il “Dio Urbano” con epiteti come “bracciamozze”, “braccino corto”, “mandrogno di m……”, “taccagno”, “opportunista”, ecc. saranno perseguiti a norma di Legge per vilipendi a Sua Santità Urbano Cairo.

    Avvertiamo inoltre tutto il popolo cairota che è in corso il processo di beatificazione di Urbano, per aver salvato e continuamente miracolato, nel corso degli anni, i tifosi 2.0 e la squadra 3.0.

    Ogni domenica, prima dell’inizio della partita, Sua Santità si pregerà di imporre la benedizione “orbi e ancora orbi” ai Suoi Amati tifosi e sostenitori.

    Amen.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. iard68 - 2 settimane fa

    Molto semplicemente… i posti numerati dovrebbero essere rispettati anche nelle curve. Senza tante storie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bertu62 - 2 settimane fa

    Siccome ho sempre detto anzi gridato MARIA GRAZIA UNA DI NOI, non vedo perché non dovrei farlo anche stavolta!
    Innanzi tutto ha rinnovato l’abbonamento, dopo averci pensato un po’ su….Lo avrei fatto anch’io se fossi ancora a Torino, ma ahimè la vita alle volte ti porta altrove….Dunque ha rinnovato, ed ha espresso il suo pensiero su quella cosa che, inutile tacerlo, dai, ognuno di noi ha almeno “pensato” quando si è saputo dei DASPO comminati in Curva Primavera, soprattutto per le motivazioni! Quindi non ha fatto altro che “estendere” il pensiero a questo: SE è pure vero che il ministero INVITA tutto i club di calcio ad intraprendere queste iniziative (come d’altra parte anche quella degli Steward e delle telecamere interne lo sono state, imposte (dico)…grazie al comportamento violento di alcuni personaggi che NULLA hanno a che fare col calcio e lo sport in generale..) è ALTRETTANTO vero che ogni club ha libertà di interpretazione di quelli che potrebbero essere atteggiamenti volti ad infrangere i vari punti… Ed è appunto QUI che sta il nocciolo del “Maria Grazia- Pensiero”! Se sono bastati dei semplici “scambi di posto” per appioppare dei DASPO (che poi sono stati annullati, con l’entrata in vigore del “Codice Etico” sarà TOTALMENTE a discrezione del club decidere se permettere l’ingresso allo stadio oppure no di chiunque, possessore di biglietto o abbonamento, ed anche l’eventuale rimborso oppure no…Tutto qui…
    Io, personalmente, mi trovo (purtroppo, e tristemente aggiungo…) d’accordo con le perplessità di Maria Grazia: un’iniziativa della quale non ci sarebbe neppure bisogno, oltretutto, se le cose funzionassero BENE e PRIMA, ma che così permette anche una forma di “discriminazione selettiva” a favore o meglio CONTRO coloro invisi al club, per un motivo piuttosto che un’altro, senza possibilità di appello….
    Siamo poi così uguali agli altri tifosi, noi, da meritare lo stesso trattamento?
    FV♥G!!! SEMPRE!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. masterfabio - 2 settimane fa

      Siamo assolutamente uguali agli altri tifosi, non abbiamo più nessuna diversità nonostante crediamo di essere diversi. Purtroppo. Anzi, a livello di tifo e attaccamento alla squadra siamo anche peggio di altre squadre “minori” (Hellas su tutte).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Athletic - 2 settimane fa

    Come già detto, si tratta di una disposizione alla quale tutte le società devono adeguarsi, compresa la nostra. Può piacere o non piacere, ma non sono le società che possono decidere. Quindi l’articolo è utile solo per far sfogare qualche tifoso anti Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. okami - 2 settimane fa

    mi chiedo perchè nel football americano ,(tanto per citare uno sport molto amato visceralmente dagli americani) i posti siano nominali e rispettati e nelle curve italiane no.
    la civiltà passa anche da qui credo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 2 settimane fa

      Sono rispettati perché in America, se sgarri paghi sul serio, anche in questo caso. Qui, se in curva vai al posto che ti spetta, c’è una buona possibilità che ti mandino aff…!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. schmat - 2 settimane fa

      Personalmente, mi piace il fatto che in curva non ci siano “posti assegnati”, nel senso che mi ha sempre dato un grande senso di comunità. Il posto assegnato mi riporta improvvisamente a un silenzioso pubblico dei distinti, che come sappiamo tutti, stanno zitti, l’altra curva sta a guardare, in tribuna la poltrona… sapete cosa intendo. Secondo me è bello che, almeno in alcuni spazi “caldi” dello stadio, ci sia una condivisione dello spazio. Facilità anche la creazione dell’atmosfera giusta!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iard68 - 2 settimane fa

        Eh di comunità? Nel senso che se sei del giro e fai quello cghe ti dicono allora va bene e sennò ti alzi e vai da un’altra parte? Non si chiama comunità, ma in altro modo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. iard68 - 2 settimane fa

        Non solo… Potrei aggiungere che in questo modo i più tranquilli sono costretti ad andare nei distinti o accontentarsi dei posti decentrati…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Colbacco_60 - 2 settimane fa

        In inghilterra, da molti anni, ognuno va al suo posto e si comporta in modo civile. Eppure non mi pare che manchino senso di appartenenza e comunità. Pensi allo stadio del Liverpool e a quel coro che commuove e mette i brividi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. iugen - 2 settimane fa

      Condivido il pensiero di schmat qui sopra, anche se ora preferisco andare nei distinti piuttosto che in Maratona quando vado allo stadio. Non mi sembra una cosa grave il fatto che non si rispettino i posti assegnati, la curva di uno stadio è un ambiente particolare, con pregi e difetti, ma finché non ci sono episodi di violenza direi che si può tollerare. Anzi, sono belle le coreografie, gli striscioni, i cori, fanno molto atmosfera; molto meglio che vedere una partita negli stadi americani in cui tutti sono seduti e composti. Poi, come detto, io preferisco vivermi la partita in modo più tranquillo, ma mi piace che anche quell’aspetto sia presente allo stadio. Se non vuoi cantare e ti disturba tanto non essere seduto al tuo posto, vai in un altro settore, lo stadio è grande, e nei distinti la partita si vede pure meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. ddavide69 - 2 settimane fa

      C’è da dire che negli stati uniti se frodi lo stato vai in galera e lo stesso se evadi le tasse, qui ci vai se rubi le mele al mercato. Negli stati uniti per contro puoi girare armato e sparare con il kalashnikov in casa, però non puoi bere una bottiglia di birra in pubblico. Tutto il mondo è paese..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. LeoJunior - 2 settimane fa

    vorrei che i nostri valori ci portassero a non vedere mai le scene che sto vedendo per Gonzalone a Milano. tutti ai suoi piedi (Gonzalo uno di noi ..) pur arrivando dalla Juve. O quelle che vedremo per il ritorno del figliol prodigo Bonucci. Ecco, un po’ di coerenza e dignita’ ci renderebbero diversi da questo mondo di plastica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GlennGould - 2 settimane fa

    Le scritte citate le si trovano anche sugli abbonamenti delle altre squadre di serie a.
    Robe da matti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 2 settimane fa

      Nell’articolo di MEitè c’è chi critica la “mascella” di Cairo…in questo chi critica l’adozione di un protocollo ministeriale che tutte le Società devono applicare…ripeto DEVONO…

      @Carlo utilizzi in modo quasi dispregiativo i termini “capitalista” e “alessandrino”…utilizzando il primo si capisce il tuo orientamento “politico”, utilizzando il secondo si capisce che gli “alessandrini” non ti stanno tanto simpatici…chi lo sostiene, lo invidia?…a me tante volte pare il contrario…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 settimane fa

        Beh essere di sinistra non significa essere un puzzone, così come essere capitalista non significa essere un grande uomo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Tashunka - 2 settimane fa

    Mi domando se 10€ In più in curva per chi rinnova sia un aumento che possa far “esitare” veramente chi vive il Toro da tifoso. Per come la vedo io l’abbonamento è una gran comodità . Faccio una volta sola la fila per acquistarlo con documento ecc.ecc e spendo in pratica 11 € a partita in Maratona e 10€ a partita in Primavera .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 2 settimane fa

      Chi vive di polemiche sicuramente avrà da dire sui 50 centesimi di aumento a partita…che poi non ricordo da quanto tempo non aumentasse, credo 5-6 anni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. masterfabio - 2 settimane fa

    Articolo inutilmente polemico nei confronti della società Torino F.C., su regole imposte e decise da FIGC e Ministero dell’Interno. Magari informarsi prima di scrivere sarebbe opportuno. Va bene che ormai intenet dà la facoltà a tutti di esprimersi, ma almeno per chi vuole far finta di scrivere articoli giornalistici, che scriva con criterio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-13652724 - 2 settimane fa

    MA LA VOLETE SMETTERE DI FARE I CRITICONI?!?! Servivano pochi innesti, la rosa è ottima senza stravolgere nulla, arriveranno minimo ancora due giocatori e saremo più che competitivi. Che noia il tifoso del Toro mai cuntent, ANDATE A TIFARE LA GOBBA COSÌ AVETE TUTTO FACILE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 settimane fa

      Ottima. Occhio che in Inghilterra ti faranno cadere senza paracadute. Vai tu a Superga a vedere cosa era il Toro, invece di mandare gli altri a Venaria.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 2 settimane fa

      Tu di cosa sei cuntent?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. carlo - 2 settimane fa

    Tutto si ritorcerà contro a chi fa il furbo. Chi cerca forse la scorciatoia al “consenso”, la paga due volte, in genere. L’odio aumenta: e la paga tutta in una volta, quel capitalista alessandrino che vuole tutto sopra gli altri: il potere, la visibilità, il denaro: oltre ogni logica. Chi lo sostiene, molto spesso lo invidia. Persone che hanno bisogno di un podio, un piedistallo che li faccia aumentare di statura; dati oggettivi che li rassicurino circa la loro persona, il loro valore.
    La confusione di un imprenditore come Cairo gli procurerà solo solitudine e odio. La confusione di cosa gli serve davvero nella vita non gli va in nessun conto. Lui ha il suo trono. Embé che figo! Che occasione che avevi, Cairo, col Toro! Anziché temerti, ti avrebbero amato! E tu loro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tric - 2 settimane fa

      Calmati!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 2 settimane fa

      Testuale…. la confusione di un imprenditore come Cairo….. basterebbe questa frase per aprire un universo. Lascio perdere. Sarebbe tempo perso. Le regole sul gradimento (Se ti fosse sfuggito è questo il tema dell’articolo ) sono regole imposte dalla Federazione a cui tutte le società sono obbligate ad attenersi pena sanzioni pecuniarie salate. Ogni società può modificare qualcosa senza cambiare l’impianto in toto. Che c’entra il tuo odio per Cairo ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. LeoJunior - 2 settimane fa

      dai che arrivano le ferie, tieni duro e torna un po’ piu’ calmo. Non ti fa bene agitarti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

    Io mi auguro che le famiglie possano andare allo stadio senza doversi guardare alle spalle, temendo i facinorosi che sfogano le proprie frustazioni.
    Solo così, con un approccio all’inglese (post giro di vite contro gli hooligans), potremo far crescere i nostri figli nel tifo per i colori granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13746076 - 2 settimane fa

      Giusto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy