Torino-Genoa: 2-1, prima la beffa, poi la rimonta nel recupero

Torino-Genoa: 2-1, prima la beffa, poi la rimonta nel recupero

All’intervallo / Kouamè spaventa i granata, poi la bomba di Ansaldi e il rigore di Belotti

di Marco Parella

Il ritorno di Walter Mazzarri sulla panchina del Grande Torino dopo i controlli medici coincide con una sfrontata sorpresa: il portierino genoano classe ’97, Andrei Radu, dovrà infatti opporsi fin dal primo minuto al tridente Falque-Belotti-Zaza. Per il resto, confermati tutti i titolarissmi, da Izzo, Djidji e Nkoulou in difesa a Meitè-Rincon in mediana, con Ansaldi e De Silvestri sulle fasce. Murgita, allenatore genoano di giornata vista la squalifica di Juric, schiera là davanti i sui pezzi forti Piatek, Kouamè.

Il Toro inizia convinto di dover fare la partita e prova a testare la solidità del bunker rossoblu già al quarto minuto con un bello scambio Ansaldi-Falque sulla sinistra, con lo spagnolo che poi crossa verso il centro dell’area, ma trova la testa di un difensore. Riscuote applausi la coppia difensiva Nkoulou-Djidji, con l’ex Nantes che si permette anche una discesa in avanti condita da dribbling e tiro, deviato. A cavallo del quarto d’ora di gioco, due occasioni, una per parte. Il Genoa va vicinissimo al gol con un tocco sottoporta di Piatek su invito dalla sinistra. Il pallone si stampa sull’incrocio dei pali, poi Kouamè non riesce a inquadrare la porta sulla ribattuta. Sul ribaltamento di fronte, cross di Zaza, testa di Belotti in torsione e palla a lato di poco.

Al 27esimo gli ospiti rimangono in dieci: intervento pericoloso di Romulo su Meitè, l’arbitro prima pensa al giallo, poi estrae il rosso diretto. Murgita corre subito ai ripari e sostituisce, un po’ a sorpresa, Piatek per Gunter. Stizzito il bomber polacco. Nonostante la superiorità numerica i granata non riescono a rendersi pericolosi e a sbloccare il risultato è il Genoa. Corner dalla destra, a centro area svetta Romero che, nell’immobilismo generale, recapita il pallone a Kouamè. L’unico attaccante rimasto nell’undici ligure è tenuto in gioco da Belotti: ha tempo di controllare e battere Sirigu da due metri. Tutto troppo facile.
Al 39esimo bel filtrante di Falque per Ansaldi, uno dei più attivi nella prima frazione, che scarica un tiro-cross fuori non di molto.

Quando già si pensava a un intervallo triste, Ansaldi estrae il coniglio dal cilindro. Azione insistita in area rossoblu, il pallone arriva sui piedi del numero 15 che non ci pensa due volte ed esplode un tiro dal limite. Bomba imparabile per Radu, è 1 a 1. E come in un Toro-Genoa diventato ormai leggenda, pochi istanti dopo i granata raddoppiano: Falque messo giù in area da Sandro, è rigore. Calcia Belotti e passa la paura. Due a uno per il Toro al 45esimo.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marcohelg_385 - 1 settimana fa

    ma la famosa elasticita’ tattica di mazzarri abbiamo giocato con 5 difensori contro una squadra che era in 10…dico io togli diiji e giochi a 4 con ansaldi e de silvesti larghi dentro baselli e iago zaza gallo davanti! invece no! gioco bruttisssimo tutti ammassati e sconclusionati..l’unico ola aina che è un ragazzino ma pareva un veterano…vergogna..la classifica dice sorride per fortuna ma una squadra cosi promette poco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fscuticchio - 1 settimana fa

    quante volte il toro regala un tempo agli avversari? statisticamente quante volte il toro tira porta….nonostante il lungo possesso palla? Ok, son proprio questi i problemi del toro… ma per risolvere un problema occorre che lo stesso venga posto come problema……Mazzarri li considera problemi questi? se li pone queste considerazioni?
    Ogni partita…uguale..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TOROHM - 1 settimana fa

    Il secondo tempo ne facciamo 3 minimo.loro si sbilanceranno e sono uno in meno.
    Altrimenti andiamo a giocare le scommesse con i cavalli che è meglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 1 settimana fa

    Non va bene, non va niente bene, perche’ siamo 11 contro 10 e perche’, ancora una volta non segnamo con gli attaccanti su azione orchestrata, duecento e passa passaggi, settanta percento di possesso palla, eppure il genova prende piu’ calci d’angolo, prende una traversa e ci grazie due volte mancando un tocco in porta.

    Cosi’ non va proprio bene WM.

    Se i 3 punti arrivano oggi e se servono al morale bene ma la squadra ha un gioco imbarazzante, non segnano e prendono goal appena gli altri prendono palla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 1 settimana fa

    Il più brutto primo tempo degli ultimi anni. Vergognosi. Saremmo anche in vantaggio, ma una schifezza assoluta. Vedremo il secondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-1196220 - 1 settimana fa

      Veramente pietosi, condivido in pieno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 1 settimana fa

        Eh ma sesti in classifica, grossi proclami a fine partita, mi e’ piaciuta la reazione..

        In realta’ rimontato con azioni dei SINGOLI, che si sa, ci sono Ansaldi Iago Gallo sono tre ottimi giocatori, rovinati da uno che ha problemi seri di mente

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. dariog - 1 settimana fa

          😀

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy