Alfred Gomis, la grande muraglia granata

Alfred Gomis, la grande muraglia granata

Gli zero goal subiti dal Torino non devono ingannare: se i norvegesi, effettivamente, si sono avvicinati una sola volta alla porta in 90 minuti, sia i laziali del Marino, sia i cileni del Deportes Concepcion, hanno avuto le loro buone occasioni, murate da un estremo difensore che, questa volta, si…
Gli zero goal subiti dal Torino non devono ingannare: se i norvegesi, effettivamente, si sono avvicinati una sola volta alla porta in 90 minuti, sia i laziali del Marino, sia i cileni del Deportes Concepcion, hanno avuto le loro buone occasioni, murate da un estremo difensore che, questa volta, si é fatto trovare prontissimo.
 
IDEALE ANCHE PER ‘I GRANDI’ – Alfred Gomis, 20 anni da compiere il prossimo settembre, é un portiere completo, dotato di caratteristiche che, non a caso, possono considerarsi ideali anche per Mister Ventura e per la prima squadra, considerato quanto ama l’impostazione del gioco con i piedi. Se volessimo essere cattivi, e sportivamente lo si puó essere, con un ragazzo cosí giovane e con cosí tanto ancora da imparare, non si puó, peró, nascondere che, a volte, sia sceso in campo con un po’ di distrazione, che, in alcuni frangenti, per un portiere rischia di essere letale. A questo Viareggio, peró, Alfred ha sfoderato un’ottima prova di maturitá, non perdendo nemmeno per un secondo l’attenzione totale sul gioco, infondendo grande sicurezza ai compagni ed imponendosi come un vero numero 1, attirando su di sé anche non poche sguardi degli osservatori presenti. 
 
OSSERVATO SPECIALE – Sguardi da respingere? Macché! Proprio in questo fattore potrebbe risiedere il ‘segreto’ del successo della carriera di Alfred, che potrebbe trovarsi a ripercorrere la strada segnata dal fratello Lys (classe ’89, ora in prestito, come tutti sappiamo, ad Ascoli) ma con esiti, ci auspichiamo, totalmente diversi. Se di Lys si sono ammirate, da sempre, le doti tecniche e la reattivitá, rammaricandosi per il suo scarso utilizzo, merito anche di alcuni prestiti forse poco azzeccati, ció che auspichiamo é che, per Alfred, non avvenga lo stesso, e che, anzi, si lavori fin d’ora per garantirgli una crescita costante. Giá oggi, un ragazzo del ’93 é, tecnicamente, considerato un fuori quota, sia per la Primavera che per il Torneo di Viareggio: é evidente, dunque, che, dopo due stagioni consecutive da titolare, considerata anche quella passata, la Societá a giugno dovrá decidere cosa fare di lui, considerato che, simultaneamente, rientrerá alla base il fratello maggiore, ed uno solo potrá proporsi come riserva di (si spera) Gillet. Le spalle in Primavera, fra l’altro, sono coperte: i granata dispongono di un altro ragazzo, che ha percorso l’intera trafila nelle giovanili granata, e che, finché ne ha avuto l’occasione, ha dimostrato il suo grandissimo valore: Umberto Saracco, classe ’94, che potrebbe (e meritatamente dovrebbe) essere il punto di riferimento fra i pali per la prossima stagione di Primavera.
 
Una bella esperienza in prestito per Alfred? Ad oggi, potrebbe essere la strada piú saggia e percorribile: per quanto ci si giri intorno, un portiere, per crescere, ha bisogno di giocare e sentirsi importante, ancora di piú dei compagni. E allora ben venga la vetrina che il Viareggio gli sta offrendo, con l’auspicio che anche le sue parate possano portare lontano questo Torino, e che fra pochi anni Gomis Jr. possa essere un portiere da Serie A, magari (anzi, speriamoci) proprio con la maglia del Torino.
 
Diego Fornero

 
 
Foto Fornero
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy