Primavera / Torino – Virtus Entella, parla Longo: “E’ la Final Eight più bella di tutte”

Primavera / Torino – Virtus Entella, parla Longo: “E’ la Final Eight più bella di tutte”

Primavera, Torino – Virtus Entella 1-0 / Le dichiarazioni post partita del tecnico granata: “Grazie ai miei giocatori e allo staff: è un traguardo importantissimo per tutti noi. Il momento più bello? Il derby vinto…”

 

Si è presentato in sala stampa dopo Torino – Virtus Entella il tecnico del Torino, Moreno Longo. ecco le sue parole:

Serviva una vittoria a prescindere, è arrivata oggi la certezza della qualificazione: “Avevo chiesto ai ragazzi una partita concreta. In queste partite, non conta essere belli, conta il risultato. Ci sono delle situazioni in cui bisogna vincere in tutti i modi. Sapevamo che l’Entella poteva crearci delle difficoltà. Però sapevamo anche che lo Spezia, prima o poi, poteva sbagliare una partita. Sono molto felice per questa qualificazione: questi ragazzi hanno fatto quet’anno qualcosa di incredibile. Ora è il momento di festeggiare e di goderci questo grande traguardo raggiunto”.

“All’inizio dell’anno avremmo firmato per i play-off. Poi, strada facendo, la crescita dei ragazzi è stata continua e costante, tanto da permetterci di spostare l’asticella alle Final Eight. E’ un traguardo ancora più importante della Finale Scudetto dell’anno scorso, tutto nuovo, gli addetti ai lavori giudicavano l’annata 1996 del Toro come disgraziata e invece…”

“Alle Final Eight ci presentiamo non da favoriti, ma con la consapevolezza di potercela giocare con tutti. Può succedere di tutto come visto l’anno scorso. Sicuramente, con 56 punti ottenuti in un Girone così difficile, tutti devono sapere che dovranno fare i conti con noi. Vogliamo andare con la consapevolezza di poter dire la nostra”

“Questa è la vittoria di ragazzi che sono cresciuti con costanza. E’ la vittoria di giocatori venuti fuori col tempo, come Zenuni, Debeljuh e Mantovani, che sono venuti fuori col tempo e sono diventati importanti”.

“L’espulsione di Thiao? Innanzitutto c’è stata preoccupazione per il ragazzo dell’Entella, che stava davvero male. Ma l’errore dell’arbitro, che ha visto una testata, è stato marchiano e ha rischiato di rovinare la partita. Quaranta minuti in dieci con questo caldo: non è stato facile per i miei ragazzi condurre in porto questa vittoria. Già il giallo sarebbe stato troppo, perché la buona fede di Thiao era totale. Pensate che anche Baldanzeddu ha detto all’arbitro che era stato un testa contro testa fortuito. Ma si sa, quando gli arbitri prendono una decisione, difficilmente tornano indietro”:

“Il momento più bello? IL derby vinto. C’era una posta in palio enorme. Il momento più brutto invece sicuramente la sconfitta 3-2 a Firenze, quando eravamo avanti di due gol all’intervallo. Volevamo arrivare primi, lì il sogno è esaurito, anche lì per errori dell’arbitro”.

“Per correttezza non mi piace dire adesso chi è stato più o meno protagonista. Dico solo che abbiamo fatto un grande lavoro. Abbiamo tanti addetti ai lavori che hanno notato parecchi nostri ragazzi. Questo servirà a loro per guadagnarsi una chance nel calcio professionistico”.

“A livello personale sono contento di aver dato la quarta Final Eight consecutiva per il Torino. Sono solo orgoglioso. Poter lavorare con questi ragazzi, per questa società che per me rappresenta tanto, è una cosa fantastica. Spero di aver dato un piccolo contributo per la crescita di questi ragazzi. Questa Final Eight forse mi rende ancora più felice che nelle precedenti perché avevo tanto da perdere anche in prima persona dopo i risultati degli anni scorsi. Credo che questo sia un traguardo davvero importante”.

“Non mi sono mai pentito della scelta fatta l’estate scorsa, di rimanere qui al Toro. E’ stata un’annata difficile, mi sono rimesso in discussione ricominciando da zero. In Primavera ogni anno ricominci daccapo. Un po’ di pressione quest’anno c’era: abbiamo dimostrato che col lavoro tutte le cose alla lunga si sistemano”.

“Ci fa piacere che le Final Eight siano in Liguria perché sarà più facile per i tifosi raggiungerci”

“Voglio finire ringraziando i miei ragazzi ancora una volta. Grazie alla loro voglia di mettersi in discussione hanno centrato un obiettivo importante per la loro carriera. Insieme a loro, un grazie anche allo staff, formato da professionisti seri che hanno sempre lavorato al massimo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy