Primavera, primi segnali da Damascan: si affina l’intesa con i compagni

Primavera, primi segnali da Damascan: si affina l’intesa con i compagni

Primavera / Il moldavo è in crescita: suo l’assist per il gol del momentaneo 0-2 di Millico

di Nicolò Muggianu

Passo dopo passo. È cominciata in salita l’esperienza granata di Vitalie Damascan, ma l’attaccante acquistato lo scorso inverno dal Torino per un milione di euro dai moldavi dello Sheriff Tiraspol sta cercando di dimostrare il proprio valore sul campo. Dopo due partite in chiaroscuro contro Milan ed Empoli, il numero 9 della Primavera di Coppitelli è parso finalmente parte integrante della manovra offensiva della squadra.

Primavera, le pagelle di Udinese-Torino 0-3: il “gol alla Millico” è un marchio di fabbrica

FIDUCIA – Suo l’assist per il gol del momentaneo 0-2 segnato da Millico: una verticalizzazione precisa, che ha permesso al fantasista classe 2000 di ritrovarsi a tu per tu con il portiere dell’Udinese. Una giocata non isolata per Damascan che, rispetto alle prestazioni precedenti, è parso maggiormente coinvolto dai compagni in fase di costruzione e allo stesso tempo più pericoloso in fase conclusiva. Due le occasioni da gol create: due conclusioni, tra il 30′ e il 35′, terminate di poco alte. Segnali di crescita, che serviranno a dare fiducia al ragazzo in vista dei prossimi impegni.

Primavera / Udinese-Torino 0-3, Coppitelli: “È l’anno di Millico”

DIFFICOLTÀ – Intanto Coppitelli continua a dargli fiducia, nonostante le evidenti difficoltà. Ma c’è da considerare che non è facile (e lo è ancora meno per un ragazzo di soli 19 anni) fare la spola tra Primavera e Prima Squadra. Per due motivi principali: uno psicologico, che fa sentire il ragazzo in una sorta di limbo per cui deve allenarsi con i “grandi” per poi giocare nel week end con la selezione giovanile. Il secondo invece di carattere puramente pratico: passando poco tempo con i compagni della Primavera è più complicato entrare nei meccanismi e negli automatismi di squadra. Un problema che Coppitelli conosce bene, e che sta provando a combattere con iniezioni di fiducia al ragazzo. E per ora la “cura” sembra aver dato i primi frutti.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14003131 - 1 settimana fa

    Per me rimane un oggetto misterioso.. giusto però dargli qualche chance, magari in prestito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BIRILLO - 2 settimane fa

    Difficile per Damascan con tutte le aspettative che abbiamo.. Però a parte un leggero miglioramento e approccio rispetto contro Milan ed Empoli lo vedo molto triste. Lo ridarei in prestito a qualche squadra di B o ancora meglio in Moldavia vicino alla famiglia, per crescere, poi si vedrò. La foto di copertina prossima sarà di Millico che si aggrega alla prima squadra ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bischero - 2 settimane fa

    Ci va del tempo per un ragazzo così giovane catapultato da un ambiente così diverso rapportarsi nel calcio dei grandi. Perché seppur primavera cé un abisso fra il calcio moldavo e quello italiano. Speriamo ci abbiano visto lungo. Un anno di ambientamento ci sta tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granata - 2 settimane fa

    Le qualità, il ragazzo , le ha eccome a dispetto di chi, senza nemmeno sapere il suo nome, lo ha bollato come un bidone. Damascan ha la fortuna di interagire con due allenatori, Mazzarri e Coppitelli, che ,seppur con caratteristiche diverse, con i giovani, ci sanno fare. Adesso tocca a lui far vedere di cosa è capace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy