Primavera, Torino – Juventus 1-1: il pari è il risultato più giusto

Primavera, Torino – Juventus 1-1: il pari è il risultato più giusto

Derby Primavera, Torino – Juventus 1-1 / A Debeljuh risponde Clemenza. Granata più cinici, bianconeri più attenti in copertura

Un pareggio che accontenta entrambe. Il Torino di Moreno Longo colpisce quando meno le maglie bianconere se lo aspettino. Buon avvio della formazione di Grosso, che grazie a Lirola e Muratore pungono sulla corsia di destra dove Procopio fatica a reggere le offensive dei bianconeri. Granata che agiscono di sorpresa, presentandosi con il destro debole di Gjuci da ottima distanza, sporcato dalla scivolata di Romagna che mantiene così a galla i bianconeri. I granata faticano ad imbastire azioni corali, ma sfruttano la velocità di Zenuni e Segre per colpire in contropiede. Dopo l’ottima occasione sprecata da Candellone al 37’, arriva sei minuti più tardi la rete che apre le danze di questo derby: Zenuni serve ottimamente Debeljuh, che approfitta dell’uscita errata di Vitale per battere a rete, siglando così la rete del vantaggio granata, apparsi aridi a livello propositivo ma cinici ed esplosivi al momento opportuno. Nella ripresa Segre prova dopo una manciata di secondi ad impensierire Vitale con un destro da fuori area, che l’estremo portiere bianconero battezza (anche se per poco) fuori dallo specchio della porta.

Il Torino controlla la partita affidandosi al giro palla orchestrato dai centrali, la Juventus prova a pungere in contropiede senza però impegnare Zaccagno. Al 21’ Clemenza, appena entrato, mette i brividi all’estremo difensore granata con un sinistro che esce di poco alto sopra la traversa. Cinque minuti più tardi arriva il pareggio dei bianconeri, siglato da Clemenza, che sfugge alla trappola del fuorigioco, battendo di mancino Zaccagno. Juventus che dopo il pareggio e gli ingressi di Udoh e Clemenza cambia volto, mentre il Torino fatica a macinare metri. Longo si gioca la carta Edera, che non varia però di molto una gara monotona. Un risultato giusto e che accontenta entrambe le compagini, con i granata più cinici e pericolosi sotto porta, soprattutto nella prima frazione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy