Juve Stabia-Torino 1-1: una partita speciale per Ventura

Juve Stabia-Torino 1-1: una partita speciale per Ventura

Memorie Granata / A Castellammare di Stabia, i granata ricorrono a una melina infinita. Per il tecnico, in quel momento la squadra è stata forgiata

4 commenti

Il 17 marzo 2012 il Torino pareggiava 1-1 nella prima gara di sempre giocata a Castellammare di Stabia, valida per la 31° giornata della Serie B 2011-2012. I granata, che scendevano in campo con la coppia Glik – Pratali come centrali difensivi e Darmian e Ogbonna sugli esterni, affrontavano una squadra campana vogliosa di mettere i bastoni tra le ruote a un avversario che lottava per la promozione. L’atteggiamento iniziale dei campani fu quello di una squadra racchiusa nella propria metà campo, che aspettava gli avversari senza accennare il minimo pressing. Ventura, per tutta risposta, impose ai sui difensori di scambiarsi la palla finchè non fossero riusciti a stanare gli avversari dalle proprie posizioni. Ne nacque così una partita noiosa come poche, con Glik e Pratali a passarsi la sfera per interi minuti di fila, senza che gli attaccanti avversari portassero la minima pressione. Per la cronaca, la partita finì 1-1: al vantaggio al 34′ di Sau rispose, sei minuti dopo, una rete di Sgrigna.

Giampiero Ventura, anni dopo, ha affermato che in quella partita “è nato il mio Toro, perchè i miei giocatori hanno capito che dovevano anteporre il noi all’io”.

JUVE STABIA – TORINO 1-1 (1-1)
Juve Stabia: Colombi, Baldanzeddu, Maury, Molinaro, Di Cuonzo, Erpen (all’86’ Caserta), Mezavilla, Di Tacchio, Zito, Danilevicius (al 70′ Falcinelli), Sau. A disposizione: Seculin, Cappelletti, Danucci, Tarantino, Beretta. All.: Braglia.
Torino: Benussi, Darmian, Glik, Pratali (all’81’ D’Ambrosio), Ogbonna, Basha, Vives, Surraco, Meggiorini (all’88’ Bianchi), Sgrigna, Stevanovic (al 59′ Antenucci). A disposizione: Gomis, Parisi, Guberti, De Feudis. All.: Ventura.
Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa.
Marcatori: Sau 34′ (J), Sgrigna 40′ (T).

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. TORERO - 2 anni fa

    ….sì, me lo ricordo bene quel quarto d’ ora di passaggi a centrocampo tra Glik e Pratali facendo un’assurda melina….come direbbe il mitico Fantozzi : ‘Un cagata PAZZESCA!!!’ oltre ad essere una mancanza di rispetto verso noi tifosi e verso il gioco del calcio stesso…ed il vecchio rincoglionito di Ventura ha il coraggio di definirla una ‘partita speciale’ ….Dio in che mani siamo speriamo che Tavecchio se lo porti via….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scott - 2 anni fa

    Uno stadio intitolato alla leggenda, un pubblico che ci adorava, una figura di merda colossale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. calvetto_335 - 2 anni fa

    Quel giorno ero presente al Romeo Menti di Castellammare, dopo più di 10 ore di treno da Torino.
    Lo stadio era pieno, gli stabiesi contenti di ospitare il Toro e anche il nostro settore era abbastanza gremito, per lo più da tifosi granata del centro e sud Italia.
    Dopo alcuni minuti facevamo fatica a credere ai nostri occhi. Un atteggiamento vergognoso da parte dei nostri. I tifosi di casa che avevano mostrato estremo rispetto nei nostri confronti, cominciarono a fischiare sonoramente i nostri giocatori e dopo un po’ cominciammo anche noi.
    Mi vergognai profondamente quel giorno, pensavo ai miei fratelli granata di Napoli, della Puglia, della Sicilia ecc. che avevano poche occasioni di vedere il Toro dal vivo e dovevano sorbirsi quello spettacolo vergognoso e senza precedenti: 80 minuti di passaggi tra i nostri difensori, mai visto nulla del genere, nè prima, nè dopo. Da quel giorno cominciai a disprezzare Ventura e non ho mai smesso. Mi fai schifo e non per i risultati (alcuni buoni, altri meno) ma perchè sei l’esatto contrario di cosa significa TORO e non hai mai avuto rispetto dei tifosi. VATTENE ! SEI UN ESSERE RIPUGNANTE !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TORERO - 2 anni fa

      …pienamente d’accordo con te : il nostro cabarettista smascherato non sa e non ha ancora capito ppoprio un cazzo del mondo Granata…non c’entra proprio niente con noi….tu l’hai capito da quella partita io invece un po’ piu’ tardi ed esattamente dal primo suo derby, quello tanto per intenderci terminato 3-0 per le merde e dove Glik fu espulso ingiustamente…li ha proprio incominciato a darmi fastidio l’atteggiamento attendista e rinunciatario del Toro….se penso ai derby del nostro Paolino….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy