Primavera, Torino-Palermo 4-0: Petrungaro-show, granata in vetta

Primavera, Torino-Palermo 4-0: Petrungaro-show, granata in vetta

Primavera / Approccio fiacco, svolta nella ripresa: Coppitelli la vince con i cambi

di Nicolò Muggianu

Finisce 4-0 al Filadelfia tra Torino e Palermo, nel match valevole per la 16° giornata del campionato Primavera 1. La squadra di Federico Coppitelli comincia il girone di ritorno con una vittoria: decide la tripletta di Petrungaro tra il 53′ e il 59′ e il gol di Millico al 93′.

LA PARTITA – Tante le defezioni per Coppitelli, costretto a schierare un Torino con i cerotti. In difesa out Ferigra (squalificato) e Capone (scelta tecnica), c’è Ambrogio al fianco di Sportelli in una difesa del tutto inedita. In attacco spazio a Murati e Damascan per sopperire all’assenza di Kone e a quella di Rauti, non al 100% della condizione. La partita si accende all’8′, quando un’invenzione di Millico libera Damascan all’interno dell’area di rigore del Palermo. Il moldavo però fallisce di testa da posizione favorevole. Al 33′ la risposta del Palermo, che colpisce una traversa con un tiro dalla distanza di Santoro. Il primo tempo finisce a reti bianche: 0-0, con le notizie che arrivano da Zingonia che vedono l’Atalanta momentaneamente sotto per 1-3 contro il Genoa.

LA SVOLTA – Nella ripresa Coppitelli capisce che bisogna cambiare qualcosa: fuori De Angelis e Damascan, dentro Petrungaro e Rauti. Si passa al 4-3-3. La differenza si percepisce subito: al 47′ occasione d’oro per Millico, che però si fa ipnotizzare da Avogadri da dentro l’area di rigore. Il Torino con Rauti e Petrungaro è tutta un’altra squadra. Dopo un paio di ottime occasioni, il vantaggio granata arriva al 53′ proprio con Petrungaro, che supera Avogadri con un pallonetto perfetto. L’ex Roma in sette minuti si scatena e chiude il match con una tripletta: prima un tap-in di testa al 56′ e poi un sinistro deviato da dentro l’area di rigore al 59′. In pieno recupero arriva anche il poker di Millico, che fa 24 in stagione ed è sempre più leader della classifica marcatori. Vittoria fondamentale per i granata che, complice la sconfitta casalinga dell’Atalanta contro il Genoa, agganciano la Dea al primo posto in classifica.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 3 mesi fa

    Rauti è “politicamente” definito “non al 100% della condizione”, quindi fuori lui per fare posto a Damascan.
    Ma con Damascan in campo non si combina nulla.
    L’articolista stesso ammette poi che, uscito Damascan ed entrato Rauti,.”è tutta un’altra musica”: 4 gol nel solo 2° tempo ed il Toro stravince.
    È la seconda volta (se non la terza) nella stagione che Rauti viene sacrificato per fare spazio a Damascan, e le cose subito vanno peggio.
    Capisco che il moldavo “è costato fior di quattrini”, e lo si vuole “valorizzare” ad ogni costo, ma non si è rivelato pronto non solo per la prima squadra(a cui era destinato), ma neppure per la Primavera!
    Peggio di Sadiq!
    Bisogna continuare a sacrificare Rauti per fare posto a lui e peggiorare il rendimento dell’intera squadra?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Partita dai due volti che a mio avviso ha evidenziato 1 La duttilità di “Coppi” nella lettura del match variando modulo in corso d’opera unitamente ad alcuni interpreti 2 La sensazione che intorno a Millico si stia sollevando troppo clamore che inevitabilmente lo frastorna.Lasciamolo giocare in Primavera con serenità e ritengo poco utile aggregarlo per ora alla prima squadra.Complimenti comunque a questi ragazzi che stanno onorando al meglio la ns. maglia.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. generazionenuova - 3 mesi fa

    Troppo presto per parlare, ma l’impressione che una nuova generazione “ragazzi d’oro” sia pronta per esplodere c’é tutta! Coccoliamoceli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy