Primavera / Torino-Verona 6-3 d.c.r., Coppitelli: “Siamo un grande gruppo”

Primavera / Torino-Verona 6-3 d.c.r., Coppitelli: “Siamo un grande gruppo”

Giovanili / Le parole del tecnico granata Coppitelli

Al termine di Torino-Verona, la semifinale dei Play-Off Primavera vinta dai granata di Coppitelli ai calci di rigore (qui la diretta) ha parlato il tecnico granata Federico Coppitelli. Ecco le sue parole.

“Partita difficile, ma il risultato ci soddisfa. Complimenti ai nostri avversari, una squadra di qualità come ci aspettavamo, ma credo che il passaggio del turno nostro sia meritato. Loro sono stati meno pericolosi, nei supplementari abbiamo preso due traverse. Complimenti ai ragazzi: abbiamo dimostrato di essere un grande gruppo”.

Decisivi i cambi, specie De Luca.

“De Luca si era un po’ chiuso in se stesso perchè gli mancava il gol. Ho cerca di togliergli pressione. E’ stato molto bravo, ma anche gli altri subentrati: Oukhadda ha preso due traverse, Piscopo ha dato il cambio di passo. Siamo contenti per il passaggio del turno e per la prestazione messa in campo. Oggi si sono visti, da entrambe le parti, ragazzi che possono puntare a diventare professionisti”.

Coppitelli poi prende parola in conferenza: “Sono sempre esigente. L’avvio è in linea con quelle che sono le nostre caratteristiche, eccetto quei 10′ loro non sono stati pericolosi. Il loro attacco è forte e lo sapevamo. Le cose negative sono sicuramente i due gol, abbiamo bisogno d conferme durante la partita, e la seconda ingenuità soprattutto è stata pesante. Penso che oggi siamo stati più puliti nell’uscita, facendo le cose per bene: ovviamente con le due punte siamo stati un pochino più ficcanti. Difesa a 3? Io cerco di leggere la squadra. Nel secondo tempo eravamo morti, tanti mi han chiesto il cambio. La difesa a tre mi sebra ci lasci più il controllo del gioco, il fatto che mancava Traoré mi ha fatto optare per questa scelta. Se non hai i cambi in corsa si fa fatica, e i cambi te la possono spaccare. Abbiamo anche premiato chi ha fatto bene nelle ultime due partite, e De Luca era in un momento psicologico anche complicato”

Coppiteli prosegue: “Cattiveria di De Luca? Quando ti succede qualcosa che non ti aspetti, devi mantenere equilibrio. Se entri in campo pensando di fare sempre gol, è diverso: passo dopo passo, c’è anche entrare dalla panchina. Mettere anche Berardi da subito in panchina non mi sembrava il caso, non è nel suo momento migliore ma non ha fatto male. Per la prossima partita, spero di recuperare Traorè, mancherà Rossetti squalificato. Siamo contenti perché al di là di tutto – s poteva anche uscire ai rigori – abbiamo battutto una squadra importante, dimostrando il passaggio del turno. Questi ragazzi hanno cuore. Simao arrivati tra le prime dodici d’Italia, e in un anno del genere è una cosa molto importante. Nell’intervallo cosa gli ho detto? Le stesse del fine primo tempo contro l’Atalanta: lottiamo, giochiamo e vediamo cosa succede. Dobbiamo capire che siamo una squadra forte. Piscopo mi dispiace non avercelo avuto ad agosto, abbiamo provato a farlo giocare a trequarti, non è andata. Oggi è entrato bene. L’ho inserito dopo, pensando a Rossetti e Bortoletti, Piscopo è uno che sa che si può fare la differenza anche entrando. Piscopo può fare molto di più, ogni tanto fa qualche leziosità e noi volevamo fare qualcosa di più pratico: siamo ancora un po’ incompleti, ma va bene così”

Infine, Coppitelli: “Samp o Empoli? La Samp la conosco meno, l’Empoli la conosco ed è molto forte. Non ho preferenze, di pancia preferire giocare in casa.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy