Torino Primavera, Rauti fa 14 e punta in alto: “Ora vogliamo vincere tutto”

Torino Primavera, Rauti fa 14 e punta in alto: “Ora vogliamo vincere tutto”

Focus on / Il centravanti granata sta vivendo una stagione da protagonista, giunto a quattordici go tra campionato, coppa e Supercoppa

di Alberto Giulini, @albigiulini

Non c’era Millico, ieri sera, quando la Primavera del Toro è stata chiamata ad una grande impresa per sconfiggere l’Atalanta e conquistare la finale di Coppa Italia per il secondo anno consecutivo. E così, quando i ragazzi di Coppitelli hanno avuto l’occasione di sbloccare l’incontro su rigore, dagli undici metri si è presentato Nicola Rauti.

QUATTORDICI STAGIONALI – E il numero nove, dal dischetto, si è mostrato freddo e preciso: palla sotto l’incrocio dei pali e Toro in vantaggio. Un rigore calciato perfettamente nonostante le grandi pressioni, a dimostrazione di grandissima personalità. “Non pensavo a nulla, solo a fare gol e sapevo che lo avrei fatto” ha raccontato il giocatore a Torino Channel. E per Rauti, il gol messo a segno ieri contro l’Atalanta, è il quattordicesimo stagionale tra campionato, Coppa Italia e Supercoppa. Una grandissima stagione, insomma, passata probabilmente in secondo piano per “colpa” di Vincenzo Millico. Perché è vero che la stagione di Millico è stata finora da urlo, ma non bisogna commettere l’errore di sottovalutare l’altro “gemellino” del gol.

Primavera, le pagelle di Torino-Atalanta 2-0: Rauti decisivo, Damascan a metà

ATTACCANTE COMPLETO – Si sta dimostrando un attaccante completo Rauti, sempre pronto a sacrificarsi per aiutare i compagni ma senza perdere lucidità sotto porta. Un numero nove che, in passato, ha dimostrato di poter dire la sua anche in posizione decentrata. Nella scorsa stagione, con un Butic grande protagonista al centro dell’attacco, Rauti è stato infatti impiegato in diverse occasioni da esterno, ruolo in cui non ha affatto sfigurato (alla fine dell’annata 2017/18 le reti sono state 8, da sottoleva). E in questa stagione il giocatore sta raccogliendo i frutti del grande lavoro svolto, vivendo una stagione da assoluto protagonista. Ed ora, con Millico ancora assente, sarà lui a doversi caricare l’attacco sulle spalle trascinando la squadra nella prossime gare. E il giocatore non si è affatto nascosto, anzi: “Vogliamo vincere tutto. Sentiamo l’odore della vittoria ma ora ci sono le finali e pure quelle si devono vincere”.

 

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Garnet Bull - 3 mesi fa

    Vero cuore toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. anpav - 3 mesi fa

      Si, tecnicamente al momento è inferiore a Millico.
      Ma ha grande grinta e fisico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy