Sampdoria-Torino: granata sciuponi in avanti e distratti dietro

Sampdoria-Torino: granata sciuponi in avanti e distratti dietro

L’analisi a mente fredda / Acquah dà sostanza in mediana, mentre Baselli si dimostra non in forma. Bene il tridente finale

2 commenti

Un punto da prendere ed archiviare, ma che di fatto non può soddisfare appieno il Torino di Ventura, dichiaratamente arrivato a Marassi per vincere, come è giusto che sia. Il fatto che il 2-2 granata sia maturato al 94′, conferendo alla partita una luce diversa, non cambia la sostanza: il Toro ha sciupato diverse occasioni interessanti e si è dimostrato disattento in disimpegno e fase difensiva, regalando prima il momentaneo 1-0 a Muriel, e poi concedendo a Soriano la botta da fuori per il 2-1 Sampdoria.

DIFESA – Il trio difensivo capitano da Capitan Glik non ha reso al massimo delle proprie potenzialità, come da un po’ di tempo a questa parte. Il centrale polacco ha alternato ottime chiusure a momenti di eccessiva foga, dimostrandosi leggermente sotto gli standard quantitativi che ci si aspetta da uno come lui. Anche Emiliano Moretti, pur difendendo con il consueto ordine, ha avuto qualche sbavatura di troppo: suo l’errore in marcatura che ha permesso a Muriel di portare in vantaggio la Samp. Il più preciso, nel complesso, è stato Maksimovic, capace di romper gli schemi portando palla oltre la metacampo, e assolutamente intoccabile in marcatura.

Nikola Makismovic, il più positivo tra i difensori granata contro la Sampdoria
Nikola Makismovic, il più positivo tra i difensori granata contro la Sampdoria

CENTROCAMPO – Nel complesso, meglio nel primo tempo che nel secondo. La mediana Benassi-Gazzi-Acquah non può costruire gioco, ma il lavoro che doveva essere fatto in fase di non possesso e in quella di scarico è stato fatto con discreti risultati. Buonissima come al solito l’interdizione del numero 14 granata davanti alla difesa, così come quella di Acquah, capace anche di toccare il pallone ai compagni con alterne fortune. Sulla coscienza del ghanese, però, pesa il contropiede non sfruttato nel primo tempo, quando la palla andava scaricata su Belotti. Di quantità la prestazione di Benassi, un po’ confusionario ma comunque reattivo; meno positivo del previsto, invece, l’impatto sulla gara di Baselli: da lui ci si attende di più, e al di fuori di alcuni spunti interessanti, il centrocampista ha evidenziato un debito di energie e fosforo palese.

Contro la Sampdoria è' mancata la qualità di Baselli, apparso sotto-tono una volta inserito in campo
Contro la Sampdoria è’ mancata la qualità di Baselli, apparso sotto-tono una volta inserito in campo

ATTACCO E FASCE – Ottimo lavoro per Zappacosta, meno per Gaston Silva: il numero 7 granata ha impensierito con le sue scorribande la difesa della Sampdoria per tutti i 90′, andando al cross in ben 6 occasioni, anche se i suoi traversoni non sono stati raccolti dai compagni; l’uruguaiano, invece, ha evidenziato limiti tecnici e tattici abbastanza importanti, pur sfoderando una buon carattere e una discreta propensione al sacrificio. La sua fase difensiva è in miglioramento. Per quanto riguarda l’attacco, bene, anzi benissimo il tridente Maxi Lopez-Immobile-Belotti: il primo ha dato peso e sostanza in area di rigore, pur toccando pochi palloni, mentre la coppia d’oro granata è stata decisiva per assist e gol. Su Belotti, però, pesa la palla persa sul 2-1 di Soriano. Solito discorso, invece, per Martinez: il venezuelano si muove bene e dimostra grande voglia, ma fatica incredibilmente nel vedere la porta. Quando esce, la partita cambia. In meglio.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. robert - 2 anni fa

    bisogna cacciare subito l’allenatore prima che ci riporti in Serie B.Sono due anni che lo dico !!La volete capire o no !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 2 anni fa

    Sono solitamente molto critico con la squadra ma ieri devo dire che il pareggio ci è andato stretto anche se acciuffato all’ultimo.
    Acquah ha sbagliato meno del solito anche se quel tiro con nessuno davanti andava indirizzato meglio.
    Gazzi ha passato un poco meno in orizzontale.
    Zappacosta ha corso come un forsennato.
    Benassi cosi cosi
    Silva a mio avviso andava venduto.
    Martinez corre corre e poi…(mi piacerebbe vederlo nel tridente).
    Belotti sciupa ma corre veramente veramente tanto.
    Ciro, che dire, serve come il pane!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy