”Per l’amor di Dio, basta con l’Europa”

”Per l’amor di Dio, basta con l’Europa”

di Andrea Ferrini

 

Voglio conquistare il cuore dei tifosi del Corinthians.  Ronaldo mi ha aiutato in questa scelta. Io provo a seguire le sue orme. È una persona importante per me, che mi ha sempre dato dei consigli. Ora non vedo l’ora di giocare, sono stanco di stare fermo”. Come se qualcuno a Trigoria gli impedisse di allenarsi.

Finisce così l’avventura europea…

di Andrea Ferrini

 

Voglio conquistare il cuore dei tifosi del Corinthians.  Ronaldo mi ha aiutato in questa scelta. Io provo a seguire le sue orme. È una persona importante per me, che mi ha sempre dato dei consigli. Ora non vedo l’ora di giocare, sono stanco di stare fermo”. Come se qualcuno a Trigoria gli impedisse di allenarsi.

Finisce così l’avventura europea dell’Imperatore che dice addio al vecchio continente: ”La mia carriera in Europa si è conclusa. Non lascerò più il Brasile. Ho passato fuori 10 anni, e prima di accordarmi con il Corinthians ho ricevuto alcune proposte dall’Inghilterra, ma non ci ho pensato nemmeno un secondo. Per l’amor di Dio, basta con l’Europa. Il mio posto è qui, e non me ne voglio più andare”. Obiettivo futuro? Giocare i Mondiali del 2014 quando Adriano avrà 32 anni.

Si sofferma anche sui comportamenti poco professionali che hanno incrinato i rapporti con le sue ex società, per ultima la Roma. ”Farò il possibile per non arrivare in ritardo agli allenamenti” – ha scherzato l’attaccante – ”ho preso un impegno con me stesso. Sono una persona adulta e firmerò un contratto. Non ci saranno ritardi né assenze ingiustificate”. Lo sperano vivamente sia i tifosi che la società del Corinthians che non ha ancora reso noti i termini economici dell’accordo che lega il giocatore al club fino al 2012.

Duro il commento dell’ormai ex-procuratore di Adriano, Gilmar Rinaldi, che ha definito ”irresponsabile” Ronaldo per il suo determinante intervento per l’intesa tra l’Imperatore e il Corinthians. ”Per me, Adriano non e’ mai stato un progetto di marketing -ha dichiarato Rinaldi-. Ho sempre chiesto per lui un programma di recupero che comprendesse anche l’intervento di uno psichiatra. Spero che il nuovo club possa aiutarlo in tal senso”.

Ed è in effetti la cara vecchia saudade che ha colpito il brasiliano. Eppure lo stesso attaccante rivela che ci sarebbero state anche delle motivazioni sentimentali: ”Credo che il fatto di non essere riuscito a trovare una donna capace di starmi accanto e ascoltarmi sia stata la principale causa dei miei problemi. Sono una persona introversa, e ho bisogno di qualcuno che mi ascolti e mi aiuti a sfogarmi. Spero di incontrare presto la donna giusta da sposare”. Dal doppio mento pare che Adriano abbia sopperito alle carenze di affetto con cioccolatini e gelato.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy