Un derby tutto particolare!

Un derby tutto particolare!

L ‘editoriale di Gino Strippoli / Mai così importante non perdere

Commenta per primo!

Sabato 31 ottobre sarà sicuramente ricordato come il derby torinese da caccia alle streghe. Nella serata di Hallowen, chi riuscirà a togliersi di dosso gli spiriti negativi che aleggiano sui risultati del Toro e della Juve in questo scontro diretto sicuramente proseguirà in un cammino positivo in campionato. Perdere oggi potrebbe avere conseguenze devastanti.

Il distacco di soli tre punti del Toro nei confronti dei “cugini” non può far guardare l’avversario dall’alto verso il basso, anche se lo scalino c’è.  La partita, come ogni derby, non conosce un vero pronostico, può succedere di tutto e di più, soprattutto affrontando una Juventus che sa molto di periodo manfrediano. I granata dovranno assolutamente sfruttate il vantaggio psicologico rispetto ai bianconeri, che di certo stanno molto peggio della squadra di Ventura. Si affronteranno anche due ex compagni di squadra a Palermo: Dybala e Belotti, gli ultimi due prodotti di Zamparini. Il granata ha una grande voglia di far esultare per la prima volta i propri tifosi, che hanno già incensato la grinta granata del ragazzo.

Sarà assolutamente una partita che verrà vinta da chi terrà in campo maggior concentrazione e a riguardo Glik e soci daranno il massimo per ingabbiare gli avversari, poi dovranno pensarci i vari Peres, Baselli, Quagliarella e uno tra Lopez e Belotti a travolgere il reparto arretrato avversario capitanato da Buffon. Un occhio di riguardo il Toro dovrà tenerlo anche a centrocampo, dove in questi ultimi tempi è un po’  mancato il giusto filtro capace di interdire i movimenti avversari aiutando così la difesa.

Se la Juve perde è fuori da ogni gioco in campionato anche per un ingresso europeo, mentre il Toro deve vincere per poter continuare la sua crescita, ma sopratutto riprendere il cammino di vittorie interrotto da un mese.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy