Heysel, il Torino ricorda la tragedia di 31 anni fa

Heysel, il Torino ricorda la tragedia di 31 anni fa

Memoria / La società granata prega per le 39 vittime cadute in occasione della finale della Coppa dei Campioni

5 commenti

31 anni fa accadeva una delle stragi più gravi nel mondo del calcio: in occasione della finale della Coppa dei Campioni, 39 tifosi persero la vita in un incidente avvenuto all’interno dello stadio, che causò anche circa 600 feriti.

Il Torino non dimentica e celebra l’anniversario della scomparsa dei tifosi presenti all’Heysel:

 

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. abatta68 - 8 mesi fa

    … e sono sicuro che quell’ 1 che dà i non mi piace sia sempre lo stesso, ovvero lo stesso stronzo che ogni curva nel mondo, per sua disgrazia, gli tocca sopportare e che spesso espone striscioni scritti con un pennarello, in un italiano alquanto discutibile, pensando di incarnare il pensiero di uno stadio intero, sputtanando sistematicamente un’intera tifoseria agli occhi dei Media. Bisognerebbe rendere la scuola obbligatoria alla domenica per questi “geni”, altro che Daspo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 8 mesi fa

    Chi non rispetta i morti non merita rispetto: vada quindi anche a queste 39 persone il ns pensiero e una preghiera.
    Nessuno meglio di noi sa valutare questo tipo di tragedie…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS - 26/04/15 Toro 2 - Merde 1 - 8 mesi fa

    Giusto ricordare, quel giorno morirono 39 persone non 39 juventini, non scendiamo ai livelli dei cerebrolesi che inneggiano a Superga, noi siamo superiori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Achille - 8 mesi fa

      Esatto,condivido.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. abatta68 - 8 mesi fa

    Io ho avuto un caro amico di infanzia che quel giorno era li, fortunatamente perse il biglietto del settore Z e fù costretto a comprarne un altro a Bruxelles in un altro settore. Quello che vide all’uscita dello stadio non se lo dimentica ancora oggi… dopo 30 anni le partite se le vede davanti alla tv.
    Certi cori che ogni tanto si sentono, sarebbe meglio lasciarli a chi dell’ignoranza e stupidità ne fà una ragione di vita… a me non verrebbe mai di entrare in un cimitero e mettermi a inneggiare sulla tomba di un poveretto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy