Coppitelli “scopre” Enrici: il salto dall’U17 alla Primavera non fa paura

Coppitelli “scopre” Enrici: il salto dall’U17 alla Primavera non fa paura

Primavera / Il classe 2001 sta scalando le gerarchie: la chance avuta contro l’Udinese è un segnale importante

di Nicolò Muggianu

Dall’Under 17 alla Primavera, un passo importante ma senza fermate intermedie. Un’occasione che non capita a tutti e che Patrick Enrici sta affrontando con l’approccio giusto: tanto spirito di sacrificio, ma nessuna paura. Il classe 2001, grande protagonista dell’ultima cavalcata dell’Under 17 (eliminata in semifinale dalla Roma), sta diventando giorno dopo giorno una pedina sempre più importante anche per la Primavera di Federico Coppitelli.

IDENTIKIT – Acquistato dalla Pro Vercelli nell’estate 2017, Enrici si è subito messo in evidenza tra le fila dell’Under 17. Una vera e propria colonna portante per la squadra allenata da Sesia: 29 presenze complessive la scorsa stagione (26 in regular season e 3 nella fase finale), tutte da titolare al centro della difesa. Senza dubbio uno dei migliori dei suoi e, anche per questo motivo, la scelta di Coppitelli di aggregarlo sin da subito e in pianta stabile tra le fila della Primavera. Senza fargli compiere prima lo step intermedio della Berretti. Pochi altri classe 2001, al momento, sono riusciti a fare altrettanto: soltanto Moreo e Buonavoglia.

CONCORRENZA – Una scelta che è frutto del percorso di crescita del ragazzo, che nel suo pregresso con l’Under 17 ha dimostrato buone qualità e un carattere forte. Caratteristiche che hanno convinto Coppitelli a puntare su di lui sin da subito – e per di più – in un ruolo completamente inedito: quello di terzino sinistro. Nei trascorsi con le giovanili granata infatti, Enrici ha quasi sempre ricoperto il ruolo di difensore centrale (o al più terzo centrale della difesa a tre). Una piccola rivoluzione tattica alla quale il ragazzo sembra essersi adattato alla perfezione e che, come già visto contro Milan e Udinese, sembra in grado di interpretare ad ottimi livelli. Una scelta meritocratica quella di Coppitelli, ma anche dettata dalle necessità: Samake in questo avvio di stagione non ha ancora convinto appieno, mentre Ambrogio al momento dà più certezze sull’out di destra che su quello di sinistra. Eccola allora l’occasione d’oro di Enrici: diventare da sotto-leva il terzino sinistro titolare della Primavera. Una piacevole scoperta, che potrebbe diventare con il tempo una certezza per la Primavera attuale e di quella che verrà.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 2 settimane fa

    Enrici è un prospetto veramente interessante , soprattutto per la sua voglia di imparare e per la sua tecnica individuale. Con Samake ( che io apprezzo molto ) bisogna avere pazienza. Nessun uomo di difesa ha la sua potenza. Deve imparare a gestirsi ed essere più spensierato. Trovo la squadra di quest’anno migliore di quella passata. Ci sono altri giocatori che per ora hanno trovato poco spazio ma che emergeranno e saranno belle sorprese. Soprattutto in attacco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy