La difesa del Napoli: Koulibaly assenza pesante, Sarri pensa a come sostituirlo

La difesa del Napoli: Koulibaly assenza pesante, Sarri pensa a come sostituirlo

L’avversario / La difesa del Napoli è la seconda migliore della Serie A, ma si presenterà alla partita contro il Toro senza un singolo capace di fare la differenza: Kalidou Koulibaly

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Kalidou Koulibaly ha vissuto una settimana molto particolare: prima è stato l’eroe della vittoria contro la Juventus e ora è il maggiore indiziato del Napoli che è naufragato a Firenze. Dopo il goal all’ultimo respiro nella sfida Scudetto, si è fatto espellere nelle battute inziali del match di domenica che ha decretato l’allontanamento – forse – definitivo dei partenopei dalla vetta bianconera. Per questo Sarri dovrà ridisegnare la propria linea difensiva e sostituire un giocatore del calibro di Koulibaly – tra l’altro in goal nella gara d’andata – non sarà una cosa semplice. Il Napoli è la seconda miglior difesa del campionato in virtù dei soli 26 goal subiti. Il centrale senegalese è sempre stato in campo, meno che in tre occasioni se includiamo l’espulsione di domenica. In questi 274 minuti il Napoli ha subito ben 6 reti: la media è semplice, 2 a partita senza di lui.

Torino FC v SSC Napoli - Serie A

SPARTITO – Detto questo, grazie all’attenzione maniacale per l’aspetto tattico, sin dal suo arrivo ai piedi del Vesuvio, il tecnico toscano è riuscito a registrare un reparto che, a parità di uomini, subiva molte più reti: nelle 145 partite di Sarri sulla panchina del Napoli la media di goal subiti è di 0,96, mentre nei tre anni con Benitez era di 1,24 a partita. Tutto ciò grazie ad un grande lavoro sul reparto nella sua interezza e sui principi oltre che sulle qualità dei singoli: è uno spettacolo osservare il modo in cui la linea si muove all’unisono, sintomo di una grande organizzazione di gioco. Nella difesa di Sarri tutti i singoli sanno che musica suonare in uno spartito pressoché perfetto.

COSTRUZIONE – L’orchestra di Sarri produce gran bella musica: nella difesa a 4, i centrali – solitamente Koulibaly e Albiol – sono i primi a contribuire in fase di costruzione dell’azione e gli esterni – solitamente Hysaj e Mario Rui visto il lungo infortunio di Ghoulam – sono molto mobili e risultano determinanti nella doppia fase. Durante il giro palla, capita spesso di vederli occupare gli spazi offensivi lasciati dai movimenti di Insigne e Callejon. Il pressing forsennato della squadra, e la compattezza tra i reparti, porta la linea difensiva a rimanere molto alta: i giocatori azzurri cercano di recuperare la palla correndo in avanti, esponendosi talvolta a ripartenze pericolose. Anche per questo l’assenza di Koulibaly potrebbe pesare: essendo il difensore più veloce è colui che è solitamente deputato a recuperare in questo tipo di situazioni. Inoltre a sostituirlo potrebbe essere uno tra Chiriches e Tonelli, che anche in quanto a costruzione di gioco hanno meno qualità del senegalese.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabrizio - 3 settimane fa

    anche le riserve del napoli sono abbastanza da rifilarci 3-4 pappine

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13814870 - 3 settimane fa

    nessuna importanza…non ci sono chances x noi …ma a questo punto ogni partita è indifferenza..speriamo proprio che il Napoli le vinca tutte e che ci sia giustizia negli arbitraggi.. Non con uno come Orsato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 settimane fa

      Intanto un altro turno con la juve che gioca prima.

      e’ talmente palese che e’ assurdo.

      han giocato praticamente tutto il campionato in anticipo, che merde, che schifo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy