Glik resterà nel cuore di chi ama il calcio e il Toro

Glik resterà nel cuore di chi ama il calcio e il Toro

Tocco di Mano / Arrivederci capitano: un’annata molto storta, non può cancellare 5 stagioni di passione. Un giocatore che ha lasciato un segno profondo, in un calcio dove ormai le bandiere non esistono più perché l’intero sistema di vertice, forse, non le vuole veder sventolare…

Non ha vinto nulla – spero e gli auguro di cuore che possa farlo in carriera – come tanti di quei giocatori che al Toro, per svariati motivi, non hanno alzato neppure un trofeo. Eppure Glik è riuscito ad entrare nel cuore dei tifosi, con il suo carattere “tosto fuori-morbido dentro” ha lasciato un segno profondo nella storia del Torino. O almeno in quella del rinato Torino Fc che prima di lui vide tanta passione in Rolando Bianchi e in pochi altri.

É arrivato sotto l’ombra della Mole da sconosciuto, avvolto da una coltre di dubbi e incertezze. Lascia il capoluogo sabaudo come uno dei migliori difensori – anzi il migliore – degli ultimi 10 anni. Il Toro perde il proprio capitano, l’uomo attualmente in campo con più presenze in granata, il primo giocatore straniero ad avere l’onore di leggere i nomi degli Invincibili durante le celebrazioni del 4 maggio a Superga.

kamil glik super man

Glik lascia il Torino dopo 5 anni, 171 presenze, 13 gol, 6 assist e 15mila minuti gettando in campo ogni goccia di energia che aveva in corpo. In poco tempo ha saputo conquistare il posto da titolare e in altrettanto poco tempo Glik è riuscito a farsi volere bene dai tifosi: nonostante non fosse proprio il giocatore funambolico capace di far ammattire la piazza. E probabilmente è stato più semplice fare così, perché al Torino i giocatori ruvidi, tenaci  e coriacei, piacciono quanto quelli tecnici e dal piede aggraziato.

Ecco, i piedi. Quando è arrivato a Torino lì sotto c’erano le due classiche mattonelle con gli angoli acuminati, ma nonostante l’età della scuola calcio fosse passata da più di qualche anno, Glik è riuscito a migliorare anche sotto il profilo tecnico, oltre che tattico. Smussando quegli angoli aguzzi e imparando a gestire un intero reparto da solo.

JUVENTUS TORINO

Il momento clou del suo rapporto con il Torino – come tutti i tifosi ricordano – fu in quel derby del primo dicembre 2012 quando stese Giaccherini con un intervento ai limiti del regolamento: cartellino rosso e con la curva del Toro fu vero amore. Nacquero stendardi e striscioni in suo onore, uno in particolare: “I ragazzi della via Glik”.

Il punto più alto della sua carriera in granata è stato certamente il doppio confronto in Europa League contro lo Zenit di San Pietrobrugo: quando SuperGlik annullò l’Incredibile Hulk. Al ritorno segnò due reti, una fu annullata e al triplice fischio il Toro uscì a testa alta dalla competizione.

Ma come tutte le storie, anche quella con il capitano è ormai giunta al termine. Una cessione che porterà nuovi frutti al club, in un calcio dove ormai le bandiere non esistono più perché l’intero sistema di vertice, forse, non le vuole più veder sventolare…

Arrivederci Kamil. Magari in una sfida dal sapor europeo…

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata - 7 mesi fa

    Purtroppo noi nn avendo possibilità economiche x tenete i bravi giocatori nn avremo msi più bandiere.guardiamo solo ka fatica a reperire giocatori agli stipendi di cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RDS- toromaremmano - 7 mesi fa

    Si può sapere la cifra esatta che sarà pagata dal Monaco? Voi di TN parlate di 15 milioni, Sky di 10, altri siti di 11 o 12,
    addirittura un sito lo da a 8 milioni, ma dove sta la verità? Come mai cifre cosi’ discordanti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 7 mesi fa

    Se l’ultimo anno avesse tirato meno indietro la gamba per timore di farsi male, se avesse giocato i derby da capitano grintoso anziche da pulcino bagnato, se avesse aiutato la squadra nei momenti difficili dell’ultimo campionato, mi avrebbe lasciato un ricordo migliore.
    Ottimo difensore e degno capitano per due stagioni e altre due da combattente. Tuttavia non bastano a farne una bandiera. I capitani sposano una squadra per tutta la loro carriera e si chiamano Mazzola. Ferrini, Totti, Baresi, Buffon, Zanetti, Antognoni.
    Cerchiamo di distinguere un buon giocatore corretto e grintoso da un capitano vero e finiamola di fare l’esempio dei mille euro in più che uno di noi accetterebbe per cambiare lavoro..qui si parla di un milionario che accetta più milioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 7 mesi fa

      D’accordissimo al 100% sul discorso dei 1000 euro in più, è un paragone che non sta ne’ in cielo ne’ in terra. A me 1000 euro in più mi agevolano la vita alla grande, uno che guadagna 800 mila euro in un anno, incassa quello che io guadagno in 40 anni!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 7 mesi fa

        Esatto. E non dimentichiamo che la partenza di Glik è stata un affare per lui e per Cairo, non per i tifosi. Visto che la mettono sui soldi ..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. TORO1960 - 7 mesi fa

    Ciao Capitano, sarai sempre uno di Noi come Matteo Darmian! FORZA VECCHIO CUORE GRANATA SEMPRE E COMUNQUE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy