Toro, fame e schiaffi

Toro, fame e schiaffi

Sotto le Granate / Torna la rubrica di Maria Grazia Nemour: “Se si riceve uno schiaffo arbitrale che lascia il segno sulla partita, uno può almeno dire “Ahia!”?”

di Maria Grazia Nemour

Se si riceve uno schiaffo arbitrale che lascia il segno sulla partita, uno può almeno dire “Ahia!”?

Lo può strillare dalle colonne della Gazzetta “Ahia!”?

Tornarci su e poi di nuovo su – Ahia! Ahia! – in conferenza stampa?

Io dico di sì, e lo dico nonostante sia convinta che la differenza la faccia solo il campo, è sull’erba che bisogna dimostrare il valore.

Domenica potevamo vincere nonostante l’oculata miopia arbitrale? Potevamo, certo che potevamo, sì.

Anzi, avremmo dovuto, perché l’Udinese se ne stava stretta stretta con le mani a coprirsi la testa, ripiegata sulla sua muscolosa difesa, con l’unica velleità di correre qualche contropiede. Avremmo dovuto vincere nonostante il mancato rigore su Belotti e il mancato fischio del fallo su Meitè. Nonostante il gol negato a Berenguer. Nonostante il campo, buono per giocare con palloni di terra. Avremmo dovuto vincere, trovando il modo di far tubare davanti il Gallo e Zaza, che al momento non si innescano a vicenda.

Avremmo dovuto vincere lo stesso, ok.

Ma…ma porgere l’altra guancia è comunque articolo contemplato da un altro Regolamento, non quello del calcio. Gli arbitri non sono profeti, servono solo a giudicare e stabilire, secondo  regole già scritte, nessuna dettatura divina sul momento. Non è compito semplice, per questo è necessario onorare l’incarico con il massimo dello scrupolo. Sempre, qualsiasi sia il colore delle maglie che stanno di fronte.  Le coincidenze a senso unico che si ripetono e poi di nuovo, legittimano il sospetto che chi arbitra, non sia all’altezza del compito. O persegua altri fini.

Viviamo in un mondo in cui l’arte di rompere le scatole porta qualche frutto, se ben esercitata. Dobbiamo alzare in continuazione il dito e polemizzare per coincidenze sempre e solo sfavorevoli? Va bene, apprendiamo quest’arte. Non è una giustificazione per il nostro stare in campo, no, ma alla fine può diventare imbarazzante per il “fato”, finire ripetutamente sul giornale per errori con recidiva.

Qualcuno dice che queste recriminazioni sono ridicole, abbiamo un potere così risicato che nessun arbitro si prenderebbe il mal di pancia di interessarsi a noi per sfavorirci. Perfetto, nessuno chiede un trattamento particolare, solo equità. Diversamente continuiamo ad alzare il dito e dire “Ahia! Di nuovo?”, fino a che diventerà un’enormità da tirare giù, quel dito.

Domenica scorsa è capitato che nello stesso bar dessero sia la partita del Toro che quella della juve. La quaresima capita anche a settembre, sì.

Capita che Zaza strattoni un po’ troppo e venga sanzionato, e che si guardi la maglia…già, la maglia.

Qui, devo aprire una digressione, la nostra terza maglia lo esige. Un turchese-verde con inserti in oro, che fa tanto triste prato di fine ottobre con foglie gialle cadute qua e là. Sicuramente più gradevole dell’imbarazzante giallino influenzale dello scorso anno, certo, ma piuttosto anonima. Un amico mi diceva che gli piacerebbe una terza maglia “tributo” che omaggi le squadre con cui condividiamo la filosofia del calcio, dal Chape al Corinthians, il River, il Benfica. Io adoro quella blu navy di un paio di anni fa con i nomi storici che formavano il Toro, la cercai dappertutto. Insomma, stoffa che ci rappresenti.

E poi, perché contro la strisciata Udinese, dobbiamo giocare con la terza maglia e non con il nostro ineguagliabile granata?

Bene, smaltita l’irritazione da terza maglia, torno a Zaza, lo avevo lasciato mentre strattonava e veniva sanzionato, si guardava stupito la maglia. A volte avere davanti le strisce bianche e nere può richiamare dei deja-vu che confondono. Ammonito? Sì.

Nello stesso pomeriggio capita che nella juve un giocatore venga sanzionato addirittura con l’espulsione. A fine partita, certo, ma parliamo pur sempre della juve e di un espulsione, un ossimoro del calcio. D’altro canto, Douglas, salvo entrare in campo armato, le ha fatte proprio una per qualità, le peggiori azioni. Ma forse lo sputo in bocca è un invito all’amore, chi lo sa. Eh… chi lo sa, domenica c’era così tanta confusione nell’altra sala del bar, è toccato subire gli urli molesti degli juventini, che finalmente hanno consumato le nozze con Ronaldo. L’ansia da prestazione di mezza Italia, è stata superata.

Eh sì, perché è capitato che Ronaldo – il sogno eroticalcistico juventino –  abbia segnato alla quarta giornata.

Ma Meitè, no. Il bell’acquisto anonimo ma sorprendente del Toro, no. Aveva già segnato, lui.

Capita che i pochi minuti in campo di Aina e poi di Parigini diano ottimi segnali di fame, gente che vuole addentare un posto in squadra, che ha fauci da digrignare.

Capita che domenica andremo a mangiar pranzo al Grande Torino e arriveremo con una gran fame, sarebbe delizioso divorare il Napoli. Ho fame, e sono stufa di prendere schiaffi.


Mi sono laureata in fantascienze politiche non so più bene quando. In ufficio scrivo avvincenti relazioni a bilanci in dissesto e gozzoviglio nell’associazione “Brigate alimentari”. Collaboro con Shakespeare e ho pubblicato un paio di romanzi. I miei protagonisti sono sempre del Toro, così, tanto per complicargli un po’ la vita.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. IlDadoDelToro - 2 mesi fa

    Bravissima Maria Grazia, ottimo articolo ed interessanti gli spunti. Lo stile narrativo è piacevole, frizzante, coinvolgente.
    Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lucius - 2 mesi fa

    Non fosse per la tua collaborazione con Shakespeare (che potrebbe offendersi per l’uso di una lingua d’Oltremanica), mi direi tout à fait d’accord.
    Da tifoso che ti legge su Toronews, mi permetto di aggiungere: M.G. Nemour, grazie di esistere!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    A me preoccupano anche gli schiaffi della malasorte.
    Contro il Napoli senza Lyanco – Ansaldi – Soriano – De Silvestri – Iago Falque … ehchecazzo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tommyy - 2 mesi fa

    hai ragione, la terza maglia fa proprio cagare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Kalokagathia - 2 mesi fa

    E’ sacrosanto alzare un bel polverone per eventi che non possono essere catalogati come “errori” ma gravi forme di negligenza che avvicinano i nostri pensieri alla malafede; nello stesso tempo, come non manca di sottolineare l’articolo, contro una così modesta Udinese era d’obbligo esprimere un gioco migliore: il Valeri show non deve distogliere l’attenzione dai limiti di un reparto offensivo che non segna nemmeno se i difensori avversari giocano con le scarpe slacciate! Escludendo Iago Falque, che sembra godere di un discreto autocontrollo, perché gli interpreti delle nostre azioni offensive dalla trequarti di campo avversaria in su vanno nel panico, perdono lucidità e fanno giocate elementari?
    Avessimo portato a casa i tre punti vincendo 2 a 0 con gol di Berenguer e Belotti su rigore non ci sarebbe stato da esultare troppo… Mazzarri ora che ha ben registrato la difesa deve sforzati un pochettino di più lì davanti,perché, a parte Iago, non abbiamo uomini dal dribbling facile o dalla fantasia illuminante, dunque forse è il caso di lavorare un pochetto di più sui movimenti, gli scambi sullo stretto, i cross, i tiri da fuori, che ne so(?), ma il niente assoluto di domenica è l’errore di un reparto che per livello gravità si avvicina di molto a quelli di Valeri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 2 mesi fa

      In due parole manca Ljacic.
      WM e’ ormai conosciuto per la cura maniacale della difesa. Ma non vorrei che questo fosse tutto. L aver impostato una squadra escludendo l unico che dal tuo ragionamento manca, mi sempbra poco logico. Belotti per andare sopra i 20 gol deve avere I cross di zappacosta (venduto) e le imbeccate di Ljacic (venduto). Ora l unico che fa questo e’ iago.
      Vedremo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

        I cross di Zappacosta…???? A me il giocatore piaceva tantissimo ma i cross per l’amor del cielo ne azzeccava 1 su 7…..Su Lijaic sono d’accordo…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toro71 - 2 mesi fa

    Io aggiungerei un’altra cosa. Se oltre agli innumerevoli orrori arbitrali che puntualmente dobbiamo subire i nostri attaccanti si degnassero di segnare un gol non staremmo qui a lamentarci sempre ed esclusivamente dei torti subiti. Zaza e Belotti prendono 2 milioni di euro all’anno e quindi penso che siano ben pagati dal nostro presidente Cairo. Dobbiamo finirla di lamentarci e acquisire una mentalità vincente perché quest’anno la squadra è forte e competitiva. Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 mesi fa

      Assolutamente, volevo commentare proprio questo.
      Un goal e basta finora, non basta, e non credo sia solo colpa degli ultimi passaggi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Complimenti, i suoi articoli sono sempre godibilissimi per acume, ironia e autoironia:)
    Direi i migliori di quelli che mi capita di leggere su Toro News, insieme alle interviste del grande Rampanti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. JoeBaker - 2 mesi fa

    Ahia! Quante verità…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy