Primavera, le pagelle di Palermo-Torino 3-2: Millico non basta, fragilità in difesa

Primavera, le pagelle di Palermo-Torino 3-2: Millico non basta, fragilità in difesa

Finisce con una beffa il primo impegno in stagione dei granata: ecco le nostre pagelle.

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Finisce in maniera amarissima il primo impegno in campionato per i granata di Coppitelli, che perdono 3-2 all’ultimo minuto contro il Palermo. I granata, sotto di due gol, riescono a pareggiare con la doppietta di Millico, ma si fanno superare ad un minuto dalla fine dal gol di Louka. Beffa amara, per un risultato forse ingiusto ma che deve fare riflettere.

GEMELLO 6.5: poteva fare qualcosina di più sul secondo gol di Cannavò, anche se comunque il colpo di testa era molto ravvicinato. Si supera su Lucera e Louka nella ripresa, con due interventi quasi incredibili. Non può niente sul gol di Louka.

AMBROGIO 5.5: si perde Cannavò in diagonale sul raddoppio rosanero. Poi reagisce con personalità con alcuni spunti che fan ben sperare per il futuro. Nel finale di primo tempo Avogadri gli nega il gol (1′ st SAMAKE 6: entra bene il terzino granata, mettendo cross su cross dalla sinistra)

CAPONE 5: la velocità degli attaccanti palermitani lo mettono in difficoltà. Si dimentica Cannavò in area sul primo gol, non scalando con i tempi giusti. Si fa saltare davanti da Louka nella beffa finale.

FERIGRA 6: solita sicurezza palla al piede, dalla sua parte i rosanero non hanno vita facile. Nel finale salta a vuoto sul gol della beffa, anche se Louka doveva essere marcato da Capone.

GILLI 6: dirottato sulla sinistra, spinge meno palla al piede. Questo cambio di fascia, comunque, gli può far solo bene per migliorare la sensibilità di entrambi i piedi.

ADOPO 6: inizia bene, per poi avere una flessione a metà primo tempo come tutta la squadra. Dal suo piede, però, nasce l’assist per Millico. Nella ripresa sparisce un po’ dai radar. (41′ st ONISA sv)

Primavera, Palermo-Torino 3-2: rimonta granata, poi la beffa finale

ISACCO 5.5: un po’ nascosto tra le maglie rosanero, il regista granata gioca semplice e lo fa discretamente. Manca po’ più di coraggio in alcune scelte, deve crescere (1′ st MURATI 6: ci mette un po’ ad entrare in partita, ma non sbaglia quasi niente. Sfiora il gol del potenziale vantaggio colpendo una traversa clamorosa dai 25 metri. Sfortunato)

DE ANGELIS 6.5: solito crack a centrocampo. Quando tocca il pallone col mancino la palla canta. E’ il pericolo numero uno della mediana, e nella ripresa dalla sua iniziativa nasce il rigore del 2-2. Fondamentale.

KONE 6: elettrico come al solito, non si ferma mia. Tira da ogni posizione e prova a cercare i compagni col suo mancino preciso. Generoso anche in copertura, può però essere più preciso (18′ st PETRUNGARO 6: entra bene l’esterno granata, chiedendo palla e facendosi vedere. Va vicino al gol con un ottimo inserimento)

MILLICO 7: qualità, quantità e concretezza. Tanta corsa per la squadra in fase di non possesso e classe quando la palla è tra i piedi. Gol da attaccante vero quello della speranza, freddezza da “grande” nel rigore del 2-2. Inizia alla grande il suo campionato.

RAUTI 6.5: la gara non è semplice e lui lavora per liberare gli spazi lì davanti, riuscendoci discretamente. Avogadri gli nega il gol con un miracolo nel primo tempo, e nella ripresa guadagna il rigore del pareggio granata. (36′ st MOREO sv)

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13994054 - 2 mesi fa

    Più che umiltà dovrebbero capire la tattica, si scontrano troppo fra loro e corrono troppo dietro e con la palla, dovrebbero giocarla di più e con meno uforia. Comunque il tempo e la buona volontà aiuta. FORZA RAGAZZI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13994054 - 2 mesi fa

    Più che umiltà dovrebbero capire la tattica, si scontrano troppo fra loro e corrono troppo dietro e con la palla, dovrebbero giocarla di più e con meno uforia. Comunque il tempo e la buona volontà aiuta. FORZA RAGAZZI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. toro71 - 2 mesi fa

    non sono completamente d’accordo con la fragilità difensiva… in realtà secondo me c’è stata poca umiltà, come al torneo mamma Cairo…. si credono troppo forti (effettivamente lo sono) ma se non cambiano atteggiamento… prenderanno tanti schiaffi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-14003131 - 2 mesi fa

      Già …

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy