Primavera Torino, Bava: “Grazie al presidente e a Longo. Se resta? Ha il futuro dalla sua”

Primavera Torino, Bava: “Grazie al presidente e a Longo. Se resta? Ha il futuro dalla sua”

Postpartita / Il responsabile del Settore Giovanile fa il punto della situazione al termine della regular season

Al termine di Torino-Sassuolo, il Responsabile del Settore Giovanile commenta con i giornalisti quanto visto oggi, con il Torino che si deve accontentare dei play-off di qualificazione alle Final Eight. Ecco le sue parole:

“A chiusura della regular season ci tenevo a dire due parole per ringraziare pubblicamente tutti i giocatori e tutto lo staff tecnico. Hanno lavorato benissimo e hanno fatto di nuovo una stagione ad alti livelli. Abbiamo vissuto la grande esperienza della Youth League, giocando in stadi veri, un’esperienza formativa; abbiamo anche mandato Edera in Prima Squadra; abbiamo fatto un girone di ritorno a livelli stellari”.

Dove ha perso la Primavera del Torino i punti decisivi? “Abbiamo fatto due pareggi tra Novara e Trapani nel girone di andata, tra gli impegni di Youth League. Ma ora non vogliamo pensare a cosa ci è mancato ma cosa abbiamo: 23 giocatori in prestito tra Serie B e Lega Pro e un vivaio ai massimi livelli. Non posso che ringraziare in particolare due persone: il presidente Urbano Cairo e l’allenatore Moreno Longo. Se sarà ancora lui l’allenatore dell’anno prossimo? Dobbiamo parlarne col presidente. Ci siamo già incontrati, lui è stato molto positivo, ora dobbiamo parlarne tutti insieme. Longo è un allenatore importantissimo, molto richiesto, il futuro è dalla sua. Ma io non ho la sfera di cristallo. Per adesso mi godo il fatto di essere a capo di questo vivaio fantastico e sono felicissimo di questo”.

Bava poi parla dell’esperienza a Barcellona: “Un’esperienza formativa, abbiamo visto i Settori Giovanili di Espanyol e Barcellona, sia io che Benedetti abbiamo imparato molto e non ci fermeremo qui: abbiamo in programma anche di studiare da vicino i vivai di Benfica e Anderlecht. Poi, un altro obiettivo importante a breve termine è vedere tanti giocatori cresciuti nel Toro giocare in Serie A. Le squadre B? E’ un progetto importante. Se ne è parlato in Lega Calcio, ora vedremo che parere dare a livello di società”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy