Final Eight Primavera: ecco l’Atalanta, di quella vecchia volpe di Bonacina

Final Eight Primavera: ecco l’Atalanta, di quella vecchia volpe di Bonacina

Giovanili / I granata affronteranno la miglior seconda classificata di tutta Italia: Tulissi il bomber, Mazzocchi e Lunetta i gol di contorno. Kresic la variabile nel giro dei prof…

Dopo una cavalcata trionfale nei play off, il Torino Primavera di Moreno Longo ora si appresta a fare il proprio esordio nella Final Eight di categoria. I granata saranno gli ultimi a scendere in campo, essendo inseriti a fondo del tabellone (qui il sorteggio) e affronteranno l’Atalanta guidata da quella vecchia volpe del tecnico Bonacina. L’appuntamento in campo è per domenica 29 maggio, allo stadio Braglia e sarà un match da dentro o fuori, tra i due settori giovanili storicamente più blasonati e gloriosi del panorama nazionale.

Ma come si presenta l’Atalanta a queste Final Eight? Da testa di serie, essendo la miglior seconda classificata d’Italia: 57 punti, frutto di 17 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte. Una media leggermente superiore a quella del Torino che di punti nel girone A ne ha fatti 56. Stesso numero di vittorie durante la regular season, stesso numero di gol realizzati: 53 reti ciascuna.

La difesa, invece, è il punto forte dei granata che con soli 19 gol subiti vanta il terzo miglior pacchetto arretrato di tutto il panorama nazionale. Solamente Inter e Roma infatti hanno subito meno reti e in tale particolare classifica, l’Atalanta si presenta con un bel 23 alla voce: palloni raccolti in fondo al sacco.

Certo, al di là delle singole statistiche, non si possono nascondere i punti di forza degli Orobici, tra i quali spicca il capocannoniere del girone Tiziano Tulissi, con i suoi 15 gol realizzati. Certo non un grande bottino se paragonato ai restanti raggruppamenti, ad esempio, nel Girone A del Torino Tulissi sarebbe stato solamente il 5° miglior marcatore del torneo. Tulissi, però, non segna affatto da solo, anzi. Con lui, anche Mazzocchi (8 reti) e Lunetta (7 reti) si sono ben messi in mostra.

Senza dimenticare quella che in un certo senso potrebbe davvero rappresentare la variabile decisiva: la possibile presenza di Anton Kresic, centrale goleador che l’Atalanta ha soffiato all’Arsenal. Croato, alto 198cm capace di giocare anche davanti alla difesa e già nel giro della Prima squadra con Reja.

Insomma, se il Torino Primavera lo conosciamo bene e con esso anche i suoi talenti, ora abbiamo anche un piccolo specchietto sul prossimo avversario. Appuntamento fissato per domenica 29 maggio alle 18.15: Atalanta-Torino, il quarto di finale dove si scontrano i migliori talenti del panorama nazionale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy