Luca Toni: il pericolo numero uno dell’attacco veronese

Luca Toni: il pericolo numero uno dell’attacco veronese

Il capitano dell’Hellas è il giocatore più temibile, ma attenzione anche a Pazzini: partirà dalla panchina ma negli ultimi anni ha già punito il Toro

4 commenti

E’ lui, Luca Toni il pericolo pubblico numero uno al quale dovrà prestare attenzione il Torino domenica all’ora di pranzo, quando andrà in scena la sfida tra veronesi e granata. L’eterno bomber, campione del mondo nel 2006, nella città di Romeo e Giulietta è rinato e in due stagioni ha segnato la bellezza di 42 reti in campionato. Per quest’anno è ancora a secco, ma c’è da giurare che non ci resterà ancora per molto, per cui toccherà a Glik e compagni cercare di fargli passare almeno per un paio d’ore la ‘fame’ di gol e tenerlo a bocca asciutta. Non solo su di lui però può contare la squadra di Andrea Mandorlini, che in attacco dovrebbe affidarsi sempre al tridente, con Jankovic e Gomez esterni. Proprio Bosko Jankovic ha segnato finora l’unico gol dei veneti in campionato, alla prima giornata contro la Roma.

IF
L’esultanza dei giocatori del Verona dopo il gol di Jankovic contro la Roma (foto: Getty Images)

Da non sottovalutare però è l’arma che i padroni di casa potranno schierare a partita in corso: Giampaolo Pazzini. Il suo acquisto in estate ha fatto a lungo dibattere gli addetti ai lavori sulla possibilità di una coesistenza in campo con Toni. Mandorlini in partite ufficiali finora ha provato la coppia insieme solo nella sfida di Coppa Italia contro il Foggia, posizionando alle spalle dei due, come trequartista, Siligardi. Il Verona ha vinto quel match e Toni in quell’occasione ha pure trovato la rete ma evidentemente questo non è stato abbastanza per il tecnico, che in campionato non ha più riproposto questo esperimento.

Genoa CFC v Hellas Verona FC - Serie A
Giampaolo Pazzini viene anticipato dal portiere del Genoa durante Genoa-Verona (foto: Getty Images)

Probabile dunque che domenica all’ora di pranzo il ‘Pazzo’ si accomodi in panchina. Attenzione però qualora dovesse entrare in campo: per lui nelle ultime 3 stagioni sono già due gol contro i granata. La speranza è che in caso di sua discesa sul terreno di gioco sia la difesa del Toro ha impedirgli di esultare anche questa volta.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sergio Rossi - 2 anni fa

    Onore ad un campione con C maiuscola. Qualcuno l’aveva dato per defunto molti anni fa, appena passata la trentina, ma quando la classe e la serieta’ professionale prendono il sopravvento sull’eta’…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alberto Fava - 2 anni fa

    Immarcescibile, complimenti e speriamo che domenica il Capitano gli metta la museruola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    Un grande campione, magari avessimo preso lui invece di quel paracarro di Amauri,
    e tempo fa c’era qualcuno qui sul forum che metteva i due in questione sullo stesso peso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dbGranata - 2 anni fa

      Si Toni è un fuoriclasse. Un attaccante di quelli che ora non ci sono più tanto, adatto solo a un tipo di gioco ma decisamente bravo a sfruttare la minima occasione. Io onestamente quando lo prese il Verona non gli avrei dato due soldi, ora sono anni che sembra non invecchiare. Lui e Di Natale sembrano immortali.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy