Serie A, 31 anni dopo il Toro è di nuovo a +6 sulla Juventus

Serie A, 31 anni dopo il Toro è di nuovo a +6 sulla Juventus

La giornata di Serie A / Solo l’Inter a punteggio pieno tra la big. Juventus a 0 punti, da spettacolo il Chievo Verona

12 commenti

Trentuno anni, tanto era passato dall’ultima volta che il Toro si era ritrovato con 6 punti di vantaggio sulla Juventus in campionato. Era la stagione 1984/85, quella dell’arrivo di Maradona in Italia, quella, per i granata, del secondo posto alle spalle dell’Hellas Verona. Le vittorie contavano ancora due punti e all’ottava giornata i granata si trovarono a 14 punti con la Juventus ferma ad 8. A distanza di tre decenni l’evento si è (finalmente) ripetuto; inoltre per la prima volta dalla stagione 1993/94 il Torino è rimasto davanti alla Juventus in classifica per più di una giornata: allora fu dalla prima alla quarta giornata, adesso sarà, male che vada, dalla prima alla terza.

BIG, CHE FATICA – Ma quella che si è appena conclusa è stata una giornata che ha sconvolto molte delle gerarchie storiche della Serie A. La Juventus infatti per la prima volta nella sua storia ha perso le prime due partite del campionato e si trova mestamente all’ultimo posto in classifica in compagnia delle tre neopromosse Bologna, Carpi e Frosinone (queste ultime due ancora a caccia del primo storico punto in Serie A)  e dell’Empoli, battuto a fatica dal Milan a San Siro sabato sera. Ma se la Juve perde e il Milan soffre, il Napoli di Sarri non fa meglio e dopo la sconfitta dell’esordio si fa recuperare 2 gol di vantaggio (realizzati dal solito Higuain) dalla non irresistibile Sampdoria di Zenga, trascinata anch’essa dal suo bomber, Eder. Dopo 2 partite Milan, Juventus e Napoli hanno 4 punti in 3: alzi la mano chi se lo sarebbe aspettato.

SPETTACOLO CHIEVO – Al contrario dominano la classifica le cosiddette medio-piccole, che poi tanto piccole evidentemente non sono: punteggio pieno (oltre al Toro) infatti per il Sassuolo che sabato ha vinto a Bologna, per il Palermo, che ha replicato l’1-0 ottenuto contro il Genoa anche ad Udine, e soprattutto per il Chievo Verona della sorprendente coppia Meggiorini-Paloschi autrice di 5 gol in due partite, con l’ex granata che per gradire ha confezionato pure due assist. I veneti ieri hanno stupito tutti annichilendo la Lazio con un 4-0 senza repliche che ha mandato su tutte le furie Lotito. Per i biancocelesti dopo la Supercoppa persa e l’addio alla Champions League nei preliminari è arrivato così un altro amarissimo boccone da ingoiare e la stagione per gli uomini di Pioli pare già tutta in salita.

SORRIDONO INTER E ROMA – Uniche big a sorridere sono l’Inter e la Roma: i nerazzurri di Mancini vincono anche a Modena contro il Carpi trascinati sempre e solo dallo Jo-Jo, Stevan Jovetic, che firma i due gol del successo (il secondo su rigore) dopo che Di Gaudio aveva siglato il momentaneo pari realizzando il primo gol in A per gli emiliani. La Roma invece gode nel battere la Juventus con una punizione magica di Pjanic e il primo gol in giallorosso di Edin Dzeko; capitolini a 4 punti in classifica e a detta di tutti principali favoriti per il titolo: ma la strada è ancora lunga.

12 commenti

12 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Fava - 2 anni fa

    Chiedo scusa in anticipo, e non mi offenderò se qualcuno mi manderà affanculo, tutt!’altro lo comprenderò.
    Mai come quest’anno non me ne può fregare di meno dei gobbi di merda, penso che dovremmo esclusivamente guardarci allo specchio prima di ogni partita,partita dopo partita.
    È il nostro anno, lo sento, e della juve non me ne può fregare di meno se sara a -6, -10 o meno 2.
    L’importante è che stia dietro, e con lei tutte le altre!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 2 anni fa

      Incluso la Fiorentina, con buona pace dei colleghi di forum sostenitori del gemellaggio ( che NON condivido come tifoso).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabiococc_460 - 2 anni fa

    A me fa girare un po’ le balle sentir parlare del Toro come di una “piccola”.
    Ma piccola un par di ciufoli: abbiamo una storia che fa impallidire chiunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. maxmurd - 2 anni fa

    A me, e non solo a me, veramente risulta che nel 1921 è risuccesso che i gobbi fossero a 0 dopo 2 partite..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Yuri - 2 anni fa

      Quello che ho fatto notare sotto è ben più grave….a livello di un problemino delle elemantari…e l’ha ciccato!.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Yuri - 2 anni fa

    “adesso sarà, male che vada, dalla prima alla terza.”…mmmmmmmh…certo, perchè se vince la prossima giornata la gobba fà 7 punti?. Ma porca….manco i conti…ossignur…mi cadono le palle a leggere certe cose.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxmurd - 2 anni fa

      Mi spiace Yuri ma i conti son esatti. Male che vada loro ne vincon 2 e noi facendo scongiuri ne perdiamo 2, e saremmo a pari alla 4a giornata, quindi il vantaggio dura dalla prima alla terza!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Yuri - 2 anni fa

        Pareggio..non è vantaggio….eccheccazzo. 😀

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Yuri - 2 anni fa

          E fammi toccare di nuovo le balle và…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxmurd - 2 anni fa

            io a parlar di certe cose ho una mano fissa lì… 😉

            Mi piace Non mi piace
        2. maxmurd - 2 anni fa

          Infatti lui ha detyo che noi mal che vada saremo in vantaggio 3 giornate, non che loro torneranno in vantaggio alla 4a. Io leggo questo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Max63 - 2 anni fa

    Necessiteranno una decina di partite per capire se questo campionato sarà diverso dagli ultimi quattro. Noi dobbiamo stare tranquilli ed evitare voli pindarici. Godiamoci il momento ma testa bassa e lavorare. Teniamo conto che se mettiamo la testa troppo fuori ci fermano con i soliti mezzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy