Una bella serata da #ToroDelFuturo

Una bella serata da #ToroDelFuturo

La Coppa Italia Primavera è granata per l’ottava volta nella storia: una vittoria frutto del gran lavoro dei singoli e del collettivo, che deve essere un punto di partenza

di Diego Fornero, @diegofornero

Il futuro: è questo il concetto chiave, quasi l’ossessione, di questa rubrica che torna a prendere vita dopo oltre un anno e mezzo e lo fa nel momento più bello, all’indomani di una vittoria a San Siro che i ragazzi della Primavera del Torino difficilmente potranno mai dimenticare.

La Coppa Italia di categoria si è tinta di granata per l’ottava volta, ribadendo quello che per il Toro – benché il successo mancasse da 19 lunghi anni – era già un record sul panorama nazionale. Soprattutto, si tratta del primo successo di Federico Coppitelli, che ha avuto il difficile compito di raccogliere l’eredità di Moreno Longo – protagonista di una straordinaria doppietta Scudetto – Supercoppa Italiana nel 2015, e che ha saputo interpretare al meglio il suo ruolo, sfruttando appieno le caratteristiche dei singoli e dando un gioco interessante alla squadra, confermando la sua nome di “Golden Boy”, che l’aveva portato a vincere il tricolore sulla panchina dei Giovanissimi e Allievi della Roma.

LA “NORMALITÀ” DI UNA VITTORIA

Analizziamo lucidamente la notte di San Siro: in una partita difficile – perché nel primo tempo il Toro ha ricordato quello che si era congedato dal Filadelfia la scorsa settimana, stretto nella propria metà campo e preda delle sfuriate rossonere dopo aver conquistato il doppio vantaggio – è stata proprio la “normalità” a prevalere, l’organizzazione, la pazienza, un lavoro difensivo non così meticoloso ma comunque rognoso, che ha portato gli avversari, di fatto, a concludere in porta una volta sola pur mantenendo il pallino del gioco.

Avevamo invocato testa ed anche pazienza e gli ingredienti fondamentali non sono mancati: tanto che il gol di Borello – approdato in granata a gennaio senza clamori, stasera con una maglia numero 7 che gli calzava davvero a pennello, così rapido e libero di spaziare sulla destra – è sembrato quasi una conseguenza naturale.

Dopo le vittorie pesantissime contro Juventus e Roma, e dopo il colpaccio dell’andata in un Filadelfia che sapeva davvero di “calcio di una volta”, quello di ieri sera è stato il lieto fine di un percorso che, in realtà, deve essere un punto di partenza.

DARE CONTINUITÀ

Sembra scontato dirlo, quando si parla di ragazzi, ma la cosa che conterà di più – senza nulla togliere a trofei che è sempre bello alzare al cielo – sarà riuscire a dare continuità al grande lavoro che è stato fatto su questi giocatori. Del resto, i frutti di quanto seminato iniziano ad intravedersi: fa bene Massimo Bava, responsabile del vivaio, a sottolineare i numeri importantissimi del Torino in termini di produzione di giocatori professionisti, e fa quasi sorridere pensare che ieri mancassero per infortunio due dei più grandi talenti cresciuti in granata. Parliamo di Vincenzo Millico, fantasista classe 2000 che nel suo momento migliore di forma ha cambiato volto alla squadra, e di Alessandro Buongiorno, difensore classe ’99 protagonista di uno degli esordi in Serie A più sfortunati di sempre (subito un infortunio al braccio).

Proprio Buongiorno, del resto, ieri non ha rinunciato a godersi l’affetto del pubblico, presentandosi con la Coppa in mano tra gli applausi della Maratona itinerante. Non contano soltanto le vittorie, nella loro effimera bellezza, ma anche gli abbracci, gli applausi, la gioia e la voglia di guardare ogni giorno avanti, investendo… Indovinate in cosa? Nel #ToroDelFuturo, naturalmente.  Complimenti ragazzi!

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata1950 - 5 mesi fa

    Speriamo che queste vittorie unisca tutti tifosi Pro E contro la Società (Cairo) ce gente che lavora seriamente con Capacita.Noi Facciamo i Tifosi (magari mugugnando) MA lasciamo lavorare i Vari Bava-Benedetti- Ecccc. SEMPRE SEMPRE FORZATORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. carla.gerardin_712 - 5 mesi fa

    Complimenti ragazzi… Che ne dite di dedicare questo Trofeo al grande MONDO e all’ultimo INVINCIBILE (Tomà)? Penso che ovunque siano , saranno FIERI di voi…
    Sempre e comunque FORZA TORO!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy