Primavera, giudizi rimandati al campionato: dal “Mamma Cairo” segnali positivi

Primavera, giudizi rimandati al campionato: dal “Mamma Cairo” segnali positivi

Giovanili / Nonostante la doppia sconfitta i granata hanno lasciato intravedere buone basi: il lavoro di Coppitelli è appena cominciato, e dal mercato qualcosa può ancora arrivare…

3 commenti

Ogni giudizio inevitabilmente rimandato al campionato: il Torino Primavera di Federico Coppitelli incappa nel doppio ostacolo milanese e si qualifica ultimo al quarto “Memorial Mamma Cairo” lasciando tuttavia intravedere ottimi segnali  e buone potenzialità, di gruppo come individuali. La stagione deve ancora cominciare ufficialmente ed il torneo è senza dubbio servito come banco di prova importante per i granata, in vista di un’annata lunga e ricca di aspettative: vero è che le avversarie affrontate erano formazioni di assoluta qualità e di certo non nelle condizioni del Torino.

Il principale motivo per cui le valutazioni sono al momento da sospendere è infatti sotto gli occhi di tutti: il lavoro di Coppitelli sulla panchina granata è appena cominciato, e l’organico ha subito numerosi e pesanti cambiamenti rispetto alla passata stagione. La frattura con il ciclo di Longo è evidente, ed è giusto che sia così: il nuovo tecnico ed i ragazzi hanno quindi bisogno di trovare il giusto equilibrio per percorrere il sentiero tracciato negli anni precedenti. Al contrario, ad esempio, il Milan è un avversario ostico: la prestazione della Primavera granata contro i rossoneri non è sicuramente stata positiva, tuttavia si tratta di una formazione che si conosce a memoria costituita non soltanto da molti ragazzi di assoluta qualità, ma anche da elementi che giocano insieme da due-tre anni, fattore fondamentale.

Elemento sottolineato anche dallo stesso Coppitelli a fine incontro: “Il Milan, come la Juve, ha una sua identità, mentre noi su questo paghiamo ancora qualcosa essendo all’inizio del ciclo.” (QUI le dichiarazioni complete del tecnico) Inoltre sono stati proprio i rossoneri, ieri sera, ad aggiudicarsi il trofeo strapazzando anche la Juventus in finale: 6-3 il risultato al termine dell’incontro, numeri che in qualche modo contribuiscono a rendere meno amara la prestazione dei granata ed a riabilitarla parzialmente. Nella sfida di ieri contro l’Inter – persa ai calci di rigore dopo l’1-1 nei tempi regolamentari – il Torino ha invece certamente mostrato una buona reazione dimostrandosi già squadra più compatta in particolare in fase difensiva, e non mancando di offrire spunti offensivi interessanti pur contro una formazione di valore.

P1350840

Non bisogna infine dimenticare che anche per quanto riguarda la formazione Primavera il mercato può ancora riservare delle sorprese ed in particolare dei ‘regali’ per il tecnico: novità attese sia in entrata, alla voce difesa e centrocampo, che anche in uscita attraverso le probabili cessioni di alcuni fuori quota e non soltanto. L’organico granata verrà con ogni probabilità ulteriormente rinforzato prima dell’avvio ufficiale di questa lunga stagione.

Per quanto riguarda questi primi due incontri nel frattempo, diversi giocatori hanno già saputo mettersi in mostra sfruttando al meglio le occasioni: buone prestazioni in particolare da Berardi e Traore, che possono davvero essere valori aggiunti per questa formazione, così come lo stesso De Luca autore di una marcatura nell’unica vera occasione capitatagli sotto porta. Da seguire sarà poi l’avvincente duello in porta, con Cucchietti e Coppola che hanno entrambi ben figurato e con ogni probabilità si sfideranno settimanalmente per il posto da titolare; buoni spunti anche dalla coppia difensiva AurilettoBuongiorno, entrambi scuola Toro, sicuramente da registrare ma che ha fatto intravedere ottime potenzialità. Il “Mamma Cairo” quindi come esperienza positiva, per una Primavera ancora in cerca del giusto equilibrio ed in attesa di importanti novità dal mercato, in vista di una lunga stagione da affrontare.

Bosio – Sartori

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. torino0405 - 7 mesi fa

    Forza Ragazzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. al_aksa_679 - 7 mesi fa

    Se il Milan sta bene perchè ha un gruppo coeso, è la prova che Cairo sta lavorando male.
    PRIMA di Cairo, anche il Torino faceva così, coi ragazzi del Filadelfia. Sono anni che si comprano (diciamo meglio, si ingaggiano svincolati e si chiedono prestiti) decine di giocatori ad ogni mercato. Fanno così schifo i nostri giovanissimi e allievi???
    L’identità e l’appartenenza che fine fanno con gli undici stranieri che abbiamo ora in primavera?
    Grazie ancora, Cairo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. DELTA - 7 mesi fa

    buone basi ??? hahahahaha … non so se stanno meglio questi ragazzi o la prima squadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy