Toro, a Pescara conta solo vincere

Toro, a Pescara conta solo vincere

L’editoriale di Gino Strippoli / Con Belotti ancora in forse i granata devono ritrovare la via del gol per cogliere i tre punti

6 commenti

Il Torino arriva a Pescara dopo due risultati negativi, visto che oltre la sconfitta di Bergamo anche il pareggio contro l’Empoli si deve annoverare come una delusione. Due partite abbordabili che i ragazzi di Mihajlovic avrebbero dovuto far proprie ed invece il bilancio piange grazie alla conquista di un solo punticino. Un punto che è anche la media granata di questo inizio campionato dopo 4 partite giocate. Ci si aspettava sicuramente di più questo al di là delle assenze per infortunio di Ljajic, Ajeti e Belotti. Ad aggiungersi a tutto ciò è arrivata la rottura del crociato di Molinaro che renderà ancora più difficile il lavoro per l’allenatore granata.

Questa sera il Toro deve scendere in campo con un solo risultato in testa: vincere, anche perché le successive partite contro la Roma e la Fiorentina attualmente sembrerebbero proibitive se arrivassero dopo un’altra partita negativa con gli abruzzesi.

Sicuramente Mihajlovic avrà impartito ai suoi ragazzi le giuste motivazioni e dettato il giusto piglio per tornare a Torino con i tre punti.

Difficilmente Belotti sarà della partita dal primo minuto, sarebbe assurdo rischiarlo, magari potrebbe entrare se il Toro non avrà sbloccato il risultato. Sicuramente se il ‘Gallo’ entrerà sin dal fischio d’inizio allora i granata saranno ben armati per gonfiare la rete.

Con Molinaro infortunato e perso per l’intera stagione la logica vorrebbe assegnare la sua maglia al giovane Barreca ma non mi stupirei se Mihajlovic destinasse in quel ruolo Joel Obi. In passato quando vestiva la maglia nerazzurra il nigeriano ha giocato come terzino affrontando proprio i granata. Diciamo che Obi dal punto di vista di prestanza fisica e di esperienza da sicuramente più garanzie ma a volte la spregiudicatezza giovanile dà grandi risultati.

Quindi se Obi dovesse arretrare la sua posizione attuale, il centrocampo granata potrebbe essere formato in cabina di regia da Valdifiori, a meno che non gli si voglia dare un giorno di riposo e rispolverare Vives che ha sempre fatto bene quando è stato chiamato in campo. Al fianco del regista che sarà scelto dovrebbe esserci a destra Acquah e a sinistra potrebbe spuntarla Benassi su Baselli. Il capitano dell’Under 21 in Nazionale svolge proprio il compito come mezzala sinistra. Una possibilità di essere della partita potrebbe averla anche Davide Zappacosta al posto di un De Silvestri ancora non al massimo della forma.

Il valore aggiunto granata sarà avere in panchina sin dal primo minuto proprio Sinisa Mihajlovic capace di dare i giusti imput durante lo svolgimento della gara.

L’importante sarà ritrovare il Toro che comunque ha fatto bene sia con il Milan che contro il Bologna sfornando un pressing alto ma redditizio, poi con il Milan solo un rigore negò ai granata l’imbattibilità di giornata ma la prestazione era stata positiva. Un pressing invece non più trovato nè con l’Atalanta nè con l’Empoli. E’ ora di fare gioco e che i giocatori seguano per bene i dettami di Mihajlovic per vincere questa delicata partita.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ddavide69 - 3 mesi fa

    e infatti abbiamo vinto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luigi-TR - 3 mesi fa

    oggi conta fare risultato, le ultime due deludenti prestazioni, sia in fatto di corsa che di gioco non lasciano adito a voli pindarici…il Pescara corre e anche tanto…noi siamo lenti e senza idee e costruiti strada facendo…
    Sempre Forza Toro !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pimpa - 3 mesi fa

    Il calcio proposto dal nostro “allenatore” non è fatto di equilibri,ma di pallate in avanti, falli a più non posso e basta.
    Per fare risultati, nel calcio odierno, servono tre cose: primo, giocatori bravi tecnicamente, secondo una buona condizione fisica perché il calcio è movimento continuo e ben fatto, terzo un buon allenatore.
    A noi manca tutto questo, direi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granata - 3 mesi fa

    Speriamo di trovare finalmente equilibri e gioco. Non basta andare alla carica per un tempo e poi finire presto spompati. Sono un po’ perplesso sull’ utilizzo (almeno così pare) dei “senatori” Vives e Moretti. Mihajlovic non doveva valorizzare i giovani? Lukic, ad esempio, che fine ha fatto? Mah, forse anche Miha, come già Ventura, punta sull’ usato sicuro.Ma con Ventura l’ anno scorso siamo finiti dodicesimi, non proprio un risultato esaltante. Speriamo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. digeppe - 3 mesi fa

    Non basta l’allenatore per fare risultati, ci vogliono buoni e motivati calciatori, il Torino non li ha!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ddavide69 - 3 mesi fa

    Anche con l’empoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy