Primavera, con il Verona prove di attacco senza Millico

Primavera, con il Verona prove di attacco senza Millico

Giovanili / Con Millico che potrebbe essere convocato altre volte dalla Prima squadra, Coppitelli potrebbe averlo meno a disposizione

di Luca Sardo

Ventidue gol in 16 presenze. Questo il bottino fino adesso di Vincenzo Millico con la maglia del Toro Primavera in questa prima parte di stagione. Le sue ottime prestazioni hanno attirato senza dubbio l’attenzione del tecnico della Prima squadra Walter Mazzarri che lo ha già convocato per la scorsa partita di campionato contro la Roma di Eusebio Di Francesco. Con Millico che potrebbe essere convocato nuovamente in Prima squadra, il tecnico della Primavera granata Federico Coppitelli potrebbe averlo meno a disposizione. Forse anche pensando a questo lo ha sostituito all’intervallo della sfida di ieri col Verona: un po’ per preservarlo e un po’ per vedere come se la cavava l’attacco senza di lui.

LA SITUAZIONE – Nel match di ieri contro il Verona, Millico è partito titolare al fianco di Rauti e Damascan, sostituito poi all’inizio del secondo tempo da Kone, fresco di rinnovo con i granata fino al 2023. Un primo tempo abbastanza anonimo dell’attaccante classe 2000. L’attacco della Primavera va pensato in prospettiva anche senza Millico, visto che Mazzarri ha confermato che potrebbe convocarlo nuovamente in Prima squadra, magari a partire già dalla prossima partita in programma domenica alle 18 allo Stadio Olimpico Grande Torino contro l’Inter di Spalletti.

DIVERSE SOLUZIONI – Considerando l’impiego di Millico anche con la Prima squadra, Coppitelli potrebbe avere Millico a disposizione poche volte, però ha diverse soluzioni a sua disposizione: Rauti, Petrungaro, Kone, il giovane 2001 Moreo e il neo acquisto Belkheir sono delle valide alternative all’eventuale assenza di Millico. Nel match di ieri Rauti e Petrungaro hanno fatto bene: hanno risolto la partita loro due. Sono giocatori affidabili. Poi c’è Kone che può giostrare anche da esterno offensivo del 4-3-3. Ieri ha inoltre giocato e segnato Damascan (prima gioia con la maglia granata) che però probabilmente andrà via in prestito in questa sessione di mercato. Considerato che Djoulou è andato via e che Buonavoglia si è fermato per problemi cardiaci, resta il giovane 2001 Moreo. Per questo motivo la dirigenza è dovuta intervenire sul mercato: il nuovo innesto si chiama Belkheir, attaccante franco-algerino classe ’99, proveniente dal Brescia. Giocatore che può essere un acquisto di peso anche perché è fuoriquota. Insomma, anche senza Millico Coppitelli è stato rassicurato dalle prove di Rauti e Petrungaro, con il neo acquisto Belkheir tutto da scoprire.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robertozanabon_821 - 2 mesi fa

    Vedo che la “sintesi” non è apprezzata. Dunque vediamo. Se pensate che Belotti, Zaza, Falque, Meite’, Baselli, Edera, Parigini e Berenguer abbiano migliorato il loro rendimento con Mazzarri “spolliciate” pure, in negativo si intende. A me sembra che siano andati tutti in crisi di identità e di personalità con ruoli inadatti e incomprensibili. L’ attacco del Torino non esiste più. Segnano Ansaldi, Rincon, ‘Nkoulou, De Silvestri e, ah sì, Belotti su rigore. Il tutto senza vedere una trama o un’idea di gioco offensivo se non buttare palloni a “rampazzo” e vedere uno che corre con la palla e gli altri intorno “fermi” perché nessuno sa che cosa succederà. Vogliamo “bruciare” anche Millico? Ma sì, avanti c’è posto. Anche Messi, in un paio di settimane, verrebbe reso “catatonico”. Per finire non credo che il Torino prenderà qualcuno proprio per evitare che vada ad aggiungersi a tutti questi fallimenti. E ho dimenticato Soriano. Possibile che questi giocatori siano “rimbecilliti” così tanto e tutti insieme? Salvati Millico, cerca di divertirti e di vincere qualcosa con la Primavera. Per la Prima Squadra, purtroppo, l’inverno è ancora lungo. Molto lungo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robertozanabon_821 - 2 mesi fa

    Vedremo se WM riuscirà a “rovinare” anche Millico e la Primavera. Le premesse ci sono tutte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 2 mesi fa

    Vincenzo, in passato, ha dimostrato di aver carattere e determinazione. Giocò un derby con menisco rotto e questo fa capire la levatura morale ma, le prove, non sono finite. Il salto che si prepara per lui è notevole. Gli auguro ogni bene e spero che non si faccia condizionare da fattori esterni. Bene gli allenamenti e le convocazioni in prima squadra ma non faccia mancare il suo apporto in primavera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 2 mesi fa

      Al gobbo di merda non sta bene che io faccia complimenti a Millico. Bravo gobbo bast.ardo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy